Anoressia Bulimia: perché insorge in età adolescenziale?

Come è noto, il fenomeno anoressico bulimico tende a presentarsi per la prima volta durante l’età adolescenziale. Se oggi assistiamo all’emergenza del sintomo anche in altre fasi della vita, è pur vero che la sua comparsa avviene elettivamente nel periodo di passaggio dall’infanzia alla vita adulta.

Come si spiega questa associazione? Cosa hanno cioè in comune l’adolescenza e i disturbi alimentari? Potremmo dire che il tentativo di separazione dall’Altro genitoriale costituisce il focus attorno a cui ruotano tutte le condotte adolescenziali. Se il bambino è naturalmente docile rispetto alle aspettative dei genitori, è ubbidiente, trova in loro una guida, un riferimento in tutto e per tutto, con lo sviluppo psicofisico tipico dell’età puberale si assiste ad un cambiamento radicale rispetto alla posizione di cieca sottomissione rispetto al volere dell’adulto. L’adolescente, grazie allo sviluppo del ragionamento astratto, inizia ad avere opinioni proprie, che spesso divergono da quelle dei genitori. Vuole affermare una sua identità, si nutre di modelli ricercati al di fuori della famiglia, un ambiente ormai troppo ristretto. Inoltre il risveglio delle pulsioni sessuali lo espone ai primi contatti con l’altro sesso e ai rischi connessi: rifiuti, strappi dolorosi, incomprensioni. Per le ragazze a volte è proprio un’attesa d’amore delusa a scatenare l’esordio del sintomo, perché riattiva qualcosa che non è stato risolto in rapporto alla relazione affettiva con i genitori.

Parallelamente vediamo nella condotta anoressico bulimica un modo, seppur patologico, di separarsi dalla presa del genitore. Non mangiando niente o al contrario mangiando tutto la giovane mette in scacco l’adulto, rovescia i rapporti di forza. Disorientandolo con i suoi comportamenti sfrenati lo mette di fatto in una posizione di subordinazione e lo riduce all’impotenza. Così facendo la spinta all’emancipazione si trasforma in una forma distruttiva, che dunque non libera ma rende ancor più schiavi.

Ma allora perché abbiamo separazioni “sane” e separazioni “patologiche”, quali quelle introdotte dai disturbi alimentari? La spinta verso l’indipendenza, anche quando rimane dentro i confini della “normalità” non è mai un percorso facile e senza conflitti. Tuttavia se gli adulti sanno rinunciare al controllo totale che avevano esercitato fino a pochi anni prima sui loro figli bambini, se hanno altre passioni e ragioni di vita al di là di loro, possono fornire quella distanza minima che consente all’adolescente di portare avanti le sue sperimentazioni senza sensi di colpa e senza percepire ricatti affettivi di sorta.

Al contrario se il genitore non fa il lutto del bambino, non accetta le sue trasformazioni mentali e fisiche lo mantiene di fatto in una posizione infantile. Spesso l’adulto non è in grado di lasciar andare il bambino perché inconsciamente è proprio da lui, dal suo amore cieco e ubbidiente, che riceve le maggiori gratificazioni affettive. Questo atteggiamento di fondo, di fatto tanto difficile da far vedere proprio perché inconsapevole, può scatenare delle reazioni patologiche nell’adolescente. Questi infatti può avere la sensazione che la sua spinta separativa arrechi un danno ad uno o a entrambi i genitori, può avvertire la sensazione di venire meno ad un patto di alleanza, in una parola di ferire qualcuno all’interno della famiglia. Se la madre o il padre fanno della figlia l’oggetto di un interesse esclusivo o il sostegno indispensabile al loro essere o al menage di coppia, le viene meno la possibilità di realizzarsi come individuo dotato di suoi desideri e aspirazioni. In questi casi la via violenta e disperata del disturbo alimentare appare l’unica praticabile per tentare di smarcarsi da una tale presa soffocante.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.