Amore incondizionato

Amore incondizionato significa letteralmente amore senza condizioni. È la forma più alta dell'amore, nella misura in cui rispetta la libertà dell'amato senza soffocarlo e senza scadere al rovescio in disinteresse. "Ti amo a condizione che tu faccia questo, che tu sia così come vorrei" è invece un'assunzione non verbalizzata ma implicita all'interno di moltissime relazioni, siano esse fra genitori e figli o di coppia. Si tratta di una modalità profondamente nevrotizzante, perché inchioda il partner a sforzarsi di essere ciò che non è, ad un "dover essere" che schiaccia la sua autenticità e le sue possibilità di realizzazione piena.

Solitamente chi non è capace di prendersi cura dell'altro senza al contempo manipolarlo sottilmente è stato a sua volta oggetto di un trattamento analogo nella propria infanzia. I genitori si aspettavano qualcosa da lui, avevano dei progetti, forse perché frustrati nelle proprie intime aspirazioni e desiderosi dunque di un riscatto. Ma quando qualcuno si trova a vivere il sogno di un altro le conseguenze sono nefaste. Dopo molti anni di ubbidienza può irrompere una violenta crisi esistenziale, che, se non capita nelle sue radici, può portare ad azioni impulsive e controproducenti che finiscono con il mettere in scacco ulteriormente una vita già segnata da rinunce e irresoluzione.

Chi pone condizioni nell'amare è quindi qualcuno che ha rinunciato a desiderare davvero, a essere libero, a rischiare. L'errore lo ha paralizzato, lo ha fatto indietreggiare. Il miraggio della perfezione ha schiacciato ogni slancio creativo, azzerando la possibilità di riprovarci di nuovo. Ecco che cercherà di colmare la sua mancanza non tanto attraverso passioni vere e interessi davvero propri quanto tramite un prendersi cura dell'altro in maniera totalizzante. Il suo aver dovuto aderire ad un modello lo trasferisce sull'altro, che deve così piegarsi ai suoi diktat.

Colui che invece sa amare in maniera del tutto spassionata ha ricevuto questo dono dall'Altro, è stato accolto nel rispetto della sacralità della sua particolarità. A volte però chi è stato "amato male" può invertire un destino già segnato se riesce non solo a ribellarsi alla tirannia a cui è stato esposto, ma a non arroccarsi nemmeno in una posizione di rifiuto perenne. Per realizzare qualcosa, un progetto, un'aspirazione è necessario dire sì all'Altro. Dire solo sì, essere compiacenti, come anche dire solo no, fare solo e sempre il bastian contrario, sono due modi per mancare la possibilità della soddisfazione.

La psicoanalisi aiuta chi lo desidera ad intraprendere un cammino verso la separazione dalle aspettative dell'altro, nell'ottica del recupero di un rapporto più armonico con il proprio desiderio. All'interno della relazione terapeutica si sperimenta l'assoluta assenza di domanda da parte dell'interlocutore, intento a dirigere la cura ma non certo la vita del proprio paziente. Uno psicoanalista è sempre dalla parte del desiderio, dunque dalla parte di quella particolarità imperfetta che l'analizzante non riesce a vedere proprio come il un punto di partenza del cambiamento che lo attende.

Assumere invece la propria insufficienza, smettere di negarla attraverso la rinuncia o al contrario un'esaltazione compensatoria di sè è l'unica via per ripartire e per ristabilire un rapporto più equilibrato con le attese dell'altro. Se l'ubbidienza e la ribellione mostrano tutta la loro insufficienza nell'aggirare il sentimento di deludere, l'accettazione del proprio tratto originale, vulnerabile e la sua trasformazione in qualcosa di creativo, che mette in movimento, può sganciare da tale corpo a corpo mortifero.

Allora, a partire da una rinnovata alleanza con la propria insufficienza, sarà possibile amare incondizionatamente, prendersi cura del partner o di un figlio tollerando le sue fragilità, le sue manie, le sue deviazioni, tutto ciò che lo rende unico, vivo e libero. La relazione non sarà più una prigione ma un dono prezioso, mai però garantito. Perché amare senza gabbie espone sempre al rischio di perdere, di venire delusi, di soffrire...

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.