Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Si potrebbe accostare al termine freudiano di Libido, inteso nell'accezione di pulsione, spinta, anelito, benché la colorazione amorosa sia maggiore nel termine Eros.

La pulsione infatti ha di mira unicamente il soddisfacimento, mentre l'oggetto può essere variabile, intercambiabile, avendo un valore puramente strumentale alla gratificazione. L'Eros sconfina invece nel campo dell'amore nella misura in cui il suo oggetto non è anonimo ma, seppur per un periodo di tempo determinato, specifico. La mancanza scaturisce dal desiderio di quell'oggetto lì, di cui si desidera il possesso ai limiti dell'ossessione. La spinta è per lo più di natura appropriativa, per cui alla base c'è un bisogno di gratificazione "narcisistica" del proprio Io, del proprio egoismo.

L'altro è ridotto al rango di oggetto di cui godere consumisticamente, sebbene per un certo periodo si possa parlare di una sua "sopravvalutazione", che tenderebbe ad attribuirgli caratteristiche meravigliose tali da giustificare un interesse così esclusivo nei suoi confronti. Tuttavia anche tale esaltazione amorosa non fa uscire dal cerchio del narcisismo, del fenomeno cioè per cui "mi amo in te". L'altro è confuso come in uno specchio con la propria immagine ideale, è idealizzato, dunque non visto realmente per quello che è. L'incontro con il reale dell'altro (se in gioco c'è solo Eros) induce alla lunga delusione ed offuscamento dello splendore che lo rendeva unico.

Agape invece è un termine di derivazione cristiana, lo si trova nella versione greca dei Vangeli. Caritas è il suo equivalente latino, carità. Si tratta di un amore che, anziché inglobare l'altro nel proprio Io, lo valorizza proprio per ciò che è, in maniera del tutto disinteressata. È un amore gratuito, che prescinde dal possesso e da qualsiasi tipo di ritorno in termini egoistici. Può infatti rivolgersi anche a qualcuno che fa del male, che non corrisponde, che sbaglia. Non si fonda sulla spinta a prendere ma su quella a donare, non cose, ma se stessi. Agape è dono di sè, per questo è il modello di amore divino, fattosi uomo per salvare l'uomo. È amore assoluto, incondizionato, totalmente votato all'altro nella sua dimensione irriducibile all'Io.

Ora perché contrapporre Eros ad Agape? Certo, da una parte c'è la brama di possesso, dall'altra il dono di sè. Da un lato il narcisismo, dall'altro l'altruismo radicale. Ma ciò solo se consideriamo le due forze come scisse. Tolta la complementarietà, il loro bilanciamento, ecco che entrambe possono degenerare. Da una parte un Eros radicalizzato darà luogo a sterile materialismo nelle unioni, portando a serialità nelle scelte e delusione perenne, così come vediamo oggi nella contemporaneità, nell'epoca senza valori in cui viviamo. Dall'altra Agape senza Eros può dare luogo ad unioni molto solide sul piano affettivo ma prive di quell'humus vitale dato dallo scambio tra esseri fatti di carne.

Ha più senso contrapporre Eros a Philos, una terza forma d'amore, l'amore fraterno, l'amicizia. I due sono inconciliabili nella misura in cui il primo è erotico, mentre il secondo no. Agape non è desessualizzato, può esserlo (nell'accezione dell'amore per il prossimo), così come può incontrare, contaminare e farsi toccare da Eros.


Allora Eros viene potenziato da Agape perché attraverso il dono di sè, il donarsi, l'uomo può raggiungere il più assoluto soddisfacimento, la pienezza a cui anela nel movimento ascendente verso l'altro. L'Incontro con la differenza finalmente si realizza, al di lá di qualsiasi abbaglio immaginario.

Altri articoli sull'amore

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961