Tradimento e fedeltà in amore

Le cause alla base di un tradimento non sono mai sempre le stesse in tutti i casi, così come le conseguenze che ingenera all'interno della relazione di coppia. Non solo, nessuno se ne può ritenere del tutto immune, si tratta di un evento che può colpire anche i rapporti più solidi, le unioni meglio riuscite.

Tale aleatorietà dipende direttamente dall'imprevedibilità a cui è esposta la vita dell'essere umano, in una certa misura sempre un po' in balia degli eventi e e degli incontri, del divenire, del mutamento di idee e propositi. 

Dunque dall'altro lato la fedeltà, quando è autentica e non forzata, non è un attributo stabile e tipico di un individuo, non intaccato dalle passioni e dai dubbi, non è una qualità di coloro che raggiungono uno stato di sovrumano distacco, di controllo sui loro desideri. In quel caso avrebbe infatti il sapore della rinuncia alla vita e della costrizione. Essa appare piuttosto frutto di una scelta, della volontà di tutelare la propria felicità, minacciata da un capriccio o dalle sirene del nuovo. Chi resta fedele è permeabile alle passioni come tutti, sceglie però di non farsene travolgere non tanto per paura, quanto per il desidero di proteggere il "noi" della coppia perché ci crede e ci si riconosce, nonostante crisi e difficoltà.

Il tradimento è sempre una rottura del "noi", del tacito patto fra amanti che ne fa una sola carne. In psicoanalisi si dice che all'essere umano è preclusa strutturalmente la possibilità di fare uno con l'altro, di fondersi con lui stabilmente. L'uomo è fondamentalmente solo e il legame con l'altro sempre esposto al rischio della lacerazione. Non solo, l'eccesso di vicinanza, la fusionalità, non sono un antidoto, possono portare al soffocamento e alla morte del legame stesso. Possono diventare delle catene da cui fuggire per recuperare un senso di vitalità. 

Allora come è possibile conciliare l'esigenza del "noi" tipica dell'amore autentico, con la necessità altrettanto forte di esplorare, conoscere, andare? Questo essere una sola cosa, una sola carne dell'amore non si può tradurre letteralmente in dipendenza reciproca ma può esistere senza abolire le esistenze individuali, senza schiacciare i desideri dei singoli. E se questi ultimi ad un certo punto comprendono l'attrazione irresistibile per qualcun altro (che sfocia in un tradimento) si tratta di capire cos'è successo. 

A volte l'amore è finito, altre non c'è mai stato. Allora tradire ha il sapore di una crescita, di un ritrovare se stessi, di un riallacciarsi al proprio desiderio. Un nuovo inizio, indipendentemente dal fatto che la nuova relazione duri o meno. In queste situazioni tradire è il segnale di una trasformazione profonda e di un risveglio alla vita.

Talvolta invece l'amore  è ancora vivo, ma la via più facile di fronte ad una crisi è quella del cedere al nuovo, soprattutto nel contesto contemporaneo, che cinicamente enfatizza la solitudine umana e l'infondatezza della sua esistenza. Sottostimando così la potenza del legame, la sua sacralità,  la sua difficile ma salvifica complessità attraverso la promozione di una logica edonistica in cui impera  l'individualismo più sfrenato e la ricerca del godimento personale finché ce n'è.

Un percorso terapeutico può aiutare in questi casi a distinguere i fuochi fatui dai veri incontri, a fare chiarezza nella confusione mentale spesso ingenerata dal tumulto delle passioni. 

 

Altri articoli sull'amore

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961