Amore incondizionato

Solitamente chi non è capace di prendersi cura dell'altro senza al contempo manipolarlo sottilmente è stato a sua volta oggetto di un trattamento analogo nella propria infanzia. I genitori si aspettavano qualcosa da lui, avevano dei progetti, forse perché frustrati nelle proprie intime aspirazioni e desiderosi dunque di un riscatto. Ma quando qualcuno si trova a vivere il sogno di un altro le conseguenze sono nefaste. Dopo molti anni di ubbidienza può irrompere una violenta crisi esistenziale, che, se non capita nelle sue radici, può portare ad azioni impulsive e controproducenti che finiscono con il mettere in scacco ulteriormente una vita già segnata da rinunce e irresoluzione.

Chi pone condizioni nell'amare è quindi qualcuno che ha rinunciato a desiderare davvero, a essere libero, a rischiare. L'errore lo ha paralizzato, lo ha fatto indietreggiare. Il miraggio della perfezione ha schiacciato ogni slancio creativo, azzerando la possibilità di riprovarci di nuovo. Ecco che cercherà di colmare la sua mancanza non tanto attraverso passioni vere e interessi davvero propri quanto tramite un prendersi cura dell'altro in maniera totalizzante. Il suo aver dovuto aderire ad un modello lo trasferisce sull'altro, che deve così piegarsi ai suoi diktat.

Colui che invece sa amare in maniera del tutto spassionata ha ricevuto questo dono dall'Altro, è stato accolto nel rispetto della sacralità della sua particolarità. A volte però chi è stato "amato male" può invertire un destino già segnato se riesce non solo a ribellarsi alla tirannia a cui è stato esposto, ma a non arroccarsi nemmeno in una posizione di rifiuto perenne. Per realizzare qualcosa, un progetto, un'aspirazione è necessario dire sì all'Altro. Dire solo sì, essere compiacenti, come anche dire solo no, fare solo e sempre il bastian contrario, sono due modi per mancare la possibilità della soddisfazione.

La psicoanalisi aiuta chi lo desidera ad intraprendere un cammino verso la separazione dalle aspettative dell'altro, nell'ottica del recupero di un rapporto più armonico con il proprio desiderio. All'interno della relazione terapeutica si sperimenta l'assoluta assenza di domanda da parte dell'interlocutore, intento a dirigere la cura ma non certo la vita del proprio paziente. Uno psicoanalista è sempre dalla parte del desiderio, dunque dalla parte di quella particolarità imperfetta che l'analizzante non riesce a vedere proprio come il un punto di partenza del cambiamento che lo attende.

Assumere invece la propria insufficienza, smettere di negarla attraverso la rinuncia o al contrario un'esaltazione compensatoria di sè è l'unica via per ripartire e per ristabilire un rapporto più equilibrato con le attese dell'altro. Se l'ubbidienza e la ribellione mostrano tutta la loro insufficienza nell'aggirare il sentimento di deludere, l'accettazione del proprio tratto originale, vulnerabile e la sua trasformazione in qualcosa di creativo, che mette in movimento, può sganciare da tale corpo a corpo mortifero.

Allora, a partire da una rinnovata alleanza con la propria insufficienza, sarà possibile amare incondizionatamente, prendersi cura del partner o di un figlio tollerando le sue fragilità, le sue manie, le sue deviazioni, tutto ciò che lo rende unico, vivo e libero. La relazione non sarà più una prigione ma un dono prezioso, mai però garantito. Perché amare senza gabbie espone sempre al rischio di perdere, di venire delusi, di soffrire...

Altri articoli sull'amore

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Amore e aspettative

L’armonia duratura fra due persone che si vogliono bene e si stimano, il sentimento amoroso senza ombre, la propensione ad accogliere positivamente il prossimo anche nelle sue complessità sono minacciate da un unico fattore, ovvero l’aspettativa. 

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961