Anoressia e desiderio dell'Altro

In quest'ottica l'anoressia  rappresenta rispettivamente un tentativo di sottrarsi all'intrusività dell'Altro o un modo per essere visti da lui, per provocare finalmente un suo movimento desiderante (guarda come sono ridotta, guardami!).

 Normalmente il bambino rappresenta per tutte le madri una fonte di soddisfazione. Avere un figlio colma, fa sentire totalmente  appagate, sottrae dalla sensazione che qualcosa manchi e diventa la " preoccupazione primaria".  Ciò è vitale per la sopravvivenza fisica e psichica del bambino, che viene così inserito nel circuito della vita e del desiderio. Le basi de suo futuro equilibrio sono in questo modo gettate. La "normalità" prevede però che tale sensazione di pienezza senza buchi esperita dalla madre svanisca con la crescita del piccolo, e rimanga al suo posto l'amore per il bambino reale, con il suo carattere e le sue inclinazioni, dunque non più un oggetto meramente appagante ma un individuo dotato di caratteristiche che possono anche non piacere. Al figlio in quanto oggetto ideale si sostituisce la persona reale, con tutto il carico che ciò comporta. 

Ora esistono madri che purtroppo, per via di dinamiche precedenti alla nascita del loro piccolo, non riescono ad abbandonare la primissima fase in cui lo collocano  nella posizione di oggetto di soddisfacimento del proprio desiderio. Il loro desiderio non viene cioè catturato da altro, non dal partner, non dal lavoro, non da un progetto nè da una passione. Il figlio diventa il focus esclusivo della loro vita, da lui dipende totalmente ogni gratificazione. La donna non esiste più, c'è solo la madre. Così il bambino,  intuita la situazione di mancanza nella madre, tende ad offrirsi come ciò che la colma, diventando compiacente, accollandosi il gravoso compito di incarnare ciò che rende felice l'Altro. È ciò che notiamo nella clinica nei termini di comportamenti docili, adeguati, disponibili che caratterizzano l'infanzia di bambine future anoressiche. 

Al contrario, all'estremo opposto, vediamo situazioni di rifiuto della maternità. Il figlio viene percepito come un ingombro al raggiungimento delle proprie ambizioni, finendo per essere trascurato,  non tanto nelle cure ma nella disponibilità psicologica nei suoi confronti.  Gli si danno cose ma non segni che mostrino inequivocabilmente  il suo valore agli occhi dell'adulto. Si fa strada nel piccolo l'idea di essere poco amabile, un dubbio sull'amore lo tiene avvinto, nonostante l'abbondanza di beni materiali. 

Possiamo osservare anche situazioni miste, madri che cioè ciclicamente alternano un eccesso di presenza soffocante ad un lasciar cadere. Spesso si tratta di soggetti affetti da una qualche forma di bipolarismo, che li porta ad essere mutevoli ed incostanti in tutte le relazioni affettive. Bruscamente un'improvvisa freddezza segue ad un periodo di intensa complicità ai limiti della simbiosi.  

Dati questi scenari,  quando emerge l'anoressia e perché? Cosa la scatena? Qual è la sua logica? 
Spesso non a caso è l'adolescenza il punto di scaturigine dei sintomi. Si tratta infatti del periodo in cui avviene il passaggio dal bambino all'adulto. Chi si è trovato schiacciato tra le "fauci materne" non ce la fa a separarsi in modo equilibrato e dunque il rifiuto del cibo appare come una soluzione, benché patologica,  per mettere a distanza l'Altro. Anoressizzandosi una ragazza cerca di non essere più appetibile o al contrario può tentare per questa via di attirare l' attenzione nei casi di trascuratezza. In ogni caso i comportamenti anoressici mostrano un tentativo paradossale  di reinstaurare un desiderio più sano e vitale, che non coincida con il bisogno.  Non mangiare assume il valore della libertà, della purezza incontaminata, scevra dalle minacce dei bisogni.

Purtroppo queste modalità, essendo patologiche, falliscono nel loro intento, e chi le mette più o meno consapevolmente in atto per cercare di salvarsi finisce per venirne schiacciato. Come diceva suggestivamente Biswanger, un pioniere nella ricerca sui disturbi del comportamento alimentare, l'anoressica è come un alpinista che, essendosi spinto troppo in alto nella sua scalata, si ritrova nell'impossibilità di scendere e di salire ulteriormente.  Così resta fermo, ma anche tale posizione è insostenibile e a rischio perenne di improvvisa rottura. 

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

Donne che amano troppo

“Donne che amano troppo”, titolo di un famoso best seller americano degli anni ottanta, è stato ed è ancora (soprattutto fra le non più giovanissime) una sorta di mantra relativo alla sofferenza femminile in campo amoroso.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Femminilità e sessualità

Gli atteggiamenti femminili nei confronti della sessualità sono molto cambiati negli ultimi decenni. 

Leggi l'articolo

Le relazioni “usa e getta”

Accade in amicizia, accade in amore. Nel mondo attuale degli “amori liquidi” sentirsi oggetto di una modalità relazionale “usa e getta” non è affatto ben tollerato, anzi, costituisce ancora una delle cause principali di sofferenza emotiva.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961