La metafora delle due porte in analisi

La psicoanalista francese Colette Soler proponeva una metafora suggestiva per indicare i due tempi che scandiscono un vero lavoro analitico, facendoli corrispondere con l'attraversamento di due porte. La prima soglia da oltrepassare è quella della stanza dello psicoanalista: si deve pur bussare, domandare, compiere un primo passo.

Momento mai semplice, preceduto da lunghe riflessioni e ripensamenti, culminante nell'incontro fra due esseri umani. Ecco allora che la parola inizia a farsi portavoce della sofferenza, c'è qualcuno che ascolta, la questione che affligge viene messa in forma.

È già un sollievo poter dire, poter fare chiarezza, intravedere una via nel caos. Tuttavia in questa fase prevale una domanda di aiuto, di supporto. Non sono ancora chiare le cause profonde alla base degli accadimenti di cui ci si lamenta, in molti casi già si intravedono, ma rimangono sullo sfondo, velate. Non si è ancora in grado di andare a guardarci dentro. Magari sul piano puramente intellettuale qualcosa è già chiaro, già noto, ma manca la consapevolezza profonda, quella che tocca davvero e che coinvolge, smuove, buca le difese della razionalizzazione e del non volerne sapere.

Quindi il secondo passo, decisivo verso una analisi vera e propria, non sempre viene compiuto. Sta al soggetto scegliere, decidere. Se accontentarsi degli effetti terapeutici dati dal primo attraversamento oppure fare uno sforzo ulteriore, andando al di là della condizione di persona ferita per vedere il proprio contributo inconscio nel mantenere ciò di cui si lamenta.

Allora e solo allora si apre la seconda porta. Ma non si tratta di una scelta intenzionale bensì di una assunzione di responsabilità verso i propri atteggiamenti che può avvenire o non avvenire. Jacques Lacan in proposito parlava di "rettifica dei rapporti con il reale", sulla scia di Freud, che invitava i suoi pazienti a guardare la parte che giocavano loro nella sofferenza di cui tanto si lamentavano.

Il passaggio dunque è veramente vertiginoso, perché comporta un rovesciamento di prospettiva radicale. Dal "soffro a causa dell'Altro che mi ha fatto questo e quello" al "patisco perché io stesso mi comporto sempre in un certo modo".

Ad esempio una donna che fugge costantemente dai rapporti interpersonali, attribuendo la sua fuga all'inadeguatezza dell'altro può ad un certo punto, dopo aver smaltito la quota di dolore che la inchioda, dirsi: <<forse sono io che mollo per non essere mollata? Forse io stessa cerco uomini instabili affettivamente per realizzare nel reale il mio sentimento interiore di donna abbandonata?>>

Tale rettificazione apre la via ad un'implicazione autentica del proprio essere nella cura. E prelude alla ricerca di un senso altro, non ancora visto e conosciuto. Che può ad esempio portare la donna in questione a rivedere i suoi rapporti con le figure significative della sua vita, a partire dai genitori, per scoprire la posizione in campo amoroso in cui si è collocata molto precocemente e che ha determinato la logica dei successivi incontri.

Questo lavoro è faticoso, non è per tutti e non è "obbligatorio". Richiede una predisposizione e una forma di coraggio, un voler sapere, una passione per la verità, anche quella che fa male. Inoltre non è mai lineare, le aperture si alternano sempre a periodi di chiusura e di non volerne sapere. L'inconscio funziona così, come un cuore che pulsa. Per questo le analisi non sono mai brevi. I tempi di elaborazione sono lunghi, ma nel tempo così facendo qualcosa cede. Accade che la ripetizione cattiva del passato lasci il posto a modalità nuove, non distruttive e frutto di un'acquisita libertà.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.