Anoressia Bulimia. Esiste una famiglia tipo?

Senz’altro la famiglia gioca un ruolo nella genesi di un disturbo della condotta alimentare. Non dobbiamo però pensare che ne sia tout court la causa, dato che il sintomo ha sempre un valore individuale e soggettivo per chi lo patisce e non è mai semplicemente l’espressione del malessere della famiglia.

Tuttavia nella pratica capita di osservare con una certa frequenza il ricorrere di determinate costellazioni familiari. Vediamo cioè presentarsi spessissimo specifiche tipologie di padri e di madri. Questo fatto, come abbiamo appena detto, non significa che i padri e le madri siano la causa del disagio dei figli. Indica piuttosto l’esistenza di una precisa logica che ne governa la psiche e dunque per certi versi il comportamento osservabile.

Prima di addentrarci in una sua spiegazione vediamo velocemente quali sono queste tipologie che spesso incontriamo. Possiamo osservare madri che hanno escluso la loro dimensione femminile a favore dell’essere solo madri e viceversa donne che rifiutano la maternità per dedicarsi completamente alla cura della loro bellezza. Sul lato dei padri capita di incontrare uomini o completamente identificati nel ruolo di garanti della norma e della legge, o al contrario nella posizione per nulla paterna di amici e compagni di gioco delle figlie.

Che tipo di logica vi sta quindi dietro? Salta subito all’occhio come le figure descritte individuino dei tipi totalmente opposti gli uni dagli altri. Abbiamo la madre solo madre e la madre solo donna. Il padre solo padre padrone e il padre amico. Questa polarizzazione indica precisamente quella che in psicoanalisi chiamiamo disgiunzione di DESIDERIO e LEGGE. Il desiderio e la legge nella psiche di questi soggetti non funzionano in maniera armonica ma si disgiungono appunto, si staccano. Abbiamo allora il desiderio senza la legge (la madre tutta donna, il padre tutto amico) e la legge senza il desiderio (la madre tutta madre e il padre tutto padrone).

Cosa significa dire che legge e desiderio devono stare insieme per far vivere armonicamente un soggetto? Riducendo molto potremmo affermare che l’essere umano per assaporare uno stato di benessere ha la necessità di tenere in equilibro spinta vitale (desiderio) e senso della misura, del limite (legge). Nessuna delle due dimensioni dovrebbe prevalere completamente sull’altra nella nostra mente. Altrimenti il rischio per noi è quello di essere tiranneggiati e schiacciati da una sola forza che non trova alcun contrappeso che la temperi.

Quando la legge e il desiderio si separano siamo sostanzialmente in balia del nostro super io. Il super io della legge ci dice DEVI, a discapito di qualunque spinta vitale. Il desiderio disgiunto dalla legge diventa invece godimento. Ed esiste proprio anche un super io del godimento, che ci dice GODI, ci impone come valore assoluto una spinta pulsionale che rovescia qualsiasi volontà e che si rivela al fondo distruttiva.

Come si connette tutto ciò all’anoressia bulimia? Il soggetto anoressico bulimico si trova dunque immerso in famiglie governate dalla logica della disgiunzione fra legge e desiderio. Fatica a incontrare il limite nell’Altro o al contrario è imprigionata in una legge senza deroghe. L’anoressia per un verso esprime l’egemonia del super io della legge: non mangiare!. La bulimia sull’altro versante dà corpo all’egemonia del super io del godimento: mangia tutto!

Ricordiamo come in ogni caso la funzione che questi disturbi hanno per la psiche dei soggetti va poi oltre, assume una portata sempre individuale e soggettiva. Essere magrissime piuttosto che mangiare devastando tutto possono essere ad esempio un modo di mancare all’Altro, di essere finalmente visti o di difendersi dalla sua intrusività angosciante.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.