L’immaginario e il simbolico secondo Lacan

L’essere umano è strutturato fin dall’inizio della sua vita dalla relazione con l’altro, tipicamente dalla madre o più in generale dall’ambiente in cui vive. Lacan introduce all’interno di questa relazione soggetto-altro una distinzione di piano fra la dimensione immaginaria e la dimensione simbolica.

L’asse immaginario è dato dal rapporto che intrattengo con l’altro in quanto simile. L’altro è la mia propria immagine, io sono simile a lui, mi specchio in lui, mi ci confondo. Tra noi due c’è uno scambio continuo e simmetrico.

L’immaginario è un gioco di specchi dove l’altro è me e io sono l’altro. L’altro vive quello che vivo io e io vivo ciò che vive l’altro. Io mi immedesimo in lui e lui in me. Sono portato a pensare che lui sia un po’ come me e quindi ritengo di sapere in anticipo cosa vuole, chi è, cosa pensa.

I fenomeni di ordine immaginario sono l’amore, l’aggressività, la paura, la seduzione, la minaccia, l’immedesimazione, l’empatia. L’altro affascina ma nello stesso tempo suscita aggressività perché sfugge, non posso coincidere con lui. Se io sono te e tu sei me ce ne è uno di troppo. Ecco allora tensione, rivalità.

Tuttavia, nel caso in cui l’altro scomparisse, non avrei più un’identità. Così rimango impigliato in un’altalena di amore e aggressività, una costante frizione fra amore e odio.

Ogni volta che  getto il mio sguardo sull’altro, lo considero come un oggetto che mi affascina o che mi disturba, predomina la dimensione immaginaria.

Ma quando gli parlo, a questo altro, mi situo su un altro piano, quello simbolico. Il fatto stesso di parlare genera un’altra dimensione rispetto a quella puramente immaginaria.

L’essere umano si distingue dagli animali (tra cui prevale l’immaginario erotico –aggressivo) proprio perché parla e parlare significa rivolgersi ad un Altro.

Un Altro con la A maiuscola, che non coincide con il simile, con tizio o caio. Altro grande, assoluto perché non lo conosco, non so cosa vuole. Se ci pensiamo è a lui che ci rivolgiamo ogni volta che parliamo di questioni che ci riguardano intimamente, ogni volta che utilizziamo una parola piena. All’altro piccolo, al simile parliamo certo. Ma è una parola descrittiva, vuota, è la chiacchiera.

Questa distinzione fra immaginario e simbolico è molto importante per capire bene cosa c’è in gioco in un’analisi, un’ esperienza dove la parola piena e il suo ascolto sono al centro. Dove l’asse simbolico della relazione con l’altro si trova in posizione privilegiata. Avremo modo di approfondire tutto ciò nei prossimi articoli.

Altri articoli sull'amore

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Amore e aspettative

L’armonia duratura fra due persone che si vogliono bene e si stimano, il sentimento amoroso senza ombre, la propensione ad accogliere positivamente il prossimo anche nelle sue complessità sono minacciate da un unico fattore, ovvero l’aspettativa. 

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961