Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Anche la scienza giustifica l'ineluttabilità del declino dell'intensità del sentimento amoroso, descrivendo i nostri meccanismi mentali individuali in termini biochimici ed evoluzionistici.

Tale visione cinica e disincantata viene spesso riportata in terapia come un'evidenza inconfutabile, che fa da paravento rispetto ai veri moventi che spingono la persona verso scelte all'insegna del disimpegno. "È così perché è così che funziona la natura umana" ci viene detto, non senza una nota di rassegnato pessimismo mista allo stupore di sentirsi rivolgere delle domande di chiarimento. In alcuni la nostra perplessità introduce però un dubbio: "forse c'entro qualcosa anch'io?", aprendo così un'interrogazione rispetto al proprio coinvolgimento personale.

La psicoanalisi, contrariamente al pensiero dominante, ritiene infatti che nessuna legge inscritta nel dna, nessuna chimica possano determinare e giustificare le nostre condotte, sempre connesse invece a ragioni che variano da individuo ad individuo e che affondano nel tessuto inconscio della psiche. Il fatto che certi fenomeni siano dilaganti non dice nulla del singolo, o meglio, non dice nulla rispetto ai motivi profondi che lo spingono ad abbracciare condotte o idee conformistiche, alla moda e uniformanti.

La contemporanea sottovalutazione del legame, il suo infiacchimento, la sua perdita di forza sono sotto gli occhi di tutti. L'utilitarismo regna sovrano, le persone si compiacciono di loro stesse allo specchio, cercando partner diremmo "speculari", che rinforzino il loro narcisismo al pari di immagini lisce e senza sbavature allo specchio. Il tempo impolvera tali superfici, i difetti dell'altro incrinano lo splendore dell'immagine, per cui bisogna cambiare, cercare altro, nuove fonti di rassicurazione e di elevazione. Lo scambio autentico e profondo perde di significato, appartenendo al regno dell'invisibile. Solo ciò che appare conta! E tuttavia l'immagine è così fragile, così precaria, così esposta a sfiorire...

Senza dubbio il fenomeno è su larga scala. Bisogna come clinici sempre interrogarci sul perché un soggetto si sia perso così nell'immaginario. Non basta dire che si tratta di un narciso, le classificazioni non sono sufficienti per un analista. Allora ecco che rivela tutto il suo valore l'andare a cercare nella storia individuale i mille perché di ciascuno, mai uguali, identici a quelli di un altro, nonostante la serialità delle condotte e degli atteggiamenti.

La relazione terapeutica, mettendo in gioco il transfert, riallaccia chi si è perso nel gioco di specchi in un legame possibile. In cui l'interlocutore è finalmente qualcuno che si sottrae dal fungere da immagine rassicurante. L'analista tendenzialmente tace e nasconde la sua persona proprio per impersonare quell'elemento dell'altro mai riassorbibile nello stesso, sempre altro, sempre spigoloso, sempre diverso.
L'analisi si pone come esperienza che, rompendo la specularità, riducendo gli aspetti immaginari della relazione, la rende paradossalmente pensabile e sostenibile, al di là della dinamica del rinforzo reciproco. Essere in un legame è tutt'altro che accordo permanente e armonia! Bisogna fare i conti con il turbamento ma anche con la ricchezza delle differenze. Con i silenzi, le incomprensioni, le vedute divergenti, i limiti...

Ecco che l'amore, grazie all'analisi, può smarcarsi dalla logica "usa e getta" per costituirsi come incontro con la differenza dell'altro. Allora forse un incontro potrà essere finalmente fuori serie, andando però a turbare le certezze  più che a rinforzarle... L'amore è il contrario dell'utile, spesso cozza anche contro il benessere e l'agio, non avendo nulla a che fare con la proprietà.

La riduzione del narcisismo individuale data dall'analisi spoglia certo, impoverisce, avvicina al nucleo di povera cosa che ciascuno di noi è. Spalancando così la visione personale su altre ricchezze, invisibili agli occhi.

Altri articoli sull'amore

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961