Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Anche la scienza giustifica l'ineluttabilità del declino dell'intensità del sentimento amoroso, descrivendo i nostri meccanismi mentali individuali in termini biochimici ed evoluzionistici.

Tale visione cinica e disincantata viene spesso riportata in terapia come un'evidenza inconfutabile, che fa da paravento rispetto ai veri moventi che spingono la persona verso scelte all'insegna del disimpegno. "È così perché è così che funziona la natura umana" ci viene detto, non senza una nota di rassegnato pessimismo mista allo stupore di sentirsi rivolgere delle domande di chiarimento. In alcuni la nostra perplessità introduce però un dubbio: "forse c'entro qualcosa anch'io?", aprendo così un'interrogazione rispetto al proprio coinvolgimento personale.

La psicoanalisi, contrariamente al pensiero dominante, ritiene infatti che nessuna legge inscritta nel dna, nessuna chimica possano determinare e giustificare le nostre condotte, sempre connesse invece a ragioni che variano da individuo ad individuo e che affondano nel tessuto inconscio della psiche. Il fatto che certi fenomeni siano dilaganti non dice nulla del singolo, o meglio, non dice nulla rispetto ai motivi profondi che lo spingono ad abbracciare condotte o idee conformistiche, alla moda e uniformanti.

La contemporanea sottovalutazione del legame, il suo infiacchimento, la sua perdita di forza sono sotto gli occhi di tutti. L'utilitarismo regna sovrano, le persone si compiacciono di loro stesse allo specchio, cercando partner diremmo "speculari", che rinforzino il loro narcisismo al pari di immagini lisce e senza sbavature allo specchio. Il tempo impolvera tali superfici, i difetti dell'altro incrinano lo splendore dell'immagine, per cui bisogna cambiare, cercare altro, nuove fonti di rassicurazione e di elevazione. Lo scambio autentico e profondo perde di significato, appartenendo al regno dell'invisibile. Solo ciò che appare conta! E tuttavia l'immagine è così fragile, così precaria, così esposta a sfiorire...

Senza dubbio il fenomeno è su larga scala. Bisogna come clinici sempre interrogarci sul perché un soggetto si sia perso così nell'immaginario. Non basta dire che si tratta di un narciso, le classificazioni non sono sufficienti per un analista. Allora ecco che rivela tutto il suo valore l'andare a cercare nella storia individuale i mille perché di ciascuno, mai uguali, identici a quelli di un altro, nonostante la serialità delle condotte e degli atteggiamenti.

La relazione terapeutica, mettendo in gioco il transfert, riallaccia chi si è perso nel gioco di specchi in un legame possibile. In cui l'interlocutore è finalmente qualcuno che si sottrae dal fungere da immagine rassicurante. L'analista tendenzialmente tace e nasconde la sua persona proprio per impersonare quell'elemento dell'altro mai riassorbibile nello stesso, sempre altro, sempre spigoloso, sempre diverso.
L'analisi si pone come esperienza che, rompendo la specularità, riducendo gli aspetti immaginari della relazione, la rende paradossalmente pensabile e sostenibile, al di là della dinamica del rinforzo reciproco. Essere in un legame è tutt'altro che accordo permanente e armonia! Bisogna fare i conti con il turbamento ma anche con la ricchezza delle differenze. Con i silenzi, le incomprensioni, le vedute divergenti, i limiti...

Ecco che l'amore, grazie all'analisi, può smarcarsi dalla logica "usa e getta" per costituirsi come incontro con la differenza dell'altro. Allora forse un incontro potrà essere finalmente fuori serie, andando però a turbare le certezze  più che a rinforzarle... L'amore è il contrario dell'utile, spesso cozza anche contro il benessere e l'agio, non avendo nulla a che fare con la proprietà.

La riduzione del narcisismo individuale data dall'analisi spoglia certo, impoverisce, avvicina al nucleo di povera cosa che ciascuno di noi è. Spalancando così la visione personale su altre ricchezze, invisibili agli occhi.

Altri articoli sull'amore

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961