Anoressia e dipendenza

Chi soffre di anoressia tende a dipendere dall'Altro, anche quando assume degli atteggiamenti di distacco o si isola dalle relazioni. Il suo dipendere infatti non è un semplice bisogno di appoggio e di riconoscimento, non riflette una vulnerabilità transitoria legata ad un momento di crisi. Esso rappresenta piuttosto l'effetto di un rifiuto radicale della separazione dall'Altro

Non poter fare uno con l'Altro, non potersi fondere con lui, non poter essere garantiti da una sua presenza costante e protettiva sono fatti inaccettabili, intollerabili. Anche in età adulta prevale questa esigenza perentoria di un legame simbiotico, all'insegna della garanzia, della condivisione e del controllo totale.

La posizione di fondo del soggetto anoressico appare pertanto segnata dalla nostalgia di un paradiso perduto e dalla mancata elaborazione della perdita del primo oggetto d'amore totalizzante, la madre. Lo "svezzamento", inteso come tempo mitico in cui ha luogo l'interruzione della fusionalità con la madre, solo apparentemente viene integrato e metabolizzato, continuando invece a esercitare l'influenza di un evento traumatico insuperabile. Ciò spesso a partire da una difficoltà stessa della madre con il suo ruolo e i suoi desideri che ne vanno al di lá. Possiamo avere madri fredde, narcisisticamente prese da se stesse o al contrario madri fagocitanti, tutte identificate nel loro essere dispensatrici di bene.

Non a caso l'anoressia spesso si scatena in concomitanza di una delusione d'amore, di una separazione che si rinnova e che riecheggia l'antica ferita, l'antico strappo mai davvero simbolizzato. Visti da vicino i legami d'amore che si lacerano scoperchiando il vuoto che occludono, hanno il sapore di sostituti del rapporto con l'oggetto materno, essendo per lo più improntati all'accudimento, al sostegno, alla gestione dei bisogni più che dei desideri.

Che cosa rappresenta l'anoressia? Cosa vuol dire? Essa di fatto indica una spinta regressiva verso una rifusione con la totalità perduta. Facendosi magra e fragile nel reale l'anoressica si mette nella posizione della bimba da accudire, di quella che senza il supporto sollecito dell'Altro non ce la fa. Nella clinica vediamo bene come a seguito dell'emergenza della malattia la madre si senta chiamata ad occuparsi della figlia con la sollecitudine che si riserva ai neonati, fragili, indifesi, a rischio di morte.

Va da sè che questo disturbo non si possa leggere semplicemente come appello all' Altro, come domanda di essere viste e riconosciute. Certo, tale versante è indubbio. Ma se si trattasse solio di questo, di testare l'amore dell'Altro, la sua risposta angosciata basterebbe per placarne la virulenza. Invece il discorso è più profondo. In gioco c'è la possibilità di venire a patti con la separatezza che connota tutte le relazioni umane, con la solitudine esistenziale che ci riguarda tutti.

Un orizzonte della terapia sarà allora quello della ricerca di modalità ( sempre personali e originali per ciascuno) di supplire all'assenza di garanzie date dalla presenza reale dell'Altro. Un imparare a saperci fare con il vuoto a partire dal transfert con il terapeuta, figura che introduce al gioco dell'alternanza di presenza - assenza. Nello spazio sospeso fra una seduta e l'altra si congiungono libertà e legame, sperimentazione solitaria e costanza oggettuale.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961