Anoressia Bulimia: perché insorge in età adolescenziale?

Come è noto, il fenomeno anoressico bulimico tende a presentarsi per la prima volta durante l’età adolescenziale. Se oggi assistiamo all’emergenza del sintomo anche in altre fasi della vita, è pur vero che la sua comparsa avviene elettivamente nel periodo di passaggio dall’infanzia alla vita adulta.

Come si spiega questa associazione? Cosa hanno cioè in comune l’adolescenza e i disturbi alimentari? Potremmo dire che il tentativo di separazione dall’Altro genitoriale costituisce il focus attorno a cui ruotano tutte le condotte adolescenziali. Se il bambino è naturalmente docile rispetto alle aspettative dei genitori, è ubbidiente, trova in loro una guida, un riferimento in tutto e per tutto, con lo sviluppo psicofisico tipico dell’età puberale si assiste ad un cambiamento radicale rispetto alla posizione di cieca sottomissione rispetto al volere dell’adulto. L’adolescente, grazie allo sviluppo del ragionamento astratto, inizia ad avere opinioni proprie, che spesso divergono da quelle dei genitori. Vuole affermare una sua identità, si nutre di modelli ricercati al di fuori della famiglia, un ambiente ormai troppo ristretto. Inoltre il risveglio delle pulsioni sessuali lo espone ai primi contatti con l’altro sesso e ai rischi connessi: rifiuti, strappi dolorosi, incomprensioni. Per le ragazze a volte è proprio un’attesa d’amore delusa a scatenare l’esordio del sintomo, perché riattiva qualcosa che non è stato risolto in rapporto alla relazione affettiva con i genitori.

Parallelamente vediamo nella condotta anoressico bulimica un modo, seppur patologico, di separarsi dalla presa del genitore. Non mangiando niente o al contrario mangiando tutto la giovane mette in scacco l’adulto, rovescia i rapporti di forza. Disorientandolo con i suoi comportamenti sfrenati lo mette di fatto in una posizione di subordinazione e lo riduce all’impotenza. Così facendo la spinta all’emancipazione si trasforma in una forma distruttiva, che dunque non libera ma rende ancor più schiavi.

Ma allora perché abbiamo separazioni “sane” e separazioni “patologiche”, quali quelle introdotte dai disturbi alimentari? La spinta verso l’indipendenza, anche quando rimane dentro i confini della “normalità” non è mai un percorso facile e senza conflitti. Tuttavia se gli adulti sanno rinunciare al controllo totale che avevano esercitato fino a pochi anni prima sui loro figli bambini, se hanno altre passioni e ragioni di vita al di là di loro, possono fornire quella distanza minima che consente all’adolescente di portare avanti le sue sperimentazioni senza sensi di colpa e senza percepire ricatti affettivi di sorta.

Al contrario se il genitore non fa il lutto del bambino, non accetta le sue trasformazioni mentali e fisiche lo mantiene di fatto in una posizione infantile. Spesso l’adulto non è in grado di lasciar andare il bambino perché inconsciamente è proprio da lui, dal suo amore cieco e ubbidiente, che riceve le maggiori gratificazioni affettive. Questo atteggiamento di fondo, di fatto tanto difficile da far vedere proprio perché inconsapevole, può scatenare delle reazioni patologiche nell’adolescente. Questi infatti può avere la sensazione che la sua spinta separativa arrechi un danno ad uno o a entrambi i genitori, può avvertire la sensazione di venire meno ad un patto di alleanza, in una parola di ferire qualcuno all’interno della famiglia. Se la madre o il padre fanno della figlia l’oggetto di un interesse esclusivo o il sostegno indispensabile al loro essere o al menage di coppia, le viene meno la possibilità di realizzarsi come individuo dotato di suoi desideri e aspirazioni. In questi casi la via violenta e disperata del disturbo alimentare appare l’unica praticabile per tentare di smarcarsi da una tale presa soffocante.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Amore incondizionato

Amore incondizionato significa letteralmente amore senza condizioni. È la forma più alta dell'amore, nella misura in cui rispetta la libertà dell'amato senza soffocarlo e senza scadere al rovescio in disinteresse. "Ti amo a condizione che tu faccia questo, che tu sia così come vorrei" è invece un'assunzione non verbalizzata ma implicita all'interno di moltissime relazioni, siano esse fra genitori e figli o di coppia. Si tratta di una modalità profondamente nevrotizzante, perché inchioda il partner a sforzarsi di essere ciò che non è, ad un "dover essere" che schiaccia la sua autenticità e le sue possibilità di realizzazione piena.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961