L'efficacia della parola

La parola umana racchiude un potere terapeutico enorme. Jacques Lacan in proposito distingueva la parola "vuota" dalla parola "piena", ritenendo solo quest'ultima in grado di produrre effetti di trasformazione. La parola vuota infatti non rappresenta altro che la chiacchiera, il lamento, lo sfogo fine a se stesso, lo sfoggio di cultura. Un parlare cioè senza la tridimensionalità data da un'implicazione in ciò che si dice, senza lo spessore conferito dall'esserci più autentico del soggetto.

Per fare breccia nelle difese nevrotiche la parola deve venire dall'inconscio, deve essere carica di verità senza che l'Io cosciente possa fermarla, deve sgorgare da un'altra fonte, che non sia quella del narcisismo e dell'amor proprio.

Chi la pronuncia è superato, sorpassato da lei e dalla potenza delle sue rivelazioni. Che, se non fuggono via, se non vengono ignorate, è perché c'è qualcuno che le sta ascoltando, un luogo che le fa risuonare in tutta la loro portata.

Il terapeuta, l'analista è colui che opera per custodire la preziosità della parola. È un suo alleato, un alleato dell'inconscio più che dell'Io del soggetto. Per questo il suo sguardo è opaco mentre il suo udito è fino. Perché al fondo non gli interessa l'immagine del suo paziente, non si fa accecare dalle sue qualità e non compatisce le sue sfortune. Si sottrae sempre un po' dalla simmetria del rapporto. Va oltre l'apparenza, sintonizzandosi piuttosto sulla frequenza della sua vera voce, della sua autenticità, della sua irripetibile singolarità.

Questo per facilitare l'incontro da parte del suo paziente con se stesso, con gli angoli più spigolosi e reconditi del suo essere. Perché possa accedere ad un cambiamento, perché possa rompere con certi schemi di comportamento invalidanti e ripetitivi deve vedere cosa c'è dietro ad essi, qual è il motore della loro esistenza, quali meccanismi li tengono solidamente in piedi.

Il dire allora si confonde con il rivivere, tocca davvero, non rimane semplice "bla bla", vuota intellettualizzazione fine a se stessa. Certe questioni vengono portate e rivissute nel qui ed ora della relazione terapeutica che, lungi dall'essere essere un rapporto fra Io, fa venire alla luce le modalità di rapporto del soggetto con l' Altro, l'Altro primordiale, quello che ne ha condizionato l'esistenza.

Tale rivivere, se colto nel momento stesso del suo dispiegamento, può produrre effetti molto potenti. Il soggetto non rimane estraneo a ciò che dice, ma c'è dentro fino al collo nel suo reale, ne percepisce le vibrazioni, ne viene colpito. Dopo tale attraversamento, qualcosa piano piano può cambiare, qualcosa può cedere, staccarsi dall'immobilismo.

Se l'istante di questo vedere ha il carattere dell'immediatezza tipico di una folgorazione, il tempo del comprendere è più lungo e accidentato. L'inconscio si apre e si chiude come il battito di un cuore che pulsa, perciò la guarigione rapida non esiste, così come un percorso senza battute d'arresto e difficoltà. Ma in questa maniera alla lunga le problematiche di fondo che affiggono vengono via via ridotte all'osso, mentre aumenta la capacità di farci i conti e di venire creativamente a patti con ciò che resta di immodificabile.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.