Amore borderline

Insieme esse danno luogo al così detto "attacco al legame", una modalità di sabotaggio della relazione particolarmente logorante per chi la subisce ripetutamente.

In cosa consistono nel dettaglio queste tre modalità?

Idealizzazione, rabbia e impulsività 

Partiamo dall'avvicendarsi di idealizzazione e svalutazione. Il borderline non riesce ad avere una visione unitaria di sè e dell'oggetto d'amore, che ne contempli contemporaneamente pregi e difetti: l'amato è o interamente buono o interamente cattivo. Queste due rappresentazioni scisse prendono alternativamente il sopravvento nella mente, così che il partner in un momento è percepito come il migliore del mondo e in uno successivo come un cencio senza qualità. Lo "switch" tra tali idee contrapposte avviene repentinamente, spesso a seguito di eventi insignificanti e con una frequenza molto elevata, anche più volte nella stessa giornata.

La psicoanalisi spiega tale scissione come un meccanismo di difesa messo in atto molto precocemente in risposta ad un Altro delle cure traumatizzante. Per proteggere ai propri occhi la rappresentazione positiva della propria madre (e in parallelo quella di se stesso come amabile), il futuro borderline stipa in un compartimento distaccato tutti i pensieri e gli affetti negativi che riguardano la coppia Sè-Altro, isolandoli. Tutte le relazioni affettive successive risentono di questa modalità: anche e soprattutto di fronte alla persona più equilibrata ed accogliente il borderline si sente in qualche modo minacciato. Piccole mancanze e difetti di poco conto sono ingigantiti e letti come "cattivi", proprio perché le sue rappresentazioni oggettuali sono solo due, rigidamente scisse in buone e cattive. Risulta deficitaria la possibilità di tollerare l'ambivalenza insita in ogni rapporto umano, con tutto il correlato di inevitabili frustrazioni e delusioni.

Di solito, all'inizio di una storia d'amore, l'assetto mentale del borderline è all'insegna dell'idealizzazione. La persona amata appare divinamente perfetta, l'amore si sviluppa rapidamente, l'intimità è stabilita bruciando le tappe. Ciò che distingue tale esaltazione dalla normale sopravvalutazione dell'oggetto d'amore, tipica dei primi periodi di un rapporto, sono l'enfasi eccessiva con cui viene espressa e la sua intermittente durata. All'improvviso, dopo dichiarazioni roboanti e declamazioni al mondo intero, seguono silenzi o fughe carichi di significati incomprensibili per chi era stato messo sul piedistallo. Costui si affanna allora a chiedere chiarimenti, non riconoscendo più la persona dolce e sensibile che lo aveva coinvolto: può altresì trovarsi di fronte a un soggetto volgare, iracondo, rabbioso. Così si inaugura il primo giro di un'infinita e burrascosa serie di alti e bassi. A nulla servono le prove d'amore, le rassicurazioni, la cura. Il borderline non si rilassa mai, non si fida, soprattutto di chi è davvero incondizionatamente interessato a lui. Ma se l'altro, sfinito, sfibrato dalla continua altalena umorale tenta di allontanarsi, questi va completamente in crisi: si riattivano in lui i vissuti abbandonici e traumatici della sua infanzia non elaborati. Possono subentrare atti autolesivi o perfino tentativi di suicidio come manifestazioni estreme di sofferenza emotiva, come tentativi disperati di riattirare a sè proprio colui che veniva respinto.

La rabbia e l'impulsività costituiscono dunque le riposte privilegiate a qualsiasi evento frustrante. Défaillance, debolezze, desideri, tutto ciò che rende il compagno "altro" da lui non sono tollerate e ingenerano aggressività o fuga. Il borderline tenta di instaurare un rapporto simbiotico, cerca di ingabbiare l'altro, cerca di assicurarsi perentoriamente la sua presenza fisica per poi però sentirsi soffocare. L'attacco al legame consiste allora in una serie di umiliazioni, scenate, tradimenti, litigi feroci, crudeli freddezze che manifestano tutto il terrore dell'intimità presente nell'animo di queste persone. Intimità per loro è sinonimo di riparo dal rischio dell'abbandono e nello stesso tempo ricorda un' intrusivitá maligna e insopportabile. Le loro madri sono state alternativamente fredde e asfissianti, anaffettive e cariche di emotività. Tale capricciosità non ha permesso di sviluppare un attaccamento sicuro, ma lo ha reso "disorganizzato", incoerente, caotico.

L'odio è dunque la moneta con cui il borderline ricambia l'amore del compagno. Inoltre l'essere oggetto di affetto e attenzioni può risvegliare una voracità senza limiti, verso la quale anche il partner più amorevole è del tutto sprovvisto di mezzi.

Un freno all'impulsività

Si capisce allora come la vicinanza a soggetti con queste caratteristiche risulti destabilizzante per chiunque. È sano e inevitabile che chi si trova sottoposto a continui attacchi e umiliazioni di tale portata ad un certo punto cerchi di staccare. Bisogna che sia il borderline ad accorgersi della sua distruttività, sebbene sia portato a percepirsi come vittima. Nonostante al fondo non abbia torto, dato che i suoi squilibri sono il riflesso delle violenze subite da bambino, è indispensabile che cerchi di porre un freno alla sua impulsività, chiedendo aiuto ad uno specialista.

Solo attraverso un lavoro psicoterapeutico in cui si mette davvero in gioco in una relazione terapeutica significativa può arrivare a mitigare la rabbia e a integrare, seppur parzialmente, le rappresentazioni di sè e dell'oggetto scisse.

Amore borderline, Borderline

Altri articoli sull'amore

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Le relazioni “usa e getta”

Accade in amicizia, accade in amore. Nel mondo attuale degli “amori liquidi” sentirsi oggetto di una modalità relazionale “usa e getta” non è affatto ben tollerato, anzi, costituisce ancora una delle cause principali di sofferenza emotiva.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961