L’immaginario e il simbolico secondo Lacan

L’essere umano è strutturato fin dall’inizio della sua vita dalla relazione con l’altro, tipicamente dalla madre o più in generale dall’ambiente in cui vive. Lacan introduce all’interno di questa relazione soggetto-altro una distinzione di piano fra la dimensione immaginaria e la dimensione simbolica.

L’asse immaginario è dato dal rapporto che intrattengo con l’altro in quanto simile. L’altro è la mia propria immagine, io sono simile a lui, mi specchio in lui, mi ci confondo. Tra noi due c’è uno scambio continuo e simmetrico.

L’immaginario è un gioco di specchi dove l’altro è me e io sono l’altro. L’altro vive quello che vivo io e io vivo ciò che vive l’altro. Io mi immedesimo in lui e lui in me. Sono portato a pensare che lui sia un po’ come me e quindi ritengo di sapere in anticipo cosa vuole, chi è, cosa pensa.

I fenomeni di ordine immaginario sono l’amore, l’aggressività, la paura, la seduzione, la minaccia, l’immedesimazione, l’empatia. L’altro affascina ma nello stesso tempo suscita aggressività perché sfugge, non posso coincidere con lui. Se io sono te e tu sei me ce ne è uno di troppo. Ecco allora tensione, rivalità.

Tuttavia, nel caso in cui l’altro scomparisse, non avrei più un’identità. Così rimango impigliato in un’altalena di amore e aggressività, una costante frizione fra amore e odio.

Ogni volta che  getto il mio sguardo sull’altro, lo considero come un oggetto che mi affascina o che mi disturba, predomina la dimensione immaginaria.

Ma quando gli parlo, a questo altro, mi situo su un altro piano, quello simbolico. Il fatto stesso di parlare genera un’altra dimensione rispetto a quella puramente immaginaria.

L’essere umano si distingue dagli animali (tra cui prevale l’immaginario erotico –aggressivo) proprio perché parla e parlare significa rivolgersi ad un Altro.

Un Altro con la A maiuscola, che non coincide con il simile, con tizio o caio. Altro grande, assoluto perché non lo conosco, non so cosa vuole. Se ci pensiamo è a lui che ci rivolgiamo ogni volta che parliamo di questioni che ci riguardano intimamente, ogni volta che utilizziamo una parola piena. All’altro piccolo, al simile parliamo certo. Ma è una parola descrittiva, vuota, è la chiacchiera.

Questa distinzione fra immaginario e simbolico è molto importante per capire bene cosa c’è in gioco in un’analisi, un’ esperienza dove la parola piena e il suo ascolto sono al centro. Dove l’asse simbolico della relazione con l’altro si trova in posizione privilegiata. Avremo modo di approfondire tutto ciò nei prossimi articoli.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.