Perché il desiderio fa paura

Quando ci approcciamo a qualcosa o a qualcuno che ci cattura nel profondo ci succede frequentemente di avvertire una spinta a indietreggiare. A ritrarsi, a sfuggire la situazione o la persona in questione. Questo fatto appare inconciliabile con una visione semplicistica del desiderio umano, che tende ingenuamente a collocarlo in un rapporto sereno e non conflittuale con il suo oggetto.

Tale concezione permea in effetti la società in cui viviamo, perché concepisce l’uomo come una creatura che per sua natura sa cosa vuole e come arrivarci. L’uomo sicuro di sé, “assertivo”, è colui che persegue i suoi obiettivi con passo sicuro e deciso. Il tentennamento, l’indecisione, l’irresolutezza sono bollate come tendenze negative se non addirittura patologiche. Di fatto emerge una gran confusione fra l’Ego e il desiderio, un appiattimento cioè della dimensione inconscia, profonda su quella cosciente. Che si traduce in rifiuto di ciò che sfugge alla presa della volontà e che enigmaticamente si oppone al suo programma. L’inconscio è il nome di questo inciampo che disarciona la padronanza e il desiderio vi affonda le sue radici.

Il vero desiderio infatti non coincide né con la volontà dell’Io né con i suoi capricci. Non è un desiderio di cose, di oggetti, di potere, di confort. E’ una dimensione che va oltre, che ha a che fare con la stessa spinta vitale che ci fa sentire il senso della pienezza della nostra vita. E’ passione, è mancanza, è spinta a realizzare sogni, spesso etichettati dal nostro entourage come impossibili. Per questo il desiderio si mette di traverso rispetto alla volontà, è sovversivo perché va controcorrente nei confronti di ragionamenti di “buon senso”, rinunciatari e uniformanti sui vari diktat sociali. Se viviamo una vita che non è all’unisono con il nostro desiderio avvertiamo insoddisfazione, siamo assaliti da mille sintomi, incontriamo fallimenti, in una parola veniamo tormentati da un tarlo invisibile, che esige perentoriamente il nostro ascolto.

Ma dicevamo che il desiderio crea tentennamenti, fa paura. Seguire il proprio desiderio non è una passeggiata, una cosa semplice, senza impedimenti. Davanti all’oggetto del desiderio ci si angoscia. Si è presi poi da dubbi, indecisioni. Lo psicoanalista francese Jacques Lacan valorizza l’angoscia, in quanto la vede come una spia preziosa che ci indica la presenza del nostro desiderio. L’angoscia tocca il corpo, lo fa vibrare. Indica un punto di certezza, di verità. Se mi angoscio davanti a lei o a lui è perché mi attrae, perché tocca delle corde. Se mi angoscio davanti alla possibilità di cambiare lavoro è perché devo farlo. L’essere umano però in risposta alla raccapricciante certezza dell’angoscia tende a scappare. A ricercare il confort di una vita magari insoddisfacente ma tranquilla. A sfuggire l’incontro con il nuovo, con il non ancora visto e non ancora vissuto. Con la vertigine dell’ignoto. E così contrappone ogni sorta di dubbio. Ma il dubbio non è l’angoscia, è solo una via per tentare di aggirare la verità che ci indica. Mentre agire, dice sempre Lacan, è un modo per strappare all’angoscia la sua certezza.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.