Anoressia e desiderio dell'Altro

L'anoressia è quasi invariabilmente la spia di qualcosa che è andato storto durante l'infanzia in relazione al luogo che il bambino ha occupato nel desiderio della madre. Egli è stato cioè o l'oggetto esclusivo della sua soddisfazione, oppure al contrario non ne ha catalizzato sufficientemente l'interesse.

In quest'ottica l'anoressia  rappresenta rispettivamente un tentativo di sottrarsi all'intrusività dell'Altro o un modo per essere visti da lui, per provocare finalmente un suo movimento desiderante (guarda come sono ridotta, guardami!).

 Normalmente il bambino rappresenta per tutte le madri una fonte di soddisfazione. Avere un figlio colma, fa sentire totalmente  appagate, sottrae dalla sensazione che qualcosa manchi e diventa la " preoccupazione primaria".  Ciò è vitale per la sopravvivenza fisica e psichica del bambino, che viene così inserito nel circuito della vita e del desiderio. Le basi de suo futuro equilibrio sono in questo modo gettate. La "normalità" prevede però che tale sensazione di pienezza senza buchi esperita dalla madre svanisca con la crescita del piccolo, e rimanga al suo posto l'amore per il bambino reale, con il suo carattere e le sue inclinazioni, dunque non più un oggetto meramente appagante ma un individuo dotato di caratteristiche che possono anche non piacere. Al figlio in quanto oggetto ideale si sostituisce la persona reale, con tutto il carico che ciò comporta. 

Ora esistono madri che purtroppo, per via di dinamiche precedenti alla nascita del loro piccolo, non riescono ad abbandonare la primissima fase in cui lo collocano  nella posizione di oggetto di soddisfacimento del proprio desiderio. Il loro desiderio non viene cioè catturato da altro, non dal partner, non dal lavoro, non da un progetto nè da una passione. Il figlio diventa il focus esclusivo della loro vita, da lui dipende totalmente ogni gratificazione. La donna non esiste più, c'è solo la madre. Così il bambino,  intuita la situazione di mancanza nella madre, tende ad offrirsi come ciò che la colma, diventando compiacente, accollandosi il gravoso compito di incarnare ciò che rende felice l'Altro. È ciò che notiamo nella clinica nei termini di comportamenti docili, adeguati, disponibili che caratterizzano l'infanzia di bambine future anoressiche. 

Al contrario, all'estremo opposto, vediamo situazioni di rifiuto della maternità. Il figlio viene percepito come un ingombro al raggiungimento delle proprie ambizioni, finendo per essere trascurato,  non tanto nelle cure ma nella disponibilità psicologica nei suoi confronti.  Gli si danno cose ma non segni che mostrino inequivocabilmente  il suo valore agli occhi dell'adulto. Si fa strada nel piccolo l'idea di essere poco amabile, un dubbio sull'amore lo tiene avvinto, nonostante l'abbondanza di beni materiali. 

Possiamo osservare anche situazioni miste, madri che cioè ciclicamente alternano un eccesso di presenza soffocante ad un lasciar cadere. Spesso si tratta di soggetti affetti da una qualche forma di bipolarismo, che li porta ad essere mutevoli ed incostanti in tutte le relazioni affettive. Bruscamente un'improvvisa freddezza segue ad un periodo di intensa complicità ai limiti della simbiosi.  

Dati questi scenari,  quando emerge l'anoressia e perché? Cosa la scatena? Qual è la sua logica? 
Spesso non a caso è l'adolescenza il punto di scaturigine dei sintomi. Si tratta infatti del periodo in cui avviene il passaggio dal bambino all'adulto. Chi si è trovato schiacciato tra le "fauci materne" non ce la fa a separarsi in modo equilibrato e dunque il rifiuto del cibo appare come una soluzione, benché patologica,  per mettere a distanza l'Altro. Anoressizzandosi una ragazza cerca di non essere più appetibile o al contrario può tentare per questa via di attirare l' attenzione nei casi di trascuratezza. In ogni caso i comportamenti anoressici mostrano un tentativo paradossale  di reinstaurare un desiderio più sano e vitale, che non coincida con il bisogno.  Non mangiare assume il valore della libertà, della purezza incontaminata, scevra dalle minacce dei bisogni.

Purtroppo queste modalità, essendo patologiche, falliscono nel loro intento, e chi le mette più o meno consapevolmente in atto per cercare di salvarsi finisce per venirne schiacciato. Come diceva suggestivamente Biswanger, un pioniere nella ricerca sui disturbi del comportamento alimentare, l'anoressica è come un alpinista che, essendosi spinto troppo in alto nella sua scalata, si ritrova nell'impossibilità di scendere e di salire ulteriormente.  Così resta fermo, ma anche tale posizione è insostenibile e a rischio perenne di improvvisa rottura. 

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Amore incondizionato

Amore incondizionato significa letteralmente amore senza condizioni. È la forma più alta dell'amore, nella misura in cui rispetta la libertà dell'amato senza soffocarlo e senza scadere al rovescio in disinteresse. "Ti amo a condizione che tu faccia questo, che tu sia così come vorrei" è invece un'assunzione non verbalizzata ma implicita all'interno di moltissime relazioni, siano esse fra genitori e figli o di coppia. Si tratta di una modalità profondamente nevrotizzante, perché inchioda il partner a sforzarsi di essere ciò che non è, ad un "dover essere" che schiaccia la sua autenticità e le sue possibilità di realizzazione piena.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961