Psicoanalisi ed esperienza del reale

La psicoterapia è una pratica incentrata per lo più sul sostegno dell'Io, sul supporto della soggettività in crisi. Si tratta di un lavoro che produce effetti terapeutici, nella misura in cui allarga la visuale e moltiplica i punti di vista su certe situazioni, percepite in maniera distorta a causa di schemi mentali troppo rigidi, spesso impregnati di negativismo. L'effetto è quello di un distanziamento rispetto agli automatismi invalidanti ed un recupero delle potenzialità inespresse dell'Io, dei suoi punti di forza e della sua capacità di far fronte alle frustrazioni.

La persona acquisisce conseguentemente una nuova consapevolezza di sè e delle ricadute derivanti dal proprio modo di interpretare la realtà, viziato da preconcetti e paure. Il grado di coscienza raggiunto le permette di resistere alla precipitazione in atti o decisioni al fondo autolesivi, lasciando il posto a soluzioni più equilibrate. I tempi del pensiero si allungano, la capacità di simbolizzazione si rafforza, la possibilità di fronteggiare eventi sfavorevoli con rinnovata energia mentale e senso di prospettiva acquista concretezza.

Una psicoterapia, che dunque lavora apertamente con la finalità di incidere sul "qui ed ora" per rafforzare la capacità di reazione personale ad eventi stressanti, può essere più o meno contaminata dalla psicoanalisi, fino a trasformarsi completamente in una cura analitica. Che significa tale contaminazione?

La psicoanalisi interviene ogniqualvolta il terapeuta è aperto a dare spazio alla dimensione inconscia del suo paziente. Un ascolto psicoanaliticamente orientato c'è e rimane anche quando la portata della sofferenza è così presente da rendere necessario un intervento supportivo e di convalida dell'essere della persona in difficoltà. Uno psicanalista infatti sa operare con il riconoscimento dell'altro senza scivolare in una de responsabilizzazione del soggetto, sa essere di conforto senza ridurre l'altro ad un oggetto che si sottopone passivamente alle cure.

Il limite connaturato al lavoro psicoterapeutico "puro" è una certa superficialità dei risultati raggiunti, perché la dimensione inconscia del paziente non viene agganciata. Tutto si risolve in un potenziamento dell'io, frutto dell'attività del terapeuta più che di quella del paziente. Se il curante è troppo attivo, spinto dall'esigenza di aiutare concretamente il suo assistito, rischia di sostituirsi a lui, producendo una sua passivizzazione. Gli effetti terapeutici potrebbero essere così frutto di suggestione, cioè dell'influenza esercitata dalla persona del terapeuta, oppure derivare da una sorta di "educazione", di insegnamento. Il soggetto imparerebbe certe cose che gli vengono trasmesse su un piano cognitivo, razionale ma non profondo, in assenza di un coinvolgimento di altro tipo. Tutta la questione si risolverebbe in un maggiore adattamento alla realtà senza che l'inconscio venga minimamente toccato, senza cioè che la questione del desiderio soggettivo venga interrogata. Cosa vuoi tu? Ti è successo questo e quello ma tu cosa desideri veramente? Che parte giochi nel profondo nell'insieme di fatti di cui ti lamenti e che ti fanno soffrire? Quale vantaggio inconscio ne trai? Qual è la tua verità? Qual è il reale che ti riguarda intimamente?

Ora una psicanalisi tiene conto di tutte queste domande, opera indirettamente per favorirne l'emersione. Come? Attraverso il silenzio. Lo psicoanalista, anche quando è più supportivo e quindi più vicino alla posizione dello psicoterapeuta, è sempre in ascolto. Lascia la palla nelle mani dell'altro, lascia a lui la parola, il compito di esprimersi. Non dà consigli, non dà giudizi, non dà insegnamenti. Ascolta. E anche quando si autorizza alla parola la usa sempre nel rispetto dell'altro, per esempio limitandosi a mettere in luce con l'interpretazione un più di senso racchiuso nel discorso del paziente.

Ascoltare dà un posto all'altro, ma dando un posto parallelamente dà anche una responsabilità. Grazie all'ascolto riconoscimento, supporto, vicinanza umana sconfinano nella responsabilizzazione e nella solitudine più radicale. Mentre considero il soggetto come dotato di libertà ed irriducibile a qualsiasi formula ingabbiante, mentre lascio spazio alla formulazione delle sue verità, mentre faccio questo lo sto parallelamente investendo della responsabilità dei suoi detti e delle sue azioni, lo sto lasciano solo di fronte a se stesso.

Così si aggancia davvero un soggetto alla cura. Il che, toccando corde profonde sebbene invisibili, produce inevitabilmente una quota di angoscia. Ciascuno di noi, posto di fronte al proprio reale, non può non incontrare l'angoscia, reazione che accompagna sempre la perdita delle coordinate con le quali inquadriamo abitualmente la realtà.

Allora il decentramento, il cambiamento di punto di vista di cui si diceva a proposito della psicoterapia saranno il risultato non di una pedagogia da parte del terapeuta, non di un adeguamento alle sue aspettative di guarigione ma di un attraversamento del proprio "fantasma inconscio" operato dal paziente stesso, oramai "analizzante" attivo più che analizzato.

 

Altri articoli sull'amore

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961