L'odio ossessivo

Il concetto di Altro barrato rende conto dell'impossibilità da parte dei simboli di trattare e ordinare pienamente il reale, di riassorbirne la scabrosità vitale ed enigmatica. Lo scarto, la faglia nel sistema dell'Altro è precisamente il desiderio, ovvero ciò che fa obiezione al pensiero, ciò che muove, che tocca e che origina da un'alterità sfuggente e ingovernabile. Ne deriva come correlativamente il desiderio del soggetto sia un'eccentricità interna a lui stesso, un'altra scena, un'obiezione alla volontà dell'Io in quanto espressione diretta dell'inconscio.

Nella nevrosi ossessiva prevale il tentativo di separare rigidamente il luogo dell'Altro da quello del desiderio, di dissociarli. L'ossessivo non sopporta che l'Altro sia intrinsecamente corroso dalla mancanza, che il padre (in quanto garante della legge) sia fallibile poiché contemporaneamente anche essere desiderante. Come trovare allora la garanzia, la sicurezza, la pace incorruttibile se l'Altro pieno, compatto, senza crepe alla fin fine non esiste? Risposta: cercando un modo per staccare la mancanza dall'essere. Sacrificando il desiderio, mortificandolo, distruggendolo. Attraverso un'opera sistematica di soffocamento del desiderio l'ossessivo ottiene il suo risultato: l'Altro finalmente esiste. Un Altro però morto, inaridito. Una vita condannata alla sorda infelicità.

Non a caso la sensazione di essere vivi è connessa inestricabilmente al desiderare. Solo rinunciando alla preservazione utilitaristica dell'essere può realizzarsi un'esistenza fedele al desiderio. Il che non significa vita facile, vita priva di scossoni, ma certamente vita intensamente abitata dall'amore e non dall'odio o dall'invidia. Il principio di interesse e quello soggettivo sono sempre in confitto, sono discordi. Ogni evento di desiderio implica per forza una rottura con l'amministrazione del bene e dell'utile, una perdita, un lasciar andare le certezze.

La nevrosi ossessiva comporta invece un attaccamento spasmodico ai principi morali: il Bene, il Giusto... Essi rappresentano una cementificazione dell'Altro incorrotto dalla castrazione, ideale, infallibile, senza macchie, sbandamenti, irregolarità. La necessità offre così una garanzia contro la contingenza. La vita assume le sembianze di un ordine regolare, immutabile come il funzionamento di un orologio. Le scelte in cui in gioco ci sarebbe un desiderio autentico vengono sintomaticamente procrastinate all'infinito, bloccate dal dubbio e dalla rimuginazione perenne.

L'ossessivo è un soggetto meticoloso, ordinato, pulito, impeccabile, rigoroso. Ma pieno di sintomi, che rappresentano proprio il ritorno della contingenza rifiutata. Il desiderio rimosso non dà pace, tormenta il pensiero, toglie il sonno, sconvolge proprio quella serenità, quell'oblio che con tanto accanimento voleva difendere. Un sibilo di kafkiana memoria impossibile da non udire, pur nella profondità della tana costruita ad arte per fuggire dal mondo.

Ma è in campo amoroso che la sua sintomaticità esplode con tutta la sua carica d'odio e di distruttività. L'ossessivo odia proprio chi ama. E più ama disperatamente più odia con veemenza. L'amore diventa praticabile solo se privo di desiderio, solo se tenero e un po' asessuato. Perché l'intensità sconvolgente del desiderio che introduce la mancanza è intollerabile, destabilizza, toglie il terreno da sotto i piedi. Ecco perché molti ossessivi umiliano, tendono a rendere dipendente ed insicura la loro donna. Tentano così di limitarne la libertà e dunque di attenuarne la carica destabilizzante data dal loro essere soggetti vivi, imprendibili, misteriosi nella loro diversità.

Le donne, in quanto incarnazioni del desiderio nel doppio versante genitivo oggettivo e genitivo soggettivo, sono fonte inesauribile d'angoscia.Non è infrequente la scelta di sposare una donna non amata passionalmente proprio per fronteggiare il caos introdotto dal contatto con il desiderio autentico. L'amante non riuscirà mai a sostituire la moglie proprio perché la sua posizione sarà funzionale al mantenimento dell'equilibrio ossessivo: legge da una parte, desiderio dall'altra.

Quale cura possibile? Innanzitutto essa può avere qualche margine di successo solo quando l'equilibrio si rompe, quando cioè il soggetto è aggredito dai sintomi e non ce la fa più. Chiede aiuto, domanda all'Altro. Il transfert però è subito all'insegna dell'odio, perché anche l'analista, con la sua imperscrutabilità, risveglia la mancanza. Se l'amore prevarrà sull'odio si potrà fare un lavoro, perché il soggetto sperimenterà finalmente l'aprirsi all'Altro, integrando via via la propria e altrui castrazione. Il luogo dell'Altro mancante potrà essere finalmente abitato.

 

Psicoanalisi lacaniana

Altri articoli sull'amore

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961