Anoressia e dipendenza

Chi soffre di anoressia tende a dipendere dall'Altro, anche quando assume degli atteggiamenti di distacco o si isola dalle relazioni. Il suo dipendere infatti non è un semplice bisogno di appoggio e di riconoscimento, non riflette una vulnerabilità transitoria legata ad un momento di crisi. Esso rappresenta piuttosto l'effetto di un rifiuto radicale della separazione dall'Altro

Non poter fare uno con l'Altro, non potersi fondere con lui, non poter essere garantiti da una sua presenza costante e protettiva sono fatti inaccettabili, intollerabili. Anche in età adulta prevale questa esigenza perentoria di un legame simbiotico, all'insegna della garanzia, della condivisione e del controllo totale.

La posizione di fondo del soggetto anoressico appare pertanto segnata dalla nostalgia di un paradiso perduto e dalla mancata elaborazione della perdita del primo oggetto d'amore totalizzante, la madre. Lo "svezzamento", inteso come tempo mitico in cui ha luogo l'interruzione della fusionalità con la madre, solo apparentemente viene integrato e metabolizzato, continuando invece a esercitare l'influenza di un evento traumatico insuperabile. Ciò spesso a partire da una difficoltà stessa della madre con il suo ruolo e i suoi desideri che ne vanno al di lá. Possiamo avere madri fredde, narcisisticamente prese da se stesse o al contrario madri fagocitanti, tutte identificate nel loro essere dispensatrici di bene.

Non a caso l'anoressia spesso si scatena in concomitanza di una delusione d'amore, di una separazione che si rinnova e che riecheggia l'antica ferita, l'antico strappo mai davvero simbolizzato. Visti da vicino i legami d'amore che si lacerano scoperchiando il vuoto che occludono, hanno il sapore di sostituti del rapporto con l'oggetto materno, essendo per lo più improntati all'accudimento, al sostegno, alla gestione dei bisogni più che dei desideri.

Che cosa rappresenta l'anoressia? Cosa vuol dire? Essa di fatto indica una spinta regressiva verso una rifusione con la totalità perduta. Facendosi magra e fragile nel reale l'anoressica si mette nella posizione della bimba da accudire, di quella che senza il supporto sollecito dell'Altro non ce la fa. Nella clinica vediamo bene come a seguito dell'emergenza della malattia la madre si senta chiamata ad occuparsi della figlia con la sollecitudine che si riserva ai neonati, fragili, indifesi, a rischio di morte.

Va da sè che questo disturbo non si possa leggere semplicemente come appello all' Altro, come domanda di essere viste e riconosciute. Certo, tale versante è indubbio. Ma se si trattasse solio di questo, di testare l'amore dell'Altro, la sua risposta angosciata basterebbe per placarne la virulenza. Invece il discorso è più profondo. In gioco c'è la possibilità di venire a patti con la separatezza che connota tutte le relazioni umane, con la solitudine esistenziale che ci riguarda tutti.

Un orizzonte della terapia sarà allora quello della ricerca di modalità ( sempre personali e originali per ciascuno) di supplire all'assenza di garanzie date dalla presenza reale dell'Altro. Un imparare a saperci fare con il vuoto a partire dal transfert con il terapeuta, figura che introduce al gioco dell'alternanza di presenza - assenza. Nello spazio sospeso fra una seduta e l'altra si congiungono libertà e legame, sperimentazione solitaria e costanza oggettuale.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.