Il transfert in psicoanalisi: prima parte

Che cosa intendiamo in psicoanalisi con il termine transfert? Il transfert è un fenomeno scoperto dall’inventore del metodo psicoanalitico. Sigmund Freud, nel corso delle sedute di analisi, si rende conto che i pazienti sviluppano nei suoi confronti un attaccamento di natura amorosa. 

All'inizio considera questo legame come una trasposizione sulla persona dell’analista delle prime figure di riferimento del paziente, tipicamente la madre o il padre.

Se per un verso il fenomeno di transfert permette di far emergere materiale inconscio prezioso, dall’altro si pone pure come un ostacolo all’analisi. I sentimenti d’amore del paziente, se troppo intensi, possono infatti compromettere il lavoro di elaborazione. La psicoanalisi non è una pratica consolatoria. Certo, indubbiamente vi è un aspetto di contenimento affettivo, soprattutto quando il malessere è intenso. Ma il focus di un’analisi rimane la decifrazione dell’inconscio, del groviglio di cause che hanno portato a star male.

Lacan, distinguendo i due piani della relazione con l’altro, quello immaginario e quello simbolico (vedi articolo precedente), individua conseguentemente la natura immaginaria del transfert, da distinguersi dall’asse simbolico della cura.

Il transfert immaginario concerne la relazione fra il paziente e la persona dell’analista. Comprende dunque la trasposizione delle figure della prima infanzia e tutti i sentimenti che ne possono derivare: amore, odio, simpatia, rivalità ecc…

L’asse simbolico della cura riguarda invece il rapporto del soggetto con L’Altro. Non dunque l’analista in carne ed ossa. Ma l’Altro che è chiamato in causa per il solo fatto stesso che si parla. Quando parliamo ci rivolgiamo non solo a qualcuno di specifico, a tizio o a caio. Parlare comporta anche andare oltre rispetto alle caratteristiche del nostro interlocutore, implica rivolgersi ad un Altro invisibile. L’analista, celandosi alla vista e ascoltando silenziosamente, occupa il luogo di questo Altro, permette al paziente di ascoltare ciò che lui stesso dice senza accorgersi, gli fa da eco. Ciò che il soggetto dice si trasforma in ciò che si dice. In questo modo, sentendosi dire certe cose, realizza di averle dette e ne trae delle conseguenze.

L’operazione analitica pura appare dunque quella in cui l’analista, occupando il luogo dell’Altro, tramite il suo ascolto fa da eco alla parola di colui che parla e fa così risuonare ciò che questi dice senza saperlo. Spinge l'inconscio ad uscire allo scoperto.

 I fenomeni di transfert sono invece collocati su un piano immaginario.

Ma le cose sono così semplici? Lo stesso Lacan, nel corso del suo insegnamento, arricchirà il concetto di transfert, scollandolo dall’unica versione di fenomeno immaginario e inserendolo sull’asse simbolico. Vedremo come nel prossimo articolo.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.