La malattia

Esistono certamente malattie transitorie, come vengono se ne vanno con le cure adatte. Poi ci sono quelle invalidanti, che lasciano cioè segni indelebili sul corpo e che vanno a rendere difficoltose anche semplici attività quotidiane. A volte queste ultime possono avere come esito finale la morte. A volte no, non mettono a rischio la vita ma provocano deficit permanenti.

Come si fa a convivere con una malattia che non passa mai ma anzi si aggrava nel tempo? Come non soccombere alla disperazione, al sentirsi inferiori, alla fatica nello svolgere compiti considerati banali, all’incomprensione da parte degli altri? Come superare la vergogna, l’autocompassione e infine la rabbia?

Sempre nelle storie di chi raggiunge una serenità interiore ad un certo punto compare l’accettazione della nuova situazione, della nuova immagine di se stessi.

Sottoporsi a prove e sforzi di ogni tipo per verificare e mostrare agli altri che siamo ancora capaci di tutto testimoniano sicuramente una forza di carattere preziosissima che da sola però non fa raggiungere un equilibrio di fondo. La volontà infatti può essere un modo per tentare di negare ciò che ci è accaduto, può sottendere un rifiuto verso quello che siamo diventati.

L’accettazione invece è un’altra cosa. Non è una resa, non impedisce di andare nel mondo e di provare a vivere ma lo permette a partire dalla consapevolezza dolorosa del cambiamento irreversibile, della perdita a cui siamo andati incontro. E dalla scelta di amarci lo stesso, in tutte le nostre particolarità.

Sabrye Tenberken, una donna cieca che ha fondato in Tibet una scuola per la riabilitazione di bambini non vedenti, a proposito della sua invalidità dice: “la cecità è qualcosa che irrevocabilmente è parte di me e solo il senso dell’umorismo e la consapevolezza di sé possono farla accettare come normale anche agli altri”.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.