Perché la nevrosi non è la perversione

A tutti i clinici può capitare di imbattersi in soggetti strutturalmente "perversi", anche se tendenzialmente le loro domande di aiuto sono al fondo inconsistenti e le relative terapie sostanzialmente inconcludenti. È bene che il terapeuta sia in grado di distinguere un nevrotico che può mostrare tratti perversi (nella sessualità così come nelle relazioni) da un perverso vero e proprio, perché si tratta di soggetti che differiscono profondamente in quanto alle logiche che governano i loro comportamenti. Le modalità di trattamento varieranno dunque in maniera significativa a seconda della diagnosi differenziale.

Il punto fondamentale su cui nevrosi e perversione mostrano tutta la loro discontinuità riguarda il rapporto con la legge. Il nevrotico è toccato dalla legge dell'uomo (la cultura), mentre il perverso la rifiuta radicalmente. Il che non significa che la nevrosi coincida tout court con l'obbedienza alle regole sociali, anzi, i comportamenti trasgressivi (tradimenti, imbrogli, menzogne) sono spesso alla base della stessa sofferenza nevrotica. La differenza sta nel fatto che il nevrotico patisce nel trasgredire, ne gode e ne patisce insieme. Mentre il perverso non solo non soffre ma non trasgredisce nemmeno alla fine, perché la legge per lui semplicemente non vale nulla, è solo carta straccia.

Il soggetto che palesa una sintomaticità di tipo nevrotico è sostanzialmente mancante, diviso, lacerato, come tutti gli esseri umani, anche quelli meno nevrotici. L'umanità stessa implica un'incompiutezza di fondo, una perdita irreversibile, nella misura in cui l'uomo è una creatura civilizzata, incisa dalla cultura, dal linguaggio, dai simboli, dalle leggi, da un trattamento "significante" che lo separa parzialmente dal godimento, inteso come pienezza pura e incontaminata dell'essere. L'uomo è così "mancanza a essere" e la sfida per ciascuno è quella di rendere questa ferita strumento di creatività e di generazione di opere.

L'accettazione della castrazione di fondo che abita l'essere, il riconoscimento della positività del taglio (che apre alla raffinatezza della vita umana) è la sola via per incanalare costruttivamente il desiderio, quella spinta vitale verso l'Altro che nasce proprio a partire dal limite individuale e che tuttavia tende nella nevrosi ad ammalarsi per via di una errata lettura del limite stesso, inteso solo come meno, come privazione, come legge da subire o trasgredire. Non è un caso che nella clinica della nevrosi siano sintomaticamente presenti l'inibizione dell'atto (che può prendere la forma del dubbio perenne, dell'incertezza continua, del tentennamento infinito, della rinuncia coatta) per via di uno strapotere della legge o al rovescio il senso di colpa per il suo oltrepassamento, operato in virtù del raggiungimento di un godimento di "contrabbando" . Tali punti orientano il clinico nel riconoscimento della nevrosi rispetto alla perversione: inibizione e senso di colpa dimostrano l'operatività della legge, pur nella sua accezione nevrotica di padrone assoluto.

Ora, chi è invece il perverso? Si tratta di qualcuno che intende affermare una libertà assoluta rispetto alla legge, rinnegando del tutto la mancanza e la vulnerabilità umana. Il perverso pertanto punta al godimento risolutamente, senza tentennamenti. Dalle sue azioni e spesso anche dalle sue parole si coglie la convinzione che la legge umana sia una cosa ridicola, moralistica e repressiva da cui l'uomo va liberato nel nome di una supposta legge "naturale" del godimento. In quanto tale senza limiti, senza freni, e senza rispetto dell'umanità dell'Altro. Il soggetto perverso si fa lui stesso oggetto e strumento di godimento, sia che eserciti dei comportamenti sadici o al contrario sia un masochista. La sacralità dell'umano viene irrisa mentre l'essere è degradato a mero oggetto, a puro pezzo di corpo di cui godere illimitatamente senza considerane alcun libero arbitrio.

Per il perverso la legge umana è solo ipocrita e falsa, un impedimento al manifestarsi dell'esuberanza pulsionale. Esiste solo il godimento, il perverso vuole dimostrare che al fondo ogni uomo, anche quello più morale, è corruttibile, bestiale, egoista, perverso appunto. Rifiutando il carattere necessariamente limitato e castrato del godimento umano (cosa che apre alla magia, alla potenza del desiderio e dell'amore verso l'Altro) questi tenta, in nome di una supposta libertà assoluta, di risalire al godimento pre linguistico dell'origine, un godimento al fondo incestuoso.

Spesso, anche se gli esiti di questi avvenimenti possono non essere necessariamente perversi, si osserva nelle storie di questi soggetti un predominio di un materno prepotente, che fa fuori la legge del padre e che appare agli occhi del figlio come una vera e propria potenza naturale. Si tratta delle famose "madri falliche", esse stesse non sottoposte al taglio della castrazione ed avide nei confronti dei propri figli, trattati come oggetti di cui godere e di cui liberarsi bruscamente quando sono di troppo, da inciampo al loro stesso godimento.

Il perverso è dunque un soggetto compatto, indiviso, difficilmente trattabile. Quando si rivolge ad un terapeuta raramente lo fa con l'intenzione di essere davvero aiutato e fermato. Va piuttosto dall'Altro per tentare di angosciarlo e di corromperlo (portandolo sulla scena), per affermare, ancora una volta, il primato del godimento su tutto.

Altri articoli sull'amore

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961