Amare l'uomo sbagliato

Tipicamente questi uomini ricalcano a pennello la figura paterna, tanto amata ma anche tanto sofferta per via della sua intermittente indisponibilità emotiva. Ma possiamo osservare situazioni ancora più complesse, in cui oltre all'amore frustrato per il padre compare un'identificazione inconscia alla madre vittima/crocerossina, da una parte criticata ma dall'altra presa anche a modello.

Senza una testimonianza di cos'è un amore solido e generoso da parte di un uomo verso una donna è facile che il distacco, le umiliazioni, la svalutazione, le incoerenze, i ricatti emotivi, le manipolazioni vengano considerati parti integranti del sentimento dell'amore. Che prevede così una sottomissione della donna, una sua inevitabile sofferenza, un suo struggersi fino alla consunzione.

L'amore incondizionato, inteso nell'accezione dell'amore per la mancanza dell'altro, per il difetto dell'altro, per la sua particolarità imperfetta viene visto solo nella madre, mai nel padre, mai nell'uomo. Tuttavia tale amore incondizionato femminile finisce per sconfinare nell'amore sacrificale. Non più dunque sana accettazione dei limiti di chi a sua volta mostra la stessa tolleranza, ma disposizione a subire a senso unico qualcuno che non si mette mai in discussione e che non mostra nessuna simpatia per la minima debolezza o défaillance altrui.

Con questo schema masochistico profondamente ancorato nella psiche molte giovani debuttano sulla scena amorosa, incappando molto presto in cocenti delusioni. Una volta adulte, senza un'adeguata elaborazione dei fatti, rischiano di ripetere lo stesso copione, vivendo nuovamente lo stesso strazio sperimentato in gioventù. Frequentemente a più riprese nel corso dell'esistenza.

Una psicoterapia può ad ogni età, dai venti come ai sessant'anni, aiutare a vedere nitidamente dentro a dinamiche invisibili ma potentissime, che rischiano di condizionare tutta la logica di una vita.

Un volta colta, analizzata e capita l'origine della propria fragilità verso un certo tipo d'uomo si può provare ad invertire quello che sembra un destino segnato. Rimarranno dei tratti maschili che forse affascineranno sempre, ma nella conoscenza dell'uomo prevarrà la capacità di scollarsi almeno un po' i propri occhiali distorcenti per aprire lo sguardo al reale dell'altro e della relazione.

Senza schermi idealizzanti sarà possibile concentrarsi su quello che c'è e che davvero si sente nel profondo. Si viene ascoltate? C'è curiosità autentica in lui? Non ci critica? Non fa il papà ma si pone sullo stesso piano? Forse vale la pena di approfondire...

Altri articoli sull'amore

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

Amore e aspettative

L’armonia duratura fra due persone che si vogliono bene e si stimano, il sentimento amoroso senza ombre, la propensione ad accogliere positivamente il prossimo anche nelle sue complessità sono minacciate da un unico fattore, ovvero l’aspettativa. 

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961