Ripetizione e convergenza in analisi

Durante un’analisi si parla. Se si segue il filo dell’associazione libera viene dato il via ad un flusso di parole, che assume la consistenza di una massa solo in apparenza informe. In realtà è possibile leggervi in filigrana un’organizzazione ed una logica, al di là della ridondanza di superficie.

A parte il beneficio transitorio dato dallo sfogo verbale, a cosa serve parlare da soli a qualcuno che non si conosce e che per lo più tace? Intanto il fatto di non conoscere l’analista ha un indubbio vantaggio: la sua estraneità ci permette di ridurre la nostra paura di essere giudicati e ci favorisce nel dire realmente tutto ciò che ci passa per la testa. L’atteggiamento silenzioso consente inoltre l’accoglienza della nostra parola: veniamo finalmente ascoltati. Non solo, iniziamo a farlo davvero anche noi. Stranamente cominciamo a prestare attenzione a ciò che diciamo, a intravedere il peso e le implicazioni di verità in quanto stiamo tirando fuori. Dal flusso del “bla bla” di una parola tendenzialmente vuota si circoscrivono progressivamente delle zone di densità particolare: è la parola piena, ricca di sapere circa il modo in cui funzioniamo. Non è dunque il terapeuta a produrre oracoli su di noi, ma siamo noi a farlo. Lui si limita a mostrarci i punti di verità del nostro discorso e a restituirceli in forma più compiuta e articolata attraverso delle interpretazioni o degli atti. In questo modo progrediamo nella conoscenza autentica di noi stessi.

Il nostro dire va dunque incontro ad una operazione di riduzione, che avviene in due modi. Da una parte abbiamo la ripetizione: la massa di parole finisce con il lasciar venire alla luce degli elementi che ritornano, si ripetono. E’ proprio lì che incontriamo qualcosa che ci dà informazioni preziosissime sui nostri meccanismi inconsci. Per esempio, parlando degli scacchi della nostra vita sentimentale, diciamo che tutti i nostri partner hanno avuto in comune una caratteristica ben precisa, magari quella dell’infedeltà. Ci accorgiamo che siamo stati noi a sceglierli sulla base di questo attributo, dunque in un certo modo siamo andati noi stessi a cercare la sofferenza di cui ci lamentiamo! Possiamo poi scoprire come l’infedeltà sia un frammento che ci riconduce al primo oggetto d’amore (la madre) e dunque rappresenti qualcosa di irrisolto nei confronti di questa figura. Attraverso la ripetizione siamo giunti a circoscrivere una questione fondamentale nella nostra vita.

Oltre alla ripetizione un altro meccanismo che agisce sul discorso e che riduce all’osso le nostre questioni è la convergenza. Parlando i nostri enunciati tendono a convergere su uno fondamentale, che racchiude alcune espressioni che sono state dette nel corso della nostra vita infantile. Si scopre che molte delle cose che ci sono successe sono una conseguenza di questi detti, con i quali ci siamo identificati. Ad esempio può esserci stato ripetutamente detto nella nostra infanzia “Devi!” oppure “Sarai sempre questo!” oppure delle parole insignificanti che per qualche misterioso motivo si sono incistate nel nostro psichismo inconscio. Queste frasi, che in psicoanalisi chiamiamo “significanti padroni”, hanno determinato il nostro destino, le nostre scelte o il modo con cui ci approcciamo agli altri.

Alla luce di quanto detto, la sfida di un’analisi risiede semplicemente nell’elucidare la ripetizione o nel circoscrivere le parole che hanno determinato il nostro destino? La risposta è no. Non basta sapere, capire per cambiare posizione. Perché vi sia cambiamento bisogna fare un passo successivo, cogliere e poi cedere il godimento che tutto questo ha inconsapevolmente apportato alle nostre vite. Il godimento inconscio, il tornaconto paradossale fissato a questa ripetizione o a questo “significante padrone” va visto e poi lasciato andare. Deve accadere che vi sia un disinvestimento libidico, che la nostra libido si rivolga altrove. Che cioè si trovino punti di soddisfacimento più sani, che apportino meno sofferenza.

Perché questo accada ci vuole tempo, tempo per dire e ridire, e fiducia nel lavoro che si sta facendo. Non esiste una guarigione rapida, così come non esiste un lutto rapido. Nel campo dell’umano il tempo e la pazienza sono necessari affinchè ogni distacco possa compiersi.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.