Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

In entrambi i casi, oltre all’umore depresso e alla tristezza vitale, abbiamo in evidenza la sensazione di non valore nulla, una profonda perturbazione nella visione di se stessi, autoaccuse, rimproveri immotivati, senso schiacciante di colpa.

Tali fenomeni esteriori, osservabili invariabilmente in tutti i casi di depressione, rispondono tuttavia a logiche differenti.

La depressione nevrotica è per così dire quella meno grave, non tanto per l’intensità dei sintomi, quanto per la loro reversibilità. Infatti questo tipo di struttura psichica risponde più facilmente ad un dispositivo terapeutico basato sull’uso della parola e l’analisi dei nessi causali. C’è alla base una capacità di instaurare un clima di fiducia nella relazione d’aiuto, sulle prime non sempre evidente data la chiusura nei confronti dei legami a cui porta la malattia. Ma il vero punto che qualifica la sofferenza depressiva come nevrotica è la presenza dell’elemento del desiderio nel soggetto. Il depresso nevrotico conserva cioè una scintilla vitale, che si può trovare in empasse, che può sembrare morta, spenta ma che comunque da qualche parte è rintracciabile, come una fiammella coperta da strati di cenere. Generalmente si è in uno stato di rinuncia così pervasiva alla realizzazione di sé che può sembrare non esista nulla dell’ordine della vita. Ma ciò che si palesa dietro questo assetto difensivo è una “viltà morale”, un indietreggiamento, un cedere al proprio desiderio per non volersi confrontare con la fatica e la frustrazione che provare a realizzarlo comporta. A monte possiamo allora vedere nitidamente un rifiuto nei confronti dei propri limiti, a cui inevitabilmente mettono di fronte gli ostacoli che si incontrano nel momento in cui si intraprende una qualsiasi impresa, seppure modesta. Mantenersi nel lamento, nella stasi vitale e nell’auto autoaccusa per la propria incapacità ha allora una funzione non immediatamente visibile ma sottile: quella di preservare dall’incontro con il fallimento, con l’insuccesso. Che scatenerebbe vissuti intollerabili a causa di antiche ferite del passato, perdite dolorose che hanno recato danni all’immagine di sé e mai del tutto elaborate.

Il melanconico invece è tutt’altro tipo. Egli è davvero lo scarto, la merda, l’oggetto perduto. Lo realizza a volte anche nel sembiante stesso. Ora, anche il depresso nevrotico spesso dice di sentirsi una merda. Ma questo stato è reversibile, può conoscere dei momenti di pausa, è influenzabile dai rimandi e apprezzamenti che giungono dall’esterno e dagli altri. Il melanconico invece soffre di un sentimento continuo di nullità esistenziale, che non risponde al legame con l’Altro. Le sue autoaccuse, per altro spesso feroci e implacabili come quelle del nevrotico, nascondono una verità diversa. Lui non ha semplicemente subito una ferita narcisistica, non ha incontrato una frustrazione d’amore, una perdita in un quadro che comunque includeva una fase in cui era amabile. Di fatto non è mai stato visto dall’Altro, dalla madre per lo più. Non ha mai avuto accesso al sentimento di essere amato, riconosciuto e voluto. Ha incontrato uno sguardo “non guardante”, uno sguardo che l’ha trapassato senza vederlo, consegnandolo al vissuto di non essere nulla. La vita per essere inscritta nel senso necessita del riconoscimento da parte di un simile, altrimenti il rischio è lo scivolamento in una condizione di melanconia, di caduta, di sprofondamento nell’abisso della fatuità. A tutti è accaduto nella vita di osservare il mondo come una fiera delle vanità e i nostri automatismi come patetiche abitudini prive di senso. Tutti noi a volte sperimentiamo la sensazione di vivere in un film, in una bolla artificiale, ma per la maggior parte del tempo viviamo tranquilli la nostra routine senza porci continuamente domande. Il melanconico no. Per lui non si tratta di una sensazione intermittente ma continua, il mondo è una scena, un teatrino dell’assurdo e il vivere un dolore senza fine.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.