Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

L’argomento è molto complesso e si presta a svariati livelli di interpretazione. Qui ci interessa fornirne una chiave di lettura dal punto di vista psicoanalitico, per altro non la sola possibile. Vorremmo cioè circoscrivere la riflessione a quei casi in cui è in gioco a monte un rapporto fortemente ambivalente con la figura paterna.

Di solito, nell’infanzia delle donne che incappano sempre in relazioni fortemente passionali ma sentimentalmente frustranti, si trova un padre che è stato molto amato, è apparso cioè ai loro occhi di bambine come “il migliore”. Ad un certo punto però questa figura, per vari motivi, subisce un brusco e forte ridimensionamento. Il papà buono e idealizzato cade, delude. Avviene quella che in psicoanalisi chiamiamo “frustrazione edipica”. Ma quali sono questi motivi che determinano la messa in discussione della figura paterna? Generalmente si tratta di tutte quelle circostanze che possono andare a ledere l’immagine narcisistica di una persona, che la rendono vulnerabile, fragile, castrata. Dunque un fallimento lavorativo, una malattia, un tradimento, un risvolto caratteriale collerico o fuori misura sono tutte situazioni che mostrano un lato in ombra, mancante dell’Altro, e che fanno incontrare la sua assenza, il suo non esserci al cento per cento per chi ne attende l’amore. La bambina sperimenta in questo modo la sensazione di essere tagliata fuori da una parte di vita del padre, sente di non riconoscerlo più, di non avere valore per lui. Può accadere che associ la sensazione d’amore della prima infanzia a questa nuova percezione di non essere nulla agli occhi dell’Altro. L’amare si salda al non essere amati. Il dolce e l’amaro si uniscono in un cocktail indissolubile. Possono inoltre apparire tracce precoci di quei comportamenti da “crocerossina” che vediamo spesso nelle relazioni adulte. Per tentare di restaurare l’immagine ideale del padre, per essere viste da lui, si fa di tutto, ci si mette al suo servizio.

E’ chiaro dunque come nel momento successivo di ricerca di un oggetto d’amore al di fuori della famiglia, la scelta tenda a ricadere su uomini che condividono il tratto paterno della non piena arrivabilità, dell’indisponibilità, della freddezza, oppure al contrario della fragilità. Il paradosso è solo apparente perché spesso gli uomini estremamente compatti e freddi, custodiscono dentro loro stessi (come abbiamo già visto a proposito dell’uomo narcisista) dei lati di estrema fragilità, che fanno leva sulla speranza della donna di poterli redimere, salvare, guarire. I due estremi quindi, l’”uomo che non deve chiedere mai” e l’uomo castrato si trovano a coincidere, mostrando l’inquietante parentela fra opposti.

Alla luce di questa spiegazione acquistano senso i comportamenti masochistici di cui queste donne sono capaci. C’è un godimento nell’essere soggiogate dall’Altro, come se solo nell’esperienza del dolore e della frustrazione fosse possibile reperire l’eccitante sensazione dell’essere vivi, dell’amare. Una specie di traccia rovente del primo oggetto d’amore che non cessa di presentarsi nella vita affettiva adulta.

Come se ne esce? Alla domanda naturalmente non è possibile fornire una risposta valida per tutti, visto che esiste sempre il caso per caso e ogni storia è sempre a se stante rispetto alle altre, pur nelle somiglianze. Inoltre per noi sostenitori della psicoanalisi non esistono ricette standard che arrivano dall’Altro, ciascuno di noi è chiamato a trovare le sue risposte e soluzioni, in linea con il concetto che esiste una responsabilità soggettiva. Detto questo, possiamo esprimere una suggestione. Se il passato non passa, se il passato tende a ripresentarsi nel presente, appare senza senso cercare di esercitare un controllo su forze più grandi di noi. Così come è altrettanto scellerato abbandonarsi del tutto a comportamenti masochistici solo perché “è più forte di me”. La sfida di una psicoanalisi è rendere possibile il superamento di ciò che ci schiavizza a partire da una sua accettazione e non da un suo rifiuto. Il che vuol dire che qualcosa del passato continuerà sempre a tornare, magari però sotto una forma meno virulenta e più vitale. Non più la mera ripetizione, non più l’identico, la copia. La mira è uno spostamento dalla posizione passiva della ripetizione. Sarà dunque inevitabile per certe donne essere attratte da uomini che possiedono specifiche caratteristiche, ma potranno reperirle all’interno di relazioni nel complesso non patologiche, accogliendole come resti, residui, frammenti preziosi del primo e indimenticabile oggetto d’amore.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.