Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Anche la scienza giustifica l'ineluttabilità del declino dell'intensità del sentimento amoroso, descrivendo i nostri meccanismi mentali individuali in termini biochimici ed evoluzionistici.

Tale visione cinica e disincantata viene spesso riportata in terapia come un'evidenza inconfutabile, che fa da paravento rispetto ai veri moventi che spingono la persona verso scelte all'insegna del disimpegno. "È così perché è così che funziona la natura umana" ci viene detto, non senza una nota di rassegnato pessimismo mista allo stupore di sentirsi rivolgere delle domande di chiarimento. In alcuni la nostra perplessità introduce però un dubbio: "forse c'entro qualcosa anch'io?", aprendo così un'interrogazione rispetto al proprio coinvolgimento personale.

La psicoanalisi, contrariamente al pensiero dominante, ritiene infatti che nessuna legge inscritta nel dna, nessuna chimica possano determinare e giustificare le nostre condotte, sempre connesse invece a ragioni che variano da individuo ad individuo e che affondano nel tessuto inconscio della psiche. Il fatto che certi fenomeni siano dilaganti non dice nulla del singolo, o meglio, non dice nulla rispetto ai motivi profondi che lo spingono ad abbracciare condotte o idee conformistiche, alla moda e uniformanti.

La contemporanea sottovalutazione del legame, il suo infiacchimento, la sua perdita di forza sono sotto gli occhi di tutti. L'utilitarismo regna sovrano, le persone si compiacciono di loro stesse allo specchio, cercando partner diremmo "speculari", che rinforzino il loro narcisismo al pari di immagini lisce e senza sbavature allo specchio. Il tempo impolvera tali superfici, i difetti dell'altro incrinano lo splendore dell'immagine, per cui bisogna cambiare, cercare altro, nuove fonti di rassicurazione e di elevazione. Lo scambio autentico e profondo perde di significato, appartenendo al regno dell'invisibile. Solo ciò che appare conta! E tuttavia l'immagine è così fragile, così precaria, così esposta a sfiorire...

Senza dubbio il fenomeno è su larga scala. Bisogna come clinici sempre interrogarci sul perché un soggetto si sia perso così nell'immaginario. Non basta dire che si tratta di un narciso, le classificazioni non sono sufficienti per un analista. Allora ecco che rivela tutto il suo valore l'andare a cercare nella storia individuale i mille perché di ciascuno, mai uguali, identici a quelli di un altro, nonostante la serialità delle condotte e degli atteggiamenti.

La relazione terapeutica, mettendo in gioco il transfert, riallaccia chi si è perso nel gioco di specchi in un legame possibile. In cui l'interlocutore è finalmente qualcuno che si sottrae dal fungere da immagine rassicurante. L'analista tendenzialmente tace e nasconde la sua persona proprio per impersonare quell'elemento dell'altro mai riassorbibile nello stesso, sempre altro, sempre spigoloso, sempre diverso.
L'analisi si pone come esperienza che, rompendo la specularità, riducendo gli aspetti immaginari della relazione, la rende paradossalmente pensabile e sostenibile, al di là della dinamica del rinforzo reciproco. Essere in un legame è tutt'altro che accordo permanente e armonia! Bisogna fare i conti con il turbamento ma anche con la ricchezza delle differenze. Con i silenzi, le incomprensioni, le vedute divergenti, i limiti...

Ecco che l'amore, grazie all'analisi, può smarcarsi dalla logica "usa e getta" per costituirsi come incontro con la differenza dell'altro. Allora forse un incontro potrà essere finalmente fuori serie, andando però a turbare le certezze  più che a rinforzarle... L'amore è il contrario dell'utile, spesso cozza anche contro il benessere e l'agio, non avendo nulla a che fare con la proprietà.

La riduzione del narcisismo individuale data dall'analisi spoglia certo, impoverisce, avvicina al nucleo di povera cosa che ciascuno di noi è. Spalancando così la visione personale su altre ricchezze, invisibili agli occhi.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Depressione lucida o inconsapevole?

L’affetto depressivo tendenzialmente mal si concilia con l’esercizio della parola, inteso quest’ultimo come possibilità di espressione ed elaborazione di questioni relative a verità soggettive. La depressione blocca la parola sia nella sua dimensione di ponte nei confronti dell’Altro, sia nella sua potenzialità dinamica di scoperta del nuovo.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.