Anoressia – bulimia. Amare non è dare ciò che si ha!

Abbiamo più volte insistito su come l’anoressia – bulimia sia una forma di sofferenza tipica del sesso femminile, dell’età puberale e connessa alla percezione di una carenza d’amore.Dunque ci troviamo di fronte a tre elementi: il sopraggiungere al termine dell’infanzia, il riguardare elettivamente la femminilità e l’essere collegata ad una problematica nella relazione affettiva con i genitori.

I genitori, per un bambino, incarnano le prime figure d’amore. Sono tutto per lui, sono esterni ma nello stesso tempo forgiano e popolano il suo mondo interno. Sia i maschietti che le femminucce hanno come primissimo oggetto di amore la madre. Si tratta di una relazione totalizzante, simbiotica, che via via si allenta grazie all’intervento di qualcosa che distoglie la mamma dal suo interesse esclusivo verso il figlio. Di solito questa funzione di regolazione delle distanze e di separazione è svolta dal padre, verso cui la madre nutre un desiderio di donna. Se nella coppia circola amore, desiderio e stima reciproca i figli sono salvi dal compito di dover ricompensare i genitori delle loro frustrazioni d’amore, sono cioè liberi di poter avere dei loro desideri, sperimentano la serenità dell’essere amati incondizionatamente, per quello che sono e non per quello che ci si aspetta da loro. In queste situazioni fortunate in famiglia si respira desiderio, calore, rispetto; la mamma parla bene del papà di fronte ai figli e la stessa cosa fa lui. Quando sopraggiunge la pubertà i ragazzini possono iniziare a giocare la partita con l’altro sesso senza vivere in modo traumatico schermaglie e delusioni amorose.

Ma cosa accade se questa azione di separazione simbolica tra madre e figlio operata dal padre non avviene? Cosa accade se nella coppia non circola amore? Se i genitori si odiano apertamente o fanno finta di amarsi? Finisce che il figlio si ritrova incastrato in una relazione esclusiva e soffocante con la madre. Le bambine, a differenza dei maschietti, hanno bisogno di lasciare la madre come primo oggetto di amore per rivolgersi al papà. Ma può accadere che questi, proprio in virtù del rapporto conflittuale con la compagna, sia freddo, assente, non disponibile per la figlia. O al contrario che la elegga a sua partner ideale, in ogni caso risultando fuori misura sia nell’assenza che nella presenza. Il risultato è un eccesso di madre, un perdurare di un rapporto in cui la bambina si trova a dover tappare le carenze dell’Altro, a dover essere ciò che l’Altro vuole, ciò di cui l’Altro ha bisogno. E a non poter beneficiare del potere equilibrante dato dall’intervento paterno. Vede la mamma criticare aspramente papà, svalutarne la figura. Percepisce la sua infelicità e si sente chiamata a colmarla con comportamenti compiacenti da brava bambina. L’amore non si manifesta più come un dono gratuito di rispetto e adorazione dell’altro per quello che è, della sua differenza assoluta, ma si concentra sulla sfera pratica della soddisfazione dei bisogni in una relazione all’insegna della simbiosi e della fusionalità. Amare diventa un’amministrazione, un dare all’altro ciò che si ha. Si ama attraverso il fare, il dare per avere in cambio. Si rompe la gratuità dell’amore, quel filo sottile e invisibile che lo psicoanalista Jacques Lacan definisce come “dare ciò che non si ha”, donare la propria mancanza, donare ciò che non si possiede, donare se stessi.

L’anoressia- bulimia insorge proprio nella pubertà perché è il momento in cui si è chiamati per la prima volta a fare a meno dell’Altro e a cavarsela da soli con il proprio desiderio. In questo scenario assume un senso, appare un tentativo di separazione, un modo per far fronte alla situazione. Ma finisce per farlo utilizzando lo strumento del cibo, dunque ancora una volta attraverso lo schema della dipendenza dalla pappa della madre. Da un lato si rifiuta la logica del dare a cui si è sottoposti ma nello stesso tempo si ricorre al cibo, che rientra alla fine a pieno titolo nel campo degli oggetti di scambio.

La bulimica da una parte riduce la carenza d’amore che sente dentro di sé al vuoto nello stomaco. Cerca di colmarla attraverso abbuffate smodate alle quali segue invariabilmente il vomito, testimonianza dell’insufficienza di qualsiasi quantità di cibo nel far sentire appagati. Il vomito illustra il fatto che nessuna cosa può sostituire la sostanza dell’amore, non concretizzabile in oggetti. La mancanza abita strutturalmente l’uomo e non si può azzittire con gli oggetti.

L’anoressica invece cerca, rifiutando il cibo, di rendersi invulnerabile rispetto alla frustrazione d’amore. Tenta di anestetizzarsi, di sottrarsi alle delusioni e alla sofferenza che sente dentro, come se questo fosse possibile! Per l’essere umano infatti è impossibile aggirare la mancanza, la frustrazione, la castrazione, la sofferenza. Vivere significa avere a che fare con tutto questo.

La terapia dunque cercherà di sganciare dalla ripetizione  la ragazza invischiata in tale circolo vizioso. Ma non accanendosi sul fatto che mangi, non cercando di toglierle il sintomo e quindi l’unico modo che ha di esprimere il suo malessere. Bensì avendo di mira la mancanza che la abita, la vera origine della sua sofferenza. Spesso otturata da sensi di colpa, dalla spinta alla performance, dal vivere non per se stessi ma per l’Altro. Si tratta di reperire una cellula di desiderio, di riaprire una dimensione personale, soggettiva al di là delle attese altrui. Bisogna contrapporre la vita alla morte. La vita intesa come spinta propulsiva che viene dalla mancanza, la morte come attaccamento simbiotico e schiavizzante a un godimento di un oggetto apparentemente protettivo ma nel suo fondo pericolosamente distruttivo.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961