Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

Per Freud questa tipologia sarebbe più diffusa negli uomini, alla ricerca di un sostituto del primo oggetto d'amore, cioè la madre. Il secondo invece concerne una spinta, più femminile del resto, a prendere come oggetto d'amore se stessi, facendosi dunque amare.

Qui prevarrebbe la componente narcisistica nella misura in cui in primo piano ci sarebbe l'essere amati rispetto all'amare. Andando più oltre, l'inventore della psicoanalisi arriva a dire che fa parte della scelta d'amore narcisistica l'amare l'altro non per quello che è ma per quello che vorremmo fosse, dunque una sorta di idealizzazione che ne farebbe colui che possiede le qualità che ci mancano e che vorremmo per noi stessi.

In entrambi i casi citati, l'amore d'appoggio e quello narcisistico, salta all'occhio un fatto: l'amato non è mai raggiunto in quanto tale, nella sua soggettività unica, ma assume sempre le sembianze di qualcun altro: nel primo caso la madre, nel secondo la nostra immagine ideale. Dunque a dire il vero l'incontro autentico con il suo essere più proprio viene mancato, dando luogo ad abbagli e disillusioni nel momento in cui lo schermo che riflette tutte le proiezioni si infrange sotto i colpi della conoscenza più profonda. Questo discorso darebbe anche conto del perché certe persone una volta chiusa una relazione ne iniziano un'altra, magari con una persona diversissima rispetto alla precedente, che finisce con il prendere la stessa piega. In questi casi e' all'opera una lente distorcente, che assegna un determinato posto, sempre lo stesso, ai differenti oggetti d'amore.

Ma possiamo affermare che Freud ha veramente detto l'ultima parola sull'amore? Non è possibile uscire da questa legge spietata secondo la quale siamo condannati a non vedere mai l'altro per quello che è veramente? Lo psicoanalista Jacques Lacan su questo punto dissente e cerca di andare oltre. L'amore come amore per l'altro al di la' dei filtri della nostalgia o dell'idealizzazione e' molto difficile certo, ma non impossibile. Un'analisi ben riuscita dovrebbe portare in questa direzione, dovrebbe cioè consentirci di aprire gli occhi sulla nostra tendenza inconscia alla distorsione e dunque permetterci di squarciare le bende che ci fanno continuamente prendere delle cantonate e sbandare. Inoltre l'analisi per definizione contrasta la nostra tendenza, molto nevrotica, a cercare sicurezze, certezze, a chiudere in schemi rassicuranti situazioni e persone. Ci fa vedere come l'incontro sia possibile solo se ci lasciamo andare alla contingenza della vita, alla sua imprevedibilità. Solo se assumiamo un assetto mentale disponibile alla sorpresa possiamo davvero aprire le porte all'altro, non più unicamente in quanto simile o dotato di qualità che ci attraggono. Anzi. In questo modo più che dallo splendore veniamo colpiti dal difetto, catturati dalla fragilità, presi dall'irregolarità, ovvero da tutto ciò che tipizza e rende insostituibili.

Attraversare i meccanismi inconsci che ci accecano ci fa recuperare vista, non dell'occhio ma della mente, la sola che permette un qualche orientamento nella vita.

 

Altri articoli sull'amore

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961