Obesità e amore

L'obesità è una problematica dei nostri tempi. Figlia del consumismo di cui è schiavo l'uomo contemporaneo, indica il trionfo dell'introiezione dell' oggetto come modalità di trattamento dello stato di mancanza che attraversa costitutivamente ogni essere umano.

L'appropriazione di beni voluttuari tende cioè ad illudere di potersi liberare della propria irrequietezza esistenziale, che però inesorabilmente riemerge nel momento in cui la divorazione è compiuta. Allora, per azzittire ogni tensione interna, bisogna riprecipitarsi verso qualcosa di nuovo, in una spirale senza fine. L'insoddisfazione che ci si proponeva di placare con il riempimento rimane tale e quale. Anzi, in un certo senso riemerge potenziata, aggravata all'amara constatazione dell'inutilità della dissipazione prodotta.

Oggi molte obesità esordiscono in età infantile. Non è un caso. Sempre più spesso gli adulti rispondono alle richieste di attenzione dei figli riempiendoli di oggetti: giocattoli, vestiti, cibo...Sono loro stessi i primi ad essere prigionieri del sistema consumistico: per consolarsi delle frustrazioni del quotidiano o per potenziare il loro ego vanno a fare shopping. Alla presenza si sostituisce la corsa frenetica all'acquisto, alla parola il silenzio della cosa. Così, spesso, l'abbuffata dei bambini avviene fra le pareti di casa, nella solitudine delle loro stanze ricolme di gadget di ogni genere.

Ma cosa chiedono davvero i figli? Anche quando sembrano insistere nella richiesta di qualcosa di squisitamente materiale? Il bambino, al pari degli adulti, non domanda altro che amore. Chiede cioè dei segni che gli indichino che ha un valore per l'altro. Dunque domanda l'attenzione dell'altro, il suo tempo, le sue parole. Nella misura in cui l'altro ci dá ciò che non ha, ciò che non possiede, ciò che non è visibile, ciò che sfugge alla quantificazione ci sta offrendo un dono gratuito d'amore. Che ha il potere non solo di farci sentire riconosciuti, rinforzati nel nostro essere, ma ci permette anche di saperci fare con la mancanza che ci attraversa.

L'amore non è colla, non è simbiosi, non è possesso. Certo, passa anche attraverso le cure, ma non vi si riduce. Non si riduce a dare cose. L'amore si rivolge all'altro in quanto separato da noi, unico e irriducibile. È simpatia autentica per la sua diversità, per quell' impronta particolare che lo rende speciale, non riproducibile. È libertà. Che implica dunque dei limiti, delle distanze. Essere amati in questo modo non elimina certo la nostra separatezza e solitudine esistenziali, ineliminabili, ma ci aiuta ad assumerle e a trasformarle in pensieri, atti creativi, invenzioni personali.

Dunque potremmo dire che esistono una forma "buona" d'amore, che passa attraverso il riconoscimento, il rispetto e la curiosità verso la particolarità dell'altro, e una invece " cattiva", che al contrario tenderebbe alla fusione, all'incollamento, alla cristallizzazione intorno ai bisogni. Quest'ultima è correlata in particolar modo all'obesità, come condizione di ricerca insaziabile di un appagamento totale, simbiotico, senza tagli con l'oggetto. L'amore " cattivo" spesso si trova impigliato in un'oscillazione fra un eccesso di presenza, intrusiva, inopportuna, asfissiante, e uno di assenza, intesa come drammatica carenza di parola.


La dipendenza dell'obeso dal cibo rappresenta in realtà la sua dipendenza dall'altro, da quell'amore "cattivo" che non gli permette di sganciarsi dalla sua presa mortifera. Un lavoro terapeutico con l'obesità non andrà allora a concentrasi sulla dieta (attività di pertinenza di un medico) ma porterà la persona che ne soffre a parlare di questo amore malato. L'esperienza del transfert sarà terapeutica nella misura in cui le farà, forse per la prima volta nella vita, sperimentare una forma di riconoscimento mai incontrata prima. La corazza di grasso, armatura protettiva nei confronti del desiderio dell'altro, potrà così nel tempo sciogliersi.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961