Quando il desiderio si eclissa

Moltissime situazioni di sofferenza psicologica, sia nei giovani che negli adulti, hanno alla base la percezione di essersi persi, di brancolare nel buio, di non sapere più bene che cosa si vuole veramente. Un’insonnia, una certa apatia, un’ansia prima sconosciute ad un certo punto della vita compaiono sulla scena.

Ci si accorge di non desiderare davvero ciò che magari in passato si è fortemente voluto o si credeva di volere. Può capitare di rendersi conto di aver agito in svariate situazioni più a partire dalle aspettative degli altri che da se stessi. Molte delle proprie scelte, anche quelle più convinte, tutto d’un tratto svelano inconsci condizionamenti che ne ridimensionano l’aspetto di libera espressione della propria soggettività.

Perché dunque la nostra autenticità viene messa così facilmente in ombra? Perché è così difficile essere semplicemente se stessi?

In psicoanalisi, per dar conto di questi fenomeni, valorizziamo una distinzione fondamentale, quella tra domanda e desiderio. Purtroppo spesso queste due dimensioni sono confuse, il desiderio si appiattisce sulla domanda, con tutti gli effetti di spegnimento vitale che ne conseguono.

La domanda infatti è imparentata con il bisogno, con la dipendenza, con il fare ciò che appunto viene domandato dall’Altro. Per sua natura tende alla concretezza e comporta una quota di subordinazione alla volontà altrui.

Tutto un altro discorso per il desiderio, che costituisce quella cellula di originalità di cui ciascuno di noi è portatore, in quanto essere unico e irripetibile. Pertanto, per questa sua natura creativa, tende verso la separazione, la libertà, la sovversione. Porta con sé cambiamento, disaccordo, disequilibrio.

In un certo senso il desiderio è scomodo da sostenere, perché implica l’assunzione piena della responsabilità di ciò che si vuole e si è davanti all’Altro, che può avere altri piani per noi, un’altra visione, altre attese. Vivere in accordo con il proprio desiderio non è quindi una passeggiata, una cosa semplice, un momento, uno slancio passionale. E’ complesso, comporta molta forza, non tanto quella di volontà, ma quella di resistere alle pressioni omologanti, ai conflitti, alla tentazione della rinuncia in nome di un quieto vivere.

Una psicoanalisi, come operazione preliminare, punta a dissociare l’anello del desiderio da quello della domanda. Mira cioè a liberare il desiderio dallo schiacciamento sulla domanda dell’Altro. Questo può avvenire solo se chi si lamenta per l’insoddisfazione della propria vita riesce a vedere la propria responsabilità nel mantenere il circuito frustrante in cui è intrappolato.

E’ facile dare la colpa all’Altro. <<Sono bloccato perché l’Altro mi blocca>> per noi psicoanalisti non è mai una spiegazione valida. Troviamo più interessanti interrogativi del tipo: <<partendo dal presupposto che l’Altro mi vuole così e cosà perché mi faccio bloccare da lui? Quale guadagno inconsapevole ne ricavo? E poi, siamo così sicuri che voglia proprio questo e quello da me? Non potrebbe essere una mia interpretazione? E se sì, da dove viene questa mia convinzione?>>.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Disturbo bipolare, personalità borderline e schizofrenia: quali differenze diagnostiche?

Il disturbo bipolare (sindrome maniaco-depressiva) non è immediatamente riconoscibile dal disturbo borderline di personalità, perché entrambi hanno in comune una serie importante di sintomi. Inoltre, essendo presenti nei due casi sintomi psicotici, si può creare confusione con la schizofrenia.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.