Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Insieme esse danno luogo al così detto "attacco al legame", una modalità di sabotaggio della relazione particolarmente logorante per chi la subisce ripetutamente.

In cosa consistono nel dettaglio queste tre modalità?

Idealizzazione, rabbia e impulsività 

Partiamo dall'avvicendarsi di idealizzazione e svalutazione. Il borderline non riesce ad avere una visione unitaria di sè e dell'oggetto d'amore, che ne contempli contemporaneamente pregi e difetti: l'amato è o interamente buono o interamente cattivo. Queste due rappresentazioni scisse prendono alternativamente il sopravvento nella mente, così che il partner in un momento è percepito come il migliore del mondo e in uno successivo come un cencio senza qualità. Lo "switch" tra tali idee contrapposte avviene repentinamente, spesso a seguito di eventi insignificanti e con una frequenza molto elevata, anche più volte nella stessa giornata.

La psicoanalisi spiega tale scissione come un meccanismo di difesa messo in atto molto precocemente in risposta ad un Altro delle cure traumatizzante. Per proteggere ai propri occhi la rappresentazione positiva della propria madre (e in parallelo quella di se stesso come amabile), il futuro borderline stipa in un compartimento distaccato tutti i pensieri e gli affetti negativi che riguardano la coppia Sè-Altro, isolandoli. Tutte le relazioni affettive successive risentono di questa modalità: anche e soprattutto di fronte alla persona più equilibrata ed accogliente il borderline si sente in qualche modo minacciato. Piccole mancanze e difetti di poco conto sono ingigantiti e letti come "cattivi", proprio perché le sue rappresentazioni oggettuali sono solo due, rigidamente scisse in buone e cattive. Risulta deficitaria la possibilità di tollerare l'ambivalenza insita in ogni rapporto umano, con tutto il correlato di inevitabili frustrazioni e delusioni.

Di solito, all'inizio di una storia d'amore, l'assetto mentale del borderline è all'insegna dell'idealizzazione. La persona amata appare divinamente perfetta, l'amore si sviluppa rapidamente, l'intimità è stabilita bruciando le tappe. Ciò che distingue tale esaltazione dalla normale sopravvalutazione dell'oggetto d'amore, tipica dei primi periodi di un rapporto, sono l'enfasi eccessiva con cui viene espressa e la sua intermittente durata. All'improvviso, dopo dichiarazioni roboanti e declamazioni al mondo intero, seguono silenzi o fughe carichi di significati incomprensibili per chi era stato messo sul piedistallo. Costui si affanna allora a chiedere chiarimenti, non riconoscendo più la persona dolce e sensibile che lo aveva coinvolto: può altresì trovarsi di fronte a un soggetto volgare, iracondo, rabbioso. Così si inaugura il primo giro di un'infinita e burrascosa serie di alti e bassi. A nulla servono le prove d'amore, le rassicurazioni, la cura. Il borderline non si rilassa mai, non si fida, soprattutto di chi è davvero incondizionatamente interessato a lui. Ma se l'altro, sfinito, sfibrato dalla continua altalena umorale tenta di allontanarsi, questi va completamente in crisi: si riattivano in lui i vissuti abbandonici e traumatici della sua infanzia non elaborati. Possono subentrare atti autolesivi o perfino tentativi di suicidio come manifestazioni estreme di sofferenza emotiva, come tentativi disperati di riattirare a sè proprio colui che veniva respinto.

La rabbia e l'impulsività costituiscono dunque le riposte privilegiate a qualsiasi evento frustrante. Défaillance, debolezze, desideri, tutto ciò che rende il compagno "altro" da lui non sono tollerate e ingenerano aggressività o fuga. Il borderline tenta di instaurare un rapporto simbiotico, cerca di ingabbiare l'altro, cerca di assicurarsi perentoriamente la sua presenza fisica per poi però sentirsi soffocare. L'attacco al legame consiste allora in una serie di umiliazioni, scenate, tradimenti, litigi feroci, crudeli freddezze che manifestano tutto il terrore dell'intimità presente nell'animo di queste persone. Intimità per loro è sinonimo di riparo dal rischio dell'abbandono e nello stesso tempo ricorda un' intrusivitá maligna e insopportabile. Le loro madri sono state alternativamente fredde e asfissianti, anaffettive e cariche di emotività. Tale capricciosità non ha permesso di sviluppare un attaccamento sicuro, ma lo ha reso "disorganizzato", incoerente, caotico.

L'odio è dunque la moneta con cui il borderline ricambia l'amore del compagno. Inoltre l'essere oggetto di affetto e attenzioni può risvegliare una voracità senza limiti, verso la quale anche il partner più amorevole è del tutto sprovvisto di mezzi.

Un freno all'impulsività

Si capisce allora come la vicinanza a soggetti con queste caratteristiche risulti destabilizzante per chiunque. È sano e inevitabile che chi si trova sottoposto a continui attacchi e umiliazioni di tale portata ad un certo punto cerchi di staccare. Bisogna che sia il borderline ad accorgersi della sua distruttività, sebbene sia portato a percepirsi come vittima. Nonostante al fondo non abbia torto, dato che i suoi squilibri sono il riflesso delle violenze subite da bambino, è indispensabile che cerchi di porre un freno alla sua impulsività, chiedendo aiuto ad uno specialista.

Solo attraverso un lavoro psicoterapeutico in cui si mette davvero in gioco in una relazione terapeutica significativa può arrivare a mitigare la rabbia e a integrare, seppur parzialmente, le rappresentazioni di sè e dell'oggetto scisse.

Tags: Amore borderline, Borderline

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.