Quando l'analisi libera dal narcisismo

In ogni nevrosi si nascondono tratti narcisistici, nella misura in cui chi patisce di nevrosi tende sempre a mettersi in rapporto all'Atro con la finalità di essere domandato da lui (essere visto, voluto, ammirato, considerato), arrivando fino a soddisfarne la domanda con tutti i mezzi per ottenerne l'approvazione (essendo ubbidiente, solerte, zelante). In ambito lacaniano si dice che il nevrotico soffre di un'inconscia identificazione al "fallo", da intendersi come quell'oggetto prezioso che da bambino ha pensato di essere (e spesso è stato davvero) per la propria madre.

Nonostante la crescita e il conseguente distacco dalla madre, l'identificazione è rimasta latente, per via di un rifiuto (altrettanto inconscio) ad accettare la perdita di tale posizione privilegiata, avvenuta dunque nel reale ma non integrata a pieno psichicamente.

L'adulto nevrotico rimane quindi impigliato in un tipo di relazione con l'Altro all'insegna del predominio della domanda: tutti i suoi movimenti verso il prossimo sono condizionati dall'esigenza imperiosa di piacere, di incarnare l'oggetto della sua domanda. Ne deriva una modalità che alterna uno stile improntato al rimanere silenziosamente sulle proprie, in attesa di un movimento da parte dell'Altro (che sia l'Altro a domandarlo) ad uno all'insegna di atteggiamenti servili, un fare tutto per l'Altro attraverso azioni concrete (dispensare piaceri, consigli, aiuti pratici ecc...).

Ogni volta che il nevrotico entra in una relazione è come se inconsapevolmente pensasse: "cosa mi chiederà l'Altro?, cosa vorrà da me?", attivandosi conseguentemente per mostrare il suo lato migliore, performante o seducente. Facendo così mantiene l'illusione che l'Altro esista davvero, cioè che l'Altro sia una presenza veramente e primariamente interessata a lui, non distratta, non inconsistente, non mutevole e aleatoria come accade invece nella realtà. Infondo a conti fatti l'Altro può non volere nulla, magari piuttosto è animato da un desiderio, in quanto tale imprevedibile e non controllabile attraverso nessun exploit.

L'atteggiamento nevrotico porta dunque con sè una quota di inautenticità e di forzatura nei legami. Da una parte perché "obbliga" il soggetto a determinate condotte, condizionandone la libertà espressiva ed inducendolo a soddisfare l'Altro e le sue "supposte" esigenze piuttosto che le proprie. A lungo andare il predominio di tale approccio produce rinuncia, sottomissione e sopratutto sterile lamentazione. Ci si lagna di non poter perseguire i propri desideri a causa dell'Altro, in un circolo vizioso di vittimismo che porta gli attori a rimanere prigionieri del loro stesso gioco all' essere "come tu mi vuoi". Le proprie impasse esistenziali non vengono assunte soggettivamente ma rigettate sull'Altro. Così facendo la responsabilità della scelta viene aggirata mentre il soggetto, incapace di mettersi proficuamente in discussione, si chiude sempre più nel suo bozzolo narcisistico, nel suo orticello fatto di egoismi mascherati spesso da azioni falsamente altruistiche.

La psicoanalisi può incidere realmente su tali dinamiche e riportare il soggetto di fronte al suo desiderio, a patto che lo confronti, almeno un po', con l'inconsistenza dell'Altro, dunque con la sua assenza di domanda. Se il terapeuta si smarca dal gioco simmetrico di domande e risposte e si mette sul piano di colui che non vuole nulla, che semplicemente ascolta, che non agisce secondo schemi prevedibili e ben codificati, allora ha la possibilità di far vivere al suo paziente un'esperienza nuova. Quella del confronto con il desiderio dell'Altro, al di là della domanda.

Togliendo all'analzzante ogni illusione di essere al centro di un'aspettativa o di una richiesta da parte del suo interlocutore gli si fa fare un incontro che ha sempre tentato di schivare: l'incontro con il suo desiderio, l'incontro con se stesso, con quello che è al di là delle mistificazioni del "presentarsi" come un soggetto interessante.

Ciò restituisce sicuramente una quota di autenticità perduta ma produce altresì degli indubbi effetti angoscianti, dal momento in cui, una volta fatta piazza pulita dei condizionamenti legati alla domanda, il paziente verifica uno smarrimento identitario. Chi sono veramente quindi al di là di quello che penso di essere? Cosa voglio lasciando perdere le aspettative che suppongo nell'Altro? L'angoscia è un inevitabile effetto di tale lavoro di lenta dis identificazione dall'essere il fallo, perché è un affetto che interviene ogni volta che ci troviamo spaesati, privati cioè dei nostri usuali riferimenti, degli automatismi che ci limitano ma che al tempo stesso ci danno sicurezza.

Allora un'analisi spinta a fondo permetterà di sganciarsi dall'essere il fallo, il gioiello dell'Altro, per poterlo avere ed usare pienamente sul versante maschile e per poterlo finalmente ricevere davvero su quello femminile. In entrambi i casi si assiste ad un ridimensionamento narcisistico che apre all'esperienza di una pienezza possibile.

 

Tags: Narcisismo patologico

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.