Desiderio d'altro

Una caratteristica strutturale del desiderio umano e' quella di configurarsi come desiderio d'altro. La soddisfazione cioè non produce appagamento e acquietamento della spinta desiderante, ma paradossalmente la fa risorgere nel momento stesso in cui la placa. E' come se, arrivati al culmine della pienezza, inconsciamente ci dicessimo: << e adesso? Che cosa c'è dopo? Cos'altro?>>. Rinnovando la stessa insoddisfazione che ci aveva mosso in partenza.

Esempi di questo meccanismo li possiamo rintracciare in tutti gli ambiti in cui si dispiega la nostra energia desiderante, nell'amore, nel lavoro, nelle relazioni, nei piaceri mondani. In partenza siamo sempre spinti da una mancanza, ma dopo aver conquistato la meta ed essere giunti al godimento della condizione agognata ci ritroviamo confrontati con una nuova irrequietezza, che ci spinge ancora una volta verso altro, verso ciò che non c'è.

Il meccanismo descritto concerne un tratto inaggirabile del desiderio umano, la sua tendenza a scivolare continuamente da un oggetto all'altro, in un rilancio infinito.

Se però le cose stessero solo così non esisterebbe alcuna possibilità di soddisfazione permanente, mentre nella nostra vita o in quella di altre persone possiamo avvertirne l'esistenza, la presenza autentica, l'impronta gioiosa. Capita a tutti di incontrare persone che non desiderano altri partner al di la' del proprio o non scambierebbero mai la propria professione con un'altra.

Come si concilia tale pienezza se il desiderio appare intrinsecamente orientato verso altro?

La contraddizione e' solo apparente. Anche nella ricchezza della realizzazione possiamo osservare il movimento del desiderio verso altro. Solo che questo altro lo si ritrova nella cosa stessa che ha generato appagamento. Alla soddisfazione segue nuovamente l'insoddisfazione che riattiva il moto desiderante, ma quest'ultimo si rivolge proprio a ciò che l'ha placato. L'altro coincide così con lo stesso. Il nuovo lo si ritrova nel vecchio. In un rilancio che può durare una vita intera.

Dunque una bussola infallibile per riconoscere se siamo davvero soddisfatti del nostro amore, del nostro lavoro o in generale della nostra esistenza e' chiedersi << così com'è, fatiche e difetti inclusi, ne voglio ancora?>>. Non a caso la parola "ancora" e' associata dallo psicoanalista Jacques Lacan a quella "amore". L' amore lega il desiderio al godimento, la mancanza alla pienezza. Arresta la fuga del desiderio, non nel senso di imbrigliarlo, tenerlo in gabbia, a bada. Il desiderio nell'amore e' libero, la fedeltà allo stesso non appare frutto di costrizione, impegno, rinuncia. La fuga verso l'altro si trasforma in rincorsa verso ciò che già c'è. Anche nelle difficoltà, nelle crisi, nella fatica che ogni impresa duratura inevitabilmente ci mette di fronte.

Se ci accorgiamo che questo "ancora" nella nostra vita professionale o in quella affettiva manca, allora forse ciò che ci ha mosso era un desiderio non allacciato all'amore. In questi casi si tratta di un segnale importante da non sottovalutare, che indica la necessita' di un cambiamento.

Se però ripetutamente constatiamo che i nostri desideri non sono mai durevoli, c'è qualcosa in noi che ci impedisce di lasciarci andare all'amore. E una psicoanalisi può aiutarci qui a capire perché e cosa non va. Non nel senso di costringerci a una fedeltà priva di slancio vitale. In alcuni casi e' meglio tradire, meglio tagliare i ponti che continuare a tradire se stessi. In ogni caso e' bene interrogarsi prima di agire, soprattutto nel momento in cui verifichiamo un nostro essere costantemente giocati dal meccanismo distruttivo e bruciante dell'insoddisfazione cronica.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.