Siamo vittime o responsabili?

E' incontestabile la subordinazione di ciascun essere umano all'ambiente che lo accoglie fin dal suo ingresso nel mondo. Il desiderio dei genitori, le loro ambizioni e aspettative condizionano e plasmano inevitabilmente la materia che costituisce ogni soggettività. Facendo sì che essa sia sempre frutto di un passato, di una storia, di un Altro che ci ha preceduto.

Tuttavia basta questo dato di fatto incontrovertibile per dire che siamo delle vittime in balia della volontà altrui? Che non abbiamo proprio alcuna libertà? Che il passato non passerà mai, non cesserà di esercitare il suo influsso sulle nostre scelte?

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan, contrariamente a una certa concezione freudiana, pensa che vi sia una possibilità di sfuggire al "potere di ieri", alla forza della ripetizione. L'inconscio per lui non è soltanto "Automaton", ripetizione dello stesso, ma anche "Tyche", incontro, possibilità che il nuovo sblocchi la monotonia dell'eterno ritorno dell'uguale. Per questo parla di responsabilità soggettiva e aborrisce l'idea che l'individuo sia solo una povera vittima innocente, anche quando la vita lo mette di fronte agli abusi e alle ingiustizie più grandi.

Dove stanno dunque la responsabilità, la scelta, quando per esempio non si è stati amati? O quando magari si sono subiti dei torti, delle prevaricazioni, delle forzature proprio nel luogo dove avremmo dovuto incontrare protezione?

Lacan parla di soggettivazione per indicare quel meccanismo di assunzione responsabile della nostra storia personale. Che non significa una cancellazione totale degli influssi negativi a cui siamo andati incontro, impossibili di certo da estirpare.

La soggettivazione infatti è un processo che necessita di tre tempi. Si parte da ciò che si è subito dall'Altro per arrivare a un secondo stadio che consiste nell'accettazione di quello che è stato come un dato reale, non passibile di aggiramento. Essa, pur portando a guardare in faccia il fatto negativo per quello che è, non scade nella rassegnazione, non lascia che quest'ultimo dica l'ultima parola su noi stessi. Si tratta di un tentativo di trasformazione della sofferenza patita, di un punto debole, in qualcosa che non dia puramente origine a distruzione e inermità.

Ecco il terzo tempo. Un meno diventa un più. Può aver luogo una invenzione soggettiva che finisce per tipizzare e qualificare fortemente chi trova la forza e la giusta spinta creativa per darvi forma. Per questo si usa il termine soggettivazione, che implica la messa in evidenza della soggettività più particolare contro ogni forma di schiavitù uniformante. Una ribellione contro qualsiasi determinismo.

Chi rimane cristallizzato nel ruolo della vittima impotente purtroppo non accede a questa possibilità di superamento del trauma primitivo. Vi rimane impigliato, e passa magari la vita a incolpare sistematicamente gli altri per la propria sfortuna e malasorte. In un circuito di ripiegamento su se stessi sterile e alla lunga inaridente.

L'incontro con uno psicoanalista talvolta si può trasformare in un' occasione per riallacciare un soggetto smarrito ad una rilettura possibile della sua storia, che lo sganci dall'inferno della recriminazione e della ripetizione.

 

 

Altri articoli sul disagio esistenziale

Creatività o compiacenza?

In psicoanalisi utilizziamo il termine creatività non solo per indicare la capacità di dare vita ad opere d’arte. Sulla scia dell’insegnamento di Donald W. Winnicott, per noi acquista un significato più ampio, nella misura in cui la intendiamo come quell’atteggiamento di fondo nei confronti della realtà esterna che sta alla base dell’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta.

Leggi l'articolo

Limiti della psichiatria istituzionale: la voce di Eugenio Borgna

Eugenio Borgna, primario di Psichiatria dell'Ospedale Maggiore di Novara, è stato allievo di uno dei più insigni maestri di fenomenologia in Italia, Enrico Morselli.

Leggi l'articolo

Le due patologie del materno

Diventare madre non coincide con il raggiungimento di uno status che riassume tutto l'essere di una donna. La maternità di per sè non cancella tutti i desideri e le aspirazioni che esulano dal mero accudimento dei figli. Certo, durante i primissimi mesi di vita di un bambino è fondamentale che la preoccupazione primaria sia la sua cura.

Leggi l'articolo

Ipocondria e rapporto con l'Altro

Il termine ipocondria si riferisce ad un disturbo psichico in cui al centro prevale la preoccupazione di aver contratto una grave malattia, in assenza di vere ed oggettive evidenze a riguardo. Sintomi comuni come un mal di pancia o un'eruzione cutanea vengono immediatamente presi come segni di una patologia invalidante, ingenerando un vortice di pensieri catastrofici ed un'intensificazione conseguente di ricerche e visite mediche. L'ossessione circa la possibilità di essere malati non si smorza a seguito di indagini mediche e controlli anche approfonditi, mostrando un certo grado di indipendenza rispetto ai dati di realtà.

Leggi l'articolo

La malattia "normotica"

Quando si pensa a problematiche di ordine psicologico viene quasi immediato riferirsi a situazioni di disadattamento rispetto alla realtà. Nell'immaginario collettivo cioè la persona sofferente di disturbi psichici è quella che incontra, in maniera più o meno marcata, delle difficoltà nel fronteggiare i compiti e le sfide della vita, preferendo il rifugio nel mondo della fantasia. Questa visione può per certi versi essere condivisibile, benché tenda a ridurre la complessità della questione.

Leggi l'articolo

Vedere ascoltando

Ascoltare è il mestiere dello psicoanalista. A lui non servono occhi per "vedere" i suoi pazienti, il suo approccio all'umano mette fra parentesi lo sguardo, inteso come catalogazione, giudizio, misura, conoscenza a priori. A pensarci bene infatti la vista espone all'abbaglio, alla fascinazione così come alla repulsione perché coglie dell'altro caratteristiche meramente esteriori e superficiali.

Leggi l'articolo

Il valore del presente

Il presente solo raramente è del tutto privo di bellezza, ma spessissimo lo sfuggiamo, lo manchiamo perché distolti dalle preoccupazioni o dalle attese, dall pensiero di ciò che intravediamo all’orizzonte come possibile

Leggi l'articolo

La sindrome di Asperger: luci e ombre


La sindrome di Asperger fa parte della categoria dei Disturbi pervasivi dello sviluppo. Essi comportano la compromissione dello sviluppo psichico del bambino per ciò che concerne la socialità, la comunicazione verbale e non verbale e il repertorio di attività e interessi.

Leggi l'articolo

La vecchiaia è un fenomeno culturale: parla Simone de Beauvoir

"La terza età" di Simone de Beauvoir è un ricchissimo saggio sulla vecchiaia che, benché redatto negli anni settanta, risulta ancora oggi estremamente attuale per cogliere la complessità di una condizione umana divenuta oggetto di un tabù persistente.

Leggi l'articolo

Quando il malessere si fa corpo

Una sofferenza emotiva intensa ma negata, un desiderio soffocato possono trovare come unica via di sfogo quella somatica. Possono cioè trasformarsi in dolori fisici di varia natura, che l'indagine medica definisce "psicosomatici" nella misura in cui non riesce a trovare una chiara eziologia organica.    

Leggi l'articolo

Il lutto

Quando subiamo una perdita di solito attraversiamo un periodo in cui siamo tristi, svogliati, chiusi in noi stessi e non a nostro agio con gli altri. Può capitare di sentirsi ansiosi, posseduti dall’attesa di un pericolo imminente.

Leggi l'articolo

La persona è sempre altro rispetto al suo disagio

Per la psicoanalisi, al pari di ogni vero e interessante approccio all'umano, ogni soggetto sintomatico resta sempre altro rispetto alla sua malattia. La diagnosi è uno strumento utile, di cui il clinico si avvale per classificare, riconoscere e dunque dare un nome al disagio che affligge una persona.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961