Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Una verità che insegna la pratica clinica è che nessun amore è in grado di curare la tristezza vitale: piuttosto è la rinnovata fiducia nella vita a agevolare l’incontro, a creare cioè le condizioni perché si possa valorizzare chi magari abbiamo sempre avuto sotto gli occhi senza la capacità di vederlo davvero. Quindi è vero che esiste una certa correlazione tra guarigione dall’affetto depressivo e amore, ma non perché sia l’amore a esercitare direttamente un effetto terapeutico.

Un’altra idea molto diffusa in proposito è che l’essere amati sia la vera fonte di benessere. Anche qui si impone una rettifica: vediamo spessissimo crogiolarsi nella depressione e nell’insoddisfazione persone amatissime, adorate dai loro partner, messe al centro in tutto e per tutto. Eppure le ascoltiamo lamentarsi dell’insufficienza del partner, di quanto lui sia sensibile e premuroso ma inadeguato a far stare davvero bene. Dietro a questo fenomeno si cela l’incapacità di amare tipica di chi vive uno stato depressivo. Per non fare i conti con ciò è più facile attribuire la causa del proprio congelamento affettivo ad una presunta inadeguatezza del compagno. Se l’altro fosse in questo o in quell’altro modo allora sì che sarebbe possibile amare, vivere si dice il depresso. Non vedendo che in gioco c’è la sua aridità interiore, il suo blocco vitale. Che generalmente affonda le radici nel romanzo familiare e nelle perdite che hanno costellato la prima parte della vita.

Se dunque l’amore non cura il disagio soggettivo, se non è essere amati il riparo dalla tristezza qual è allora il legame tra amore e benessere di cui tanto si parla? Anche a questo proposito è di aiuto l’insegnamento dello psicoanalista Jacques Lacan. Il miracolo dell’amore avviene quando l’oggetto del nostro desiderio, da oggetto amato si trasforma in amante. Amore non è essere amati da qualcuno, ma essere amati da chi è stato per noi oggetto del nostro amore.

Dunque amare appare il primo gradino imprescindibile e fondamentale per qualsiasi esperienza di autentico amore. Non è detto che l’oggetto amato si trasformi in amante, in colui che a sua volta ricambia e risponde all’amore. Ma senza questo passaggio, senza un nostro movimento desiderante verso l’altro nessuna trasformazione autentica diventa possibile. Lacan usa questa bella immagine: una mano che si protende per raccogliere il frutto quando è maturo, per attirare la rosa che si è aperta, per attizzare il ceppo che all’improvviso si accende.

“Se dal frutto, dal fiore o dal ceppo esce una mano che si tende incontro alla vostra, e se in quel momento la vostra mano si fissa nella pienezza chiusa del frutto o in quella aperta del fiore o nell’esplosione di una mano che brucia, ecco allora che si produce l’amore”.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.