L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Che cosa impedisce il passaggio dall'innamoramento all'amore?

Intanto questi due stati vengono erroneamente confusi l'uno con l'altro. La cattura da parte dell'immagine dell'altro, l'elettricità sprigionata dalla vicinanza dei corpi, la sintonia su un piano comunicativo divergono dall'amore nella misura in cui quest'ultimo si rivolge all'essere dell'altro, a di là dei suoi mascheramenti immaginari.

Se la passione comporta sempre un accecamento, non si vede mai l'altro per quello che è ma per ciò che vorremmo fosse, per ciò che la sua immagine attiva nella nostra fantasia, l'amore invece implica una visione lucida, a tutto tondo e nello stesso tempo ammirata nei confronti del suo oggetto.

Chi sa amare dunque sa abbandonare senza rimpianti la percezione esaltata degli inizi in cui predomina l'ideale rispetto al reale. La disillusione per lui non porta con sè una caduta dell'interesse per il partner ma lo accresce, proprio perché il suo fine è conoscerlo davvero, coglierlo in tutte le sfaccettature del suo essere, anche quelle meno brillanti.

Nell'amore c'è quindi un' apertura sconfinata verso la diversità dell'altro, un'inesauribile curiosità e disposizione alla scoperta e alla sorpresa. Mentre nella fascinazione in primo piano ci sono le fantasie e le proiezioni della persona stessa che prova attrazione. Da una parte abbiamo una divisione autentica che sfocia in un movimento altruistico verso l'altro, dall'altra una compattezza dell'Ego alla ricerca di rinforzi narcisistici, senza una vera mancanza di fondo.

Le donne hanno più dimestichezza con il discorso amoroso rispetto agli uomini, sono tendenzialmente più votate all'essere e alla cura del particolare. Per l'uomo le difficoltà sono maggiori, in quanto orientati per lo più verso l'avere, il potere e l'affermazione di sè. Tutti aspetti che fanno risaltare il narcisismo individuale rispetto alla possibilità di perdere qualcosa per far felice l'altro.

Gli uomini pazienti, generosi, attenti, curiosi mostrano allora un innegabile tratto femminile. Che non significa affatto che siano meno maschi degli altri. Si tratta di uomini che sono riusciti nel loro percorso esistenziale a integrare la loro parte femminile, a svilupparla senza sentirla come un'interferenza rispetto al loro campo d'azione o una debolezza da occultare.

Ad alcuni di loro è stata data questa possibilità a partire dall'amore delle proprie madri, non esclusivo e non soffocante. Amare in queste congiunture felici non è più associato al rischio di essere mangiati, castrati o diminuiti nelle proprie potenzialità espressive. Ma è vissuto al contrario come un potenziamento della propria libertà, la libertà di scegliere sempre la stessa donna senza fughe o ripensamenti repentini.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.