L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Che cosa impedisce il passaggio dall'innamoramento all'amore?

Intanto questi due stati vengono erroneamente confusi l'uno con l'altro. La cattura da parte dell'immagine dell'altro, l'elettricità sprigionata dalla vicinanza dei corpi, la sintonia su un piano comunicativo divergono dall'amore nella misura in cui quest'ultimo si rivolge all'essere dell'altro, a di là dei suoi mascheramenti immaginari.

Se la passione comporta sempre un accecamento, non si vede mai l'altro per quello che è ma per ciò che vorremmo fosse, per ciò che la sua immagine attiva nella nostra fantasia, l'amore invece implica una visione lucida, a tutto tondo e nello stesso tempo ammirata nei confronti del suo oggetto.

Chi sa amare dunque sa abbandonare senza rimpianti la percezione esaltata degli inizi in cui predomina l'ideale rispetto al reale. La disillusione per lui non porta con sè una caduta dell'interesse per il partner ma lo accresce, proprio perché il suo fine è conoscerlo davvero, coglierlo in tutte le sfaccettature del suo essere, anche quelle meno brillanti.

Nell'amore c'è quindi un' apertura sconfinata verso la diversità dell'altro, un'inesauribile curiosità e disposizione alla scoperta e alla sorpresa. Mentre nella fascinazione in primo piano ci sono le fantasie e le proiezioni della persona stessa che prova attrazione. Da una parte abbiamo una divisione autentica che sfocia in un movimento altruistico verso l'altro, dall'altra una compattezza dell'Ego alla ricerca di rinforzi narcisistici, senza una vera mancanza di fondo.

Le donne hanno più dimestichezza con il discorso amoroso rispetto agli uomini, sono tendenzialmente più votate all'essere e alla cura del particolare. Per l'uomo le difficoltà sono maggiori, in quanto orientati per lo più verso l'avere, il potere e l'affermazione di sè. Tutti aspetti che fanno risaltare il narcisismo individuale rispetto alla possibilità di perdere qualcosa per far felice l'altro.

Gli uomini pazienti, generosi, attenti, curiosi mostrano allora un innegabile tratto femminile. Che non significa affatto che siano meno maschi degli altri. Si tratta di uomini che sono riusciti nel loro percorso esistenziale a integrare la loro parte femminile, a svilupparla senza sentirla come un'interferenza rispetto al loro campo d'azione o una debolezza da occultare.

Ad alcuni di loro è stata data questa possibilità a partire dall'amore delle proprie madri, non esclusivo e non soffocante. Amare in queste congiunture felici non è più associato al rischio di essere mangiati, castrati o diminuiti nelle proprie potenzialità espressive. Ma è vissuto al contrario come un potenziamento della propria libertà, la libertà di scegliere sempre la stessa donna senza fughe o ripensamenti repentini.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.