La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Nella nostra cultura bisogna essere sempre brillanti, entusiasti, attivi, giovani, forti. E per realizzare ciò si devono possedere determinati oggetti, nell’illusione che possano finalmente renderci più attraenti. In una riconcorsa senza fine.

In un contesto del genere non c'è dunque spazio per il fallimento. Per la perdita, per la caduta. Il sistema in cui siamo immersi isola chi non ce la fa ad adeguarsi ai suoi standard. Chi mostra una mancanza, una fragilità. La stessa esperienza della morte non trova più uno spazio riconosciuto. Va negata, esclusa. Il funerale va eseguito velocemente, furtivamente, per non intralciare il traffico. Il lutto poi deve essere rapido: niente abiti neri e tristi, bisogna dimenticare il prima possibile, uscire, divertirsi.

Così ai giorni nostri ogni esperienza che introduce un limite al narcisismo individuale viene ignorata. La morte costituisce sicuramente ciò che massimamente ci confronta con la nostra limitatezza. Ma vi sono anche altre esperienze che, senza arrivare all’annullamento totale e definitivo della morte, portano a contatto con i nostri limiti. Tipicamente la scoperta di una malattia, la perdita di un lavoro, una rottura sentimentale costituiscono tutte delle offese al nostro narcisismo. Intorpiditi dall’atmosfera di confort e di benessere da cui siamo circondati, non siamo più in grado di sopportare lo scacco, il dolore, la frustrazione. Allora, anziché provare a elaborare ciò che ci accade guardando in faccia il problema, facciamo finta di nulla, ricorriamo ad un comodo meccanismo di difesa: la negazione. Ma la psicoanalisi ci insegna come l’esperienza del dolore, negata, torni in forma sintomatica.

Ed è proprio qui che paradossalmente siamo più esposti agli attacchi della depressione. Il nostro Io ferito, rifiutandosi di ammettere e di integrare come proprio lo scacco, si irrigidisce ancor di più. E’ così che si formano i primi sintomi della depressione, come ad esempio l’autoisolamento. Ci isoliamo perché tentiamo di preservare un'immagine di noi stessi non intaccata dall'insuccesso. Infatti, se ci allontaniamo dagli altri, possiamo evitare quel confronto che, come uno specchio, potrebbe rimetterci di fronte ad i nostri limiti. Inoltre, la chiusura nel nostro mondo, ci permette di coltivare in segreto un senso di superiorità impermeabile al confronto con la realtà.

Questa maniera patologica di compensare la ferita narcisistica subita, se nell'immediato ci protegge,  arriva  nel lungo ad ingabbiarci in una prigione da cui non riusciamo più ad uscire. Quando siamo depressi ci lamentiamo della solitudine, quella stessa che però siamo noi a cercare per evitare di confrontarci con le umiliazioni subite!

Un primo passo per venirne fuori appare dunque la presa d'atto dell'esistenza di questo meccanismo paradossale. Allora non siamo soltanto vittime ma da un certo punto in poi anche i carnefici! Quando soffriamo, sembra strano dirlo, troviamo un tornaconto dal nostro atteggiamento sintomatico.

Senza il riconoscimento di questo e dunque senza un nostro coinvolgimento attivo, non può esservi alcuna terapia efficace. La terapia della depressione si avvia solo nel momento in cui vediamo la nostra responsabilità nel mantenere la sofferenza di cui ci lamentiamo.

Altri articoli sulla depressione

Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Leggi l'articolo

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Leggi l'articolo

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Leggi l'articolo

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Leggi l'articolo

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Leggi l'articolo

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Depressione: è solo una malattia?

Il paradosso dell’approccio moderno alla depressione, che la riconosce come una malattia da curare esclusivamente con i farmaci confidando nella possibilità della sua eradicazione completa, è la sua cronicizzazione. 

Leggi l'articolo

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Leggi l'articolo

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Leggi l'articolo

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Leggi l'articolo

Depressione o scarsa volontà?

“Sono sempre stato un bighellone” mi ha detto recentemente un paziente con un certo tono di auto rimprovero durante uno dei primi incontri.

Leggi l'articolo

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961