Anoressia bulimia: versione ossessiva e versione isterica

Nell'anoressia bulimia ciò è molto evidente: alla serialita' dei sintomi, praticamente identici per tutti coloro che ne soffrono, si contrappongono differenti finalità, a seconda della struttura che li inquadra. All'interno di questa breve riflessione ci limitiamo alla struttura nevrotica, che si declina in isteria e nevrosi ossessiva. Ci interessa cioè mostrare come un fenomeno trasversale come ad esempio il vomito, venga utilizzato a fini diversissimi da un'ossessiva rispetto a un'isterica.

Proviamo a elencare alcuni comportamenti tipici delle anoressiche. Osserviamo frequentemente rituali di conteggio delle calorie, di suddivisione degli alimenti e di controllo del peso. Lo stesso vomito costituisce un rituale che segue l'abbuffata. L'elemento ricorrente appare quello della quantificazione: si calcolano il peso, le calorie, le quantità di cibo, le ore dedicate allo sport, i chilometri percorsi ecc...

Vediamo allora che significato assumono alla luce di una nevrosi ossessiva e di un'isteria. Parleremo preferenzialmente della nevrosi ossessiva al maschile, mentre l'isterica verrà declinata al femminile. Questo sulla base della loro prevalente distribuzione fra i sessi, che non significa però assenza di donne ossessive e di uomini isterici. Molte anoressiche donne hanno infatti una struttura ossessiva.

Nella nevrosi ossessiva osserviamo un particolare rapporto del soggetto con l'Altro, improntato per lo più alla distruzione del desiderio proprio e altrui. In psicoanalisi parliamo di oblativita', ovvero della tendenza a "fare tutto per l'altro", a rispondere alle sue aspettative, a fare ciò che si presume voglia da noi. La distruzione del desiderio risiede proprio in questo: nella misura in cui le mie azioni sono subordinate alla domanda dell'Altro e alla finalità di ottenerne l'assenso come una sorta di permesso, ciò che potrebbe essere frutto di una mia autentica spinta desiderante va perduto. Non solo, anche il desiderio dell'Altro viene negato, perché interpretato e ridotto a domanda, a puro bisogno, a pure cose da fare. Le stesse aspettative dell'Altro vengono in questo modo travisate: si suppone che l'Altro voglia questo e quello, per esorcizzare l'enigmaticità del suo desiderio, il suo sfuggirci, il suo non essere mai del tutto interpretabile nei nostri schemi. Perché l'ossessivo deve distruggere così il desiderio? Molto sinteticamente potremmo dire che lo fa perché teme il suo potenziale distruttivo e sovversivo, mentre lui ha bisogno di certezze, di garanzie, di far esistere una legge a cui aggrapparsi e che indichi senza riserve la via. Di solito questo amore per la legge ha una radice nell'infanzia. Scacciato dall'eden rassicurante della relazione con la madre, l'ossessivo cerca di recuperare la garanzia perduta erotizzando, investendo affettivamente la legge. Che se da una parte pone dei divieti e limita la vita, dall'altra offre sicurezze. Non si capisce però l'ossessivo se non si considera che questo amore dichiarato per la legge contiene un odio inconscio nei suoi confronti. E' la famosa ambivalenza di cui si parla tanto. Adorazione della legge fino ai limiti del masochismo e spinta fortissima alla sua trasgressione costituiscono le due facce della stessa medaglia.

E qui ci ricolleghiamo alla nostra anoressica. La quantificazione della vita che abbiamo citato attraverso il calcolo e il controllo ha la finalità di proteggerla dall'imperfezione della vita, del desiderio. Persegue lo scopo di edificare un baluardo solido che faccia da garanzia contro i rischi del vivere e del desiderare. Lo stesso vomito appare come un modo per cercare di rendere non avvenuta la trasgressione dell'abbuffata, indice di un cedimento della struttura di controllo, spia dell'odio inconscio verso la legge tanto idolatrata.

Cosa ne è invece dell'anoressia di matrice isterica? L'isterica al contrario dell'ossessivo si schiera dalla parte del desiderio. Non vuole affatto distruggerlo, anzi rivendica il posto centrale che dovrebbe avere nella vita. Vuole mostrare la sua non riducibilita' al piano dei bisogni. Il suo essere al centro vuoto, desiderio di niente, di nessuna cosa materiale. Desiderio di desiderio, pura spinta vitale. Il problema sta nel fatto che l'isterica, nel suo voler custodire la preziosità del desiderio, mette in atto dei comportamenti che sono molto dannosi nell'ambito della sua esistenza. Utilizza cioè l'insoddisfazione come modo per tener viva la dimensione del desiderio, condannandosi però a un'infelicita' permanente, all'impossibilità di realizzarsi davvero. Se sono sempre insoddisfatta mi mantengo desiderante, introduco il nuovo nella vita, sono in movimento, faccio mille cose, sperimento sensazioni. Ma rischio al fondo di agitarmi tanto senza mai stringere davvero nulla, disperdendo la mia vita.

La versione isterica dell'anoressia si pone su quest'asse. Non mangiando nulla l'anoressica cerca di dimostrare che non è attraverso l'appagamento dei bisogni materiali che si può raggiungere la pienezza. Opta per il rifiuto del cibo come modo di tenere viva la dimensione del desiderio. Vomita per indicare come non vi sia nessuna soddisfazione possibile nell'abbuffata. Nauseata dal cibo che riempie e ottura cerca attraverso il suo scomparire, il suo diventare niente, di farsi vedere dall'Altro, di essere finalmente desiderata. L'insoddisfazione sfocia qui in franca patologia, evidenzia tutto il lato masochistico e autodistruttivo della logica isterica. Il controllo citato dei rituali e delle quantificazioni non è orientato a distruggere il desiderio come nella nevrosi ossessiva, al contrario appare subordinato alla necessità di preservare il posto vuoto della mancanza.

 

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Amore e aspettative

L’armonia duratura fra due persone che si vogliono bene e si stimano, il sentimento amoroso senza ombre, la propensione ad accogliere positivamente il prossimo anche nelle sue complessità sono minacciate da un unico fattore, ovvero l’aspettativa. 

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961