Quando in amore "no" nasconde "sì"

Dire "no" aveva dunque, prima della rivoluzione sessuale degli anni settanta, il valore di test, era finalizzato cioè a mettere alla prova la serietà delle intenzioni del corteggiatore. Se insisteva nonostante i rifiuti, se perseverava nella corte pur non ottenendo nulla sul piano della sessualità, allora significava un suo essere preso nel discorso amoroso e ciò apriva le porte ad una certa disponibilità.

Se oggi questo schema (a parte rari casi) è del tutto superato, se assistiamo ad un vero e proprio sovvertimento dei ruoli, ad una dirompente intraprendenza femminile correlativa ad una altrettanto crescente passività maschile, non possiamo però decretare come morta la dinamica sottostante al "no" che vuole dire "si". Permane cioè nel femminile, nonostante il superamento di tabù ed inibizioni, la spinta ad utilizzare il rifiuto come forma di messa alla prova del desiderio dell'altro. Con la grande differenza che nella contemporaneità  il negarsi avviene dopo l'incontro sessuale anziché prima di esso. In una riproposizione ritardata, post facto, dell'antica questione: mi vuoi solo come un oggetto o mi ami?

Molte donne nella fascia d'età tra i trenta e i quarant'anni si gettano a capofitto in relazioni sulle prime all'insegna del disimpegno e della passionalità. Ad un certo punto però non ce la fanno più a sostenerne la leggerezza ed iniziano ad introdurre dei limiti, nei primi tempi assenti. Alcune indietreggiano gradatamente mentre altre più drasticamente spariscono, tagliano i ponti, cancellano i numeri di telefono, si rendono inavvicinabili, nella speranza di ottenere un segno di interesse, una risposta, qualcosa. Spesso la constatazione è amara: un lungo silenzio precede sì un approccio, che però si rivela ben presto squisitamente finalizzato al sesso.

In queste congiunture solo in poche riescono a rimanere salde nel proposito del rifiuto, scambiando ogni volta un gesto di riavvicinamento per qualcosa di più importante ed inabissandosi così  sempre più a fondo in un circolo vizioso di allontanamenti e riprese dal carattere ossessionante. La domanda d'amore assume una tinta folle, diventa perentoria. Quell'uomo lì, che le ha fatte sentire così vive, le DEVE amare!

Se da una parte la liberazione sessuale parifica nei fatti la donna all'uomo, consentendole l'accesso alla sessualità senza amore, essa non vi riesce nella sostanza. La posizione femminile è eccentrica e irriducibile a quella maschile, restando orientata ad ottenere dall'uomo un segno di riconoscimento dell'unicità del proprio essere. Mentre l'uomo, pur femminilizzato, se non è preso dall'amore può tranquillamente contentarsi della serialitá degli oggetti e dei loro dettagli fisici.

Per la donna fare l'uomo ha dei costi indubbi. Una relazione dove lo scambio sessuale è ricco e coinvolgente difficilmente non sconfina nel territorio dell'amore. E la delusione conseguente risulta molto più difficile da superare rispetto a quella a cui andava incontro la donna che scopriva la superficialità delle intenzioni del suo cavaliere. La difesa della propria virtù, oltre a testare l'altro, aveva una vera e propria funzione protettiva nei confronti delle bruciature inferte dal coinvolgimento fisico non agganciato all'amore.

In terapia capita di ascoltare molte donne perse, smarrite. Donne indipendenti, brillanti che, avvicinatesi al godimento senza amore quasi per gioco, ne vengono infine scottate, devastate, fatte a pezzi. Il lavoro terapeutico sarà indirizzato a far riscoprire loro le caratteristiche ed il valore della natura femminile, parallelamente alle motivazioni inconsce che, colludendo col discorso sociale dominante, le hanno portate ad indossare panni non propri.

Altri articoli sull'amore

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Amore e aspettative

L’armonia duratura fra due persone che si vogliono bene e si stimano, il sentimento amoroso senza ombre, la propensione ad accogliere positivamente il prossimo anche nelle sue complessità sono minacciate da un unico fattore, ovvero l’aspettativa. 

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961