La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Per ragioni di semplicità possiamo definire l’Altro come tutto ciò che è altro da noi e che ci orienta nella vita, anche inconsapevolmente. Dunque il contesto in cui viviamo, l’universo di regole non scritte che stanno implicitamente alla base dei nostri comportamenti. Il primo Altro con cui entriamo in contatto fin dalla nascita è incarnato dai genitori, dalla famiglia, dall’insieme di valori e atteggiamenti che costituiscono i nostri primi punti di riferimento. Successivamente un insegnante, un amico, un partner sentimentale, un partito politico o un particolare contesto sociale possono assumerne le sembianze.

Quale influenza ha dunque l’Altro, così come lo si è descritto, sulla depressione?

Abbiamo affetto depressivo ogni volta che questo Altro è o troppo presente oppure del tutto assente.

Nel primo caso, l’eccesso di presenza dell’Altro può portare a una sensazione di asfissia, il sentimento cioè di essere in balia di forze su cui non abbiamo alcun controllo. Ci sentiamo dominati, schiacciati. Percepiamo la precarietà del nostro stato di benessere, che dunque non dipende più da noi ma dalla volontà altrui, non sempre prevedibile. Sconforto e scoraggiamento sono le conseguenze principali dal punto di vista emotivo e comportamentale. Tristezza pervasiva e fiacchezza nell’azione costituiscono infatti i segni visibili di una paralisi totalizzante che può portare a collezionare fallimenti e biasimi. Un esempio classico è quello del figlio adolescente che si trova confrontato con genitori particolarmente autoritari. Falliti i tentativi di ribellione, può a mano a mano scivolare nell’apatia e nel tedio, attirandosi ulteriori rimproveri per la sua scarsa prestazione scolastica. Oppure possiamo incontrare l’impiegato che, alla mercè della capricciosità di un capo particolarmente volubile, perde via via interesse ed efficacia nel lavoro, rischiando l’isolamento e l’esclusione. Non dimentichiamo nemmeno la condizione di molte donne che, per via della mentalità maschilista del partner o del contesto sociale in cui vivono, sprofondano nell’amarezza e nel ritiro dalle attività produttive.

Il secondo caso è quello dell’estremo opposto, ovvero la mancanza radicale dell’Altro. L’incuranza e l’indifferenza da parte di chi si dovrebbe prendere cura di un figlio costituisce sicuramente il caso più eclatante della mancanza dell’Altro. Il soggetto sprofonda nella depressione perché viene lasciato cadere, non viene visto. E la vita, per essere tale, necessita dello sguardo dell’Altro per fiorire. Osserviamo allora quel tipico sentimento di non valere nulla, di essere una povera cosa inutile così frequente in chi è stato lasciato cadere dal suo Altro. Ma l’incontro con la mancanza dell’Altro può assumere anche altre forme. Si può verificare ogni volta che l’Altro ideale si mostra insufficiente rispetto alle nostre aspettative. Un genitore, un insegnante, un amico, un partner, un partito politico in cui credevamo particolarmente ci deludono. Non si dimostrano all’altezza delle nostre aspettative. Ci tradiscono. In queste occasioni realizziamo il nostro stato di completa solitudine nel mondo. Verifichiamo come niente e nessuno possano fare da garanzia al nostro essere. Sperimentiamo il peso di doverci rimettere in sella da soli.

Queste due situazioni descritte riflettono la condizione di debolezza strutturale dell’essere umano. Che fin dalla nascita non può fare a meno dell’Altro ma nello stesso tempo è condannato alla solitudine, proprio perché l’Altro può sempre dissolversi.

Se tutti noi siamo allora esposti alla depressione per via di questo legame complesso con l’Altro, quali comportamenti mette in atto chi la supera per non scivolarvi dentro? Perché non tutti ci ammaliamo di una depressione clinica? 

Proveremo a rispondere a queste domande nei prossimi articoli.

Altri articoli sulla depressione

Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Leggi l'articolo

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Leggi l'articolo

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Leggi l'articolo

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Leggi l'articolo

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Leggi l'articolo

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Leggi l'articolo

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Leggi l'articolo

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Leggi l'articolo

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Leggi l'articolo

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Leggi l'articolo

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961