Pierre Rey - sul lettino di Lacan -

Pierre Rey, Sul lettino di Lacan, Bruno Mondadori Editore.

In questo libro lo scrittore francese Pierre Rey racconta l’esperienza della sua analisi personale con Jacques Lacan.

E’ un testo molto interessante per varie ragioni. Può infatti attrarre sia lo psicoterapeuta, che vi trova preziose indicazioni tecniche sullo stile di conduzione delle cure da parte di Lacan, che il paziente, reso partecipe dei mutamenti interiori dell’autore provocati dalla terapia.  

In questo articolo proviamo a vedere cosa accade al malessere del paziente Rey. Assillato da una serie di sintomi fobici, chiede aiuto al noto psicoanalista francese. Come spesso accade, i suoi sintomi scompaiono nei primi mesi dell’analisi. Non si tratta però di una risoluzione autentica dei conflitti sottostanti ma degli effetti suggestivi legati alla situazione. I sintomi infatti dopo un po’ ritornano tali e quali.

Lacan sapeva benissimo che una psicoanalisi non cura attraverso la suggestione e non usava mai direttamente il potere suggestivo della sua persona a fini terapeutici. Indicava sempre un al di là, faceva cioè appello all’indipendenza del soggetto rispetto a lui, alle sue personali risorse di elaborazione.

Questo fenomeno lo vediamo bene nelle descrizioni di Rey. Se i sintomi ritornano, ciò che veramente cambia nel corso della sua analisi è l’atteggiamento che lui mostra nei loro confronti. Avviene un cambiamento di posizione, di prospettiva.

Dice: “sono sempre altrettanto fobico. Ma, nel frattempo, ho imparato a scendere a patti con le mie fobie. Evito di mettermi in condizione di provarle o, se vi sono costretto, considerandole come l’incidente di un tempo vuoto, le subisco con la rassegnazione annoiata con cui si affrontano le fatalità esteriori”.

Uno dei punti di approdo della terapia è proprio questo grado di accettazione rispetto a ciò che affligge. Che non equivale a un essere passivi, un identificarsi con il sintomo, tutt’altro. Rey scopre nel corso dell’analisi che nella vita “tutto vi è precario, incerto e nulla è dato né acquisito”.

L’accostamento che ci propone tra la sua fobia e la “fatalità esteriore” a cui reagisce con “rassegnazione annoiata” è  ricco di significato.

La terapia non sempre elimina il sintomo, come un nemico da cancellare, da estirpare. Aiuta a riconciliarsi con lui, senza però subirlo. Come qualcosa che ci riguarda, che fa parte di noi, ma che non qualifica del tutto quello che siamo. La “rassegnazione” di cui ci parla l’autore è infatti “annoiata”, vale a dire che la sua mente procede oltre, va oltre, non viene più schiacciata né tiranneggiata. E’ libera.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.