Anoressia Bulimia. Esiste una famiglia tipo?

Tuttavia nella pratica capita di osservare con una certa frequenza il ricorrere di determinate costellazioni familiari. Vediamo cioè presentarsi spessissimo specifiche tipologie di padri e di madri. Questo fatto, come abbiamo appena detto, non significa che i padri e le madri siano la causa del disagio dei figli. Indica piuttosto l’esistenza di una precisa logica che ne governa la psiche e dunque per certi versi il comportamento osservabile.

Prima di addentrarci in una sua spiegazione vediamo velocemente quali sono queste tipologie che spesso incontriamo. Possiamo osservare madri che hanno escluso la loro dimensione femminile a favore dell’essere solo madri e viceversa donne che rifiutano la maternità per dedicarsi completamente alla cura della loro bellezza. Sul lato dei padri capita di incontrare uomini o completamente identificati nel ruolo di garanti della norma e della legge, o al contrario nella posizione per nulla paterna di amici e compagni di gioco delle figlie.

Che tipo di logica vi sta quindi dietro? Salta subito all’occhio come le figure descritte individuino dei tipi totalmente opposti gli uni dagli altri. Abbiamo la madre solo madre e la madre solo donna. Il padre solo padre padrone e il padre amico. Questa polarizzazione indica precisamente quella che in psicoanalisi chiamiamo disgiunzione di DESIDERIO e LEGGE. Il desiderio e la legge nella psiche di questi soggetti non funzionano in maniera armonica ma si disgiungono appunto, si staccano. Abbiamo allora il desiderio senza la legge (la madre tutta donna, il padre tutto amico) e la legge senza il desiderio (la madre tutta madre e il padre tutto padrone).

Cosa significa dire che legge e desiderio devono stare insieme per far vivere armonicamente un soggetto? Riducendo molto potremmo affermare che l’essere umano per assaporare uno stato di benessere ha la necessità di tenere in equilibro spinta vitale (desiderio) e senso della misura, del limite (legge). Nessuna delle due dimensioni dovrebbe prevalere completamente sull’altra nella nostra mente. Altrimenti il rischio per noi è quello di essere tiranneggiati e schiacciati da una sola forza che non trova alcun contrappeso che la temperi.

Quando la legge e il desiderio si separano siamo sostanzialmente in balia del nostro super io. Il super io della legge ci dice DEVI, a discapito di qualunque spinta vitale. Il desiderio disgiunto dalla legge diventa invece godimento. Ed esiste proprio anche un super io del godimento, che ci dice GODI, ci impone come valore assoluto una spinta pulsionale che rovescia qualsiasi volontà e che si rivela al fondo distruttiva.

Come si connette tutto ciò all’anoressia bulimia? Il soggetto anoressico bulimico si trova dunque immerso in famiglie governate dalla logica della disgiunzione fra legge e desiderio. Fatica a incontrare il limite nell’Altro o al contrario è imprigionata in una legge senza deroghe. L’anoressia per un verso esprime l’egemonia del super io della legge: non mangiare!. La bulimia sull’altro versante dà corpo all’egemonia del super io del godimento: mangia tutto!

Ricordiamo come in ogni caso la funzione che questi disturbi hanno per la psiche dei soggetti va poi oltre, assume una portata sempre individuale e soggettiva. Essere magrissime piuttosto che mangiare devastando tutto possono essere ad esempio un modo di mancare all’Altro, di essere finalmente visti o di difendersi dalla sua intrusività angosciante.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961