Coronavirus: l’alternativa alla paura e alla depressione

Impossibile non avvertire un “grande freddo” in queste settimane, in contrasto con la mitezza e la pace ritrovata della natura che filtra dalle nostre finestre, intorno alle quali ci aggiriamo più di quanto non abbiamo mai fatto in precedenza, come alla ricerca di un calore, una conferma, un ricordo di come era ieri e di come sarà domani.

Impossibile non provare una grande pena, per i nostri anziani, per i morti, per i governanti in affanno, per i lavoratori, per i bambini, per noi tutti. 

Tutti gettati nell’incertezza, nella estraniante solitudine a cui obbligano le pratiche preventive e terapeutiche che comportano distanza e lontananza, quando non vero e proprio abbandono. 

 E poi rabbia, frustrazione, di nuovo impotenza. Ai sentimenti luttuosi seguono moti di ribellione, la ricerca di colpevoli, nel tentativo di localizzare una causa del disastro. 

Perché se un responsabile esiste  allora lo possiamo combattere no? Se c’è una ragione possiamo almeno fare qualcosa!

 Ma di nuovo i perché sfuggono, la calamità naturale si rovescia indifferente su di noi, sulle nostre fragili vite, sulla nostra impreparazione, sui tempi lunghi della scienza e più in generale della mente umana nel fronteggiare una situazione di questa portata. 

Eravamo addormentati nella pace e nel confort, ora senza preavviso siamo precipitati in una strana guerra e non sappiamo più come reagire.

 Che facciamo allora? Ci abbandoniamo alla disperazione

Oppure, peggio, fingiamo che nulla sia cambiato, prendendo tutto questo come una allegra vacanza, illudendoci con l’idea di una rapida ripresa a settembre? 

 Come a seguito di tutte le situazioni drammatiche che possono abbattersi su di noi catastrofismo e incosciente ottimismo sono i due estremi attorno ai quali possono oscillare le nostre reazioni emotive iniziali. 

L’esasperazione dell’angoscia oppure la sua negazione tramite l’indifferenza o la cieca positività sono manovre psichiche che  tentano infatti di ripristinare una qualche padronanza su ciò che supera la nostra capacità di intervento e risoluzione. 

 Tramite questi meccanismi di difesa proviamo da una parte a renderci conto di quanto avvenuto attraverso un rinforzo della reazione al pericolo e dell’attesa delle conseguenze negative dell’evento. 

Dall’altra cerchiamo di aggirare l’ostacolo, rifugiandoci in una sciocca presa di distanza che non fa altro che ritardare l’incontro con il trauma

In ambo i casi ci viene a mancare la giusta lucidità per assorbire il colpo. 

 Ma come si fa a convivere con lo sconforto e la paura del futuro senza cadere nella  depressione o nel panico

Come si può dar spazio alla rabbia senza che questa si trasformi in caccia alle streghe e in generale in un veleno che intossica? 

 Bisogna innanzitutto prendere coscienza della nostra precarietà su questa terra. 

Da qui possiamo costruire anziché distruggere. 

Perché se ci diciamo “bene, sono mortale, in quanto tale fragile e non ci posso fare niente, non ho colpe per questo”  recuperiamo un contatto con la verità del nostro divenire, che implica crescita, pienezza, decadenza ma anche malattia, fatalità, minaccia da parte della morte in ogni momento.

Da qui segue una rinnovata umiltà,  che poggia sulla coscienza della propria nudità e inermità.

Tutte le maschere di potere e gli istinti di sopraffazione in questa maniera cadono. 

Perché non sono solo io in questa condizione, ma ci si ritrova anche il mio simile, mio fratello di destino mortale. Allora ho compassione di me e di lui, vedo in entrambi la fallibilità e la perdono, e capisco il valore della pace e della solidarietà.

Mentre al contempo imparo a riconoscere nella Natura una doppia faccia, quella di madre e di matrigna, quella del paradiso e dell’inferno ed accetto che i due volti siano indissociabili l’uno dall’altro, che l’ombra faccia parte della luce e che la luce stessa debba parte della propria bellezza alle tenebre.

Amore e morte sono i principi impersonali che regolano tutto, è dal loro miscuglio che la vita si rinnova e si esprime.

Così, una volta sviluppati umiltà, fratellanza e rispetto verso la natura e le sue imperscrutabili leggi potrò vivere l’arresto, la sofferenza e il disagio in modo diverso, accogliendoli come parte integrante dell’esserci. 

Smetterò di vagheggiare un eden senza intoppi e abiterò saldamente il presente, bello o brutto che sia, non indugierò più sui sentimenti tristi ma quando arriveranno li lascerò scorrere, con la consapevolezza che se ne andranno, che tutto passa, noi compresi. 

È con questa fiducia che dobbiamo vivere oggi, tutto quello che abbiamo sta nel presente e nella coscienza di un passo che segue l’altro, qui e ora.

Di domani non c’è certezza, ma dell’istante sì. E abitarlo in pienezza non significa attaccamento ossessivo in termini di avere o al contrario cedimento a sregolatezza e a piaceri ingordi.

Esserci davvero è qualcosa di più sottile, è qualcosa che va oltre la carne pur nel rispetto e nella cura di essa. Proviamoci. Trascendiamo le nostre paure!

Male oscuro, Disagio contemporaneo

Altri articoli sull'amore

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Solitudine femminile

Sempre più donne nel contesto contemporaneo si trovano confrontate con la solitudine, non semplicemente quella subita. Pur non mancando di corteggiatori, decidono di non scendere a compromessi, in nome dell'amore con la A maiuscola. Non innamorandosi mai veramente, non incontrando mai la persona che sentono essere "giusta" per loro, scelgono di vivere la loro vita rinunciando ai vantaggi economici e sociali associati ad una relazione con un uomo.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961