La pazienza in psicoanalisi

La pazienza, intesa come arte di far fronte alle difficoltà vivendo con tranquillità e fiducia il tempo vuoto dell'attesa, pare essere diventata oggigiorno una virtù in via d'estinzione. La società contemporanea tende infatti a valorizzare il fare come unica via per raggiungere uno scopo, favorendo lo sviluppo di un'attitudine iperattiva che non ammette inciampi sulla via della realizzazione di un progetto o la risoluzione di un problema.

L'inconcludenza ne è però il risultato più frequente, nella misura in cui l'azione di per sè, priva di altri mezzi che la supportino, alle prime difficoltà necessariamente si blocca.

Chi ha esperienza di opere compiute, di conquiste solide e durevoli nel tempo, sa che il solo attivismo non ne è alla base. Anzi, quasi sempre l'intervento costituisce una parte marginale del lavoro. Ciò che vi gioca invece un ruolo fondamentale è la capacitá di sopportare la frustrazione del risultato che non arriva, dell'errore che si commette, del non vedere i cambiamenti auspicati all'orizzonte, del tempo sospeso dell'attesa in cui nulla si muove. Ogni volta è un ricominciare da capo, con la disposizione d'animo aperta e curiosa dell'inizio. Non all'insegna della negazione dei problemi, visti invece come occasioni per imparare e per aggiustare la mira.

L'azione in quanto tale, anche se energica e mossa dalle migliori intenzioni, è quindi destinata ad una debacle, in tutti gli ambiti, se non è accompagnata da una coscienza consapevole della complessità delle situazioni umane.

Questo principio è validissimo e di importanza capitale nel campo della cura del disagio psichico. Anche qui si tratta di raggiungere un risultato, di produrre un cambiamento. Ma se il focus si cristallizza intorno a tale finalità, non può esservi che interventismo affannoso e sterile, il cui unico esito finale è la resa.

Una terapia basta unicamente sul fare in vista della guarigione inevitabilmente si impantana, scontrandosi contro lo scoglio duro del reale. Sia chi chiede aiuto sia chi lo offre dovrebbero essere consci che la cura è un processo lungo, che implica tempo e fatica, battute d'arresto e squarci luminosi, al pari di qualsiasi altra impresa umana.

Se certamente vi sono delle strategie per risollevare nell'immediato da una sofferenza particolarmente penosa, per alleviare la crudeltà dei sintomi, ciò non significa che il problema di fondo venga in tal modo eliminato. Volerlo affrontare davvero vuol dire dimenticare fretta e guadagni a breve termine.

La pazienza allora paradossalmente si colloca più sul piano del terapeuta che su quello del paziente. Solo la sua capacità di attendere può erodere le resistenze dell'altro e favorirne l'abbandono della mentalità utilitaristica dei costi benefici. Così che colui che domanda una cura possa aprirsi ad una dimensione di più ampio respiro, svincolandosi dall'ansia del miglioramento ed orientatanodosi in tal modo unicamente verso la propria verità.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.