Perché il desiderio fa paura

Quando ci approcciamo a qualcosa o a qualcuno che ci cattura nel profondo ci succede frequentemente di avvertire una spinta a indietreggiare. A ritrarsi, a sfuggire la situazione o la persona in questione. Questo fatto appare inconciliabile con una visione semplicistica del desiderio umano, che tende ingenuamente a collocarlo in un rapporto sereno e non conflittuale con il suo oggetto.

Tale concezione permea in effetti la società in cui viviamo, perché concepisce l’uomo come una creatura che per sua natura sa cosa vuole e come arrivarci. L’uomo sicuro di sé, “assertivo”, è colui che persegue i suoi obiettivi con passo sicuro e deciso. Il tentennamento, l’indecisione, l’irresolutezza sono bollate come tendenze negative se non addirittura patologiche. Di fatto emerge una gran confusione fra l’Ego e il desiderio, un appiattimento cioè della dimensione inconscia, profonda su quella cosciente. Che si traduce in rifiuto di ciò che sfugge alla presa della volontà e che enigmaticamente si oppone al suo programma. L’inconscio è il nome di questo inciampo che disarciona la padronanza e il desiderio vi affonda le sue radici.

Il vero desiderio infatti non coincide né con la volontà dell’Io né con i suoi capricci. Non è un desiderio di cose, di oggetti, di potere, di confort. E’ una dimensione che va oltre, che ha a che fare con la stessa spinta vitale che ci fa sentire il senso della pienezza della nostra vita. E’ passione, è mancanza, è spinta a realizzare sogni, spesso etichettati dal nostro entourage come impossibili. Per questo il desiderio si mette di traverso rispetto alla volontà, è sovversivo perché va controcorrente nei confronti di ragionamenti di “buon senso”, rinunciatari e uniformanti sui vari diktat sociali. Se viviamo una vita che non è all’unisono con il nostro desiderio avvertiamo insoddisfazione, siamo assaliti da mille sintomi, incontriamo fallimenti, in una parola veniamo tormentati da un tarlo invisibile, che esige perentoriamente il nostro ascolto.

Ma dicevamo che il desiderio crea tentennamenti, fa paura. Seguire il proprio desiderio non è una passeggiata, una cosa semplice, senza impedimenti. Davanti all’oggetto del desiderio ci si angoscia. Si è presi poi da dubbi, indecisioni. Lo psicoanalista francese Jacques Lacan valorizza l’angoscia, in quanto la vede come una spia preziosa che ci indica la presenza del nostro desiderio. L’angoscia tocca il corpo, lo fa vibrare. Indica un punto di certezza, di verità. Se mi angoscio davanti a lei o a lui è perché mi attrae, perché tocca delle corde. Se mi angoscio davanti alla possibilità di cambiare lavoro è perché devo farlo. L’essere umano però in risposta alla raccapricciante certezza dell’angoscia tende a scappare. A ricercare il confort di una vita magari insoddisfacente ma tranquilla. A sfuggire l’incontro con il nuovo, con il non ancora visto e non ancora vissuto. Con la vertigine dell’ignoto. E così contrappone ogni sorta di dubbio. Ma il dubbio non è l’angoscia, è solo una via per tentare di aggirare la verità che ci indica. Mentre agire, dice sempre Lacan, è un modo per strappare all’angoscia la sua certezza.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.