Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Sia l'ossessivo che l'isterica, corrispondenti per lo più alle posizioni maschile e femminile (anche se mai in maniera perfettamente sovrapponibile), entrano nel campo del desiderio attraverso il medium del desiderio dell'Altro. L'essere umano fin da bambino è un essere desiderante e l'Edipo fornisce una strutturazione simbolica e una regolazione ai suoi desideri, tendenzialmente sfrenati ed anarchici. Durante la fase edipica il piccolo coglie che esiste nell'Altro un desiderio che è al di là di lui. La madre desidera qualcosa che lui non è, tendenzialmente il padre. Dunque non essendo lui il centro del desidero materno, può svincolarsi dalla scomoda anche se ambita posizione di essere chiamato a colmarla. Tale castrazione dei suoi impulsi incestuosi gli permetterà da adulto di rapportarsi sessualmente ad altri oggetti.

Nella nevrosi l'Edipo si compie, il desiderio dell'Altro viene colto, le pulsioni temperate. Residuano tuttavia nell'adulto delle fissazioni edipiche che testimoniano di una difficoltà di accettazione della castrazione simbolica che ha luogo in questa fase. La castrazione nell'inconscio permane immaginariamente come fenomeno punitivo. Tale irresoluzione rende conto di una serie di perturbazioni in rapporto al desiderio nella vita adulta, nella nevrosi ossessiva più sul piano di una sua continua mortificazione, nell'isteria attraverso l'insoddisfazione perenne.

Se nell'ossessivo il desiderio dell'Altro è "tout court" il posto del desiderio (perché è il desiderio connesso al padre, il desiderio del rivale che suscita aggressività e volontà di annientamento), nell'isterica esso è la via d'accesso al desiderio. Ciò spiega bene il perché della sua fissazione allo stato desiderante in quanto tale, alla condizione di desiderare al di là di tutto ciò che sta intorno e che può appagare. Il desiderio in lei si stacca radicalmente dalla domanda, ovvero dalla possibilità di soddisfarsi tramite un oggetto.

L'ossessivo sa cosa desidera, qual è il suo oggetto d'elezione, sa a cosa deve rinunciare, cosa deve perdere per non violare la legge di cui teme la ritorsione. Mentre l'isterica non sa cosa vuole, non desidera un oggetto bensì desidera il desiderio, desidera desiderare. Solo desiderando si sente viva. I suoi desideri non vanno presi alla lettera e non vanno soddisfatti, pena un loro essere accantonati in favore di nuovi. Non è l'oggetto che le interessa veramente, esso è solo un tramite per poter desiderare...

Ora al pari della nevrosi ossessiva anche l'isteria, pur con altre modalità, impedisce di godere pienamente di una realizzazione, condanna ad una sterile superficialità. Se è vero che l'isterica al contrario dell'ossessivo si nutre di desiderio, lo abita, ne è attraversata, nello stesso tempo non ne sperimenta la fertilità. Il tempo della raccolta dei frutti, il tempo della pienezza non arriva mai, essendo sempre alla ricerca di altro. La sua vita è dispersiva, gli entusiasmi si accendono e si spengono velocemente, non sfociando mai in nulla di duraturo perché sempre pronta a buttarsi nel nuovo.

Inoltre l'estrema sensibilità al desiderio dell'Altro, oltre a produrre una pericolosa dipendenza dal fatto stesso di desiderare, ha come altra insidiosa ricaduta l'identificazione all'altro. L'isterica non sa cosa vuole, allora prende a prestito il desiderio dal simile, finisce con il desiderare ciò che desidera lui. Se tale porosità verso il suo prossimo la rende molto abile ad immedesimarsi e a capirne intuitivamente ciò che sente, nello stesso tempo la espone al rischio di smarrirsi, di perdere i confini tra sè e l'altro, in una confusività che allontana da se stessa e dall'individuazione del proprio tratto soggettivo. La gelosia e il confronto continuo con l'esterno la tengono in scacco, impedendole quel distacco necessario per sviluppare una visione più ampia e profonda delle cose.

Nevrosi ossessiva e isteria, in quanto modalità di rapporto al desiderio che affondano radici in un passato antichissimo, non sono posizioni radicalmente modificabili. Non si può uscire dalla struttura. Attraverso l'analisi o altre esperienze esistenziali (non esiste naturalmente solo l'analisi come esperienza conoscitiva e di crescita) possono però mitigarsi molto, soprattutto per ciò che concerne la virulenza della loro sintomaticità. Possono restare dei tratti, delle colorazioni. Ma un'analisi punta al fondo a riconciliare desiderio e godimento, impasto mancato, sebbene in modalità diverse, in entrambe le nevrosi. L'ossessivo potrà conoscere una nuova alleanza fra legge e desiderio, facendo a meno di contrapporli sistematicamente nel gioco del "o l'uno o l'altro". L'isterica sperimenterà un arresto nello scivolamento perenne del desiderio, riuscendo finalmente a vedere il nuovo nello stesso. Ciò non esclude, anzi, la possibilità per entrambi di nuovi incontri, ma getta le basi affinché avvengano secondo modalità fuori serie.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Lutto e depressione: somiglianze e differenze

 

Uno stato luttuoso successivo ad una perdita, sia essa di una persona, di un lavoro o di una condizione esistenziale, spesso ad un occhio non esperto non appare distinguibile dalla depressione. In comune vi sono infatti alcune manifestazioni tipiche: un profondo e doloroso scoramento, una perdita di interesse per il mondo esterno e per la maggior parte delle attività quotidiane e un affievolimento della capacità di amare.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.