Domanda d’amore e desiderio: un intreccio difficile

Amore (inteso come voler bene incondizionatamente) e desiderio, come è noto, non sempre vanno a braccetto. Si può amare qualcuno senza desiderarlo così come lo si può desiderare senza amarlo.

Entrambe le situazioni producono insoddisfazione e sofferenza, nella misura in cui oscuramente sentiamo che la pienezza stia nell’intreccio di amore e desiderio. La loro convergenza dà luogo ad un amore diverso, che non si esaurisce nell’affetto altruistico o nella pura brama sessuale. Pur includendoli, essa apre alla dimensione dell’estasi e del mistero.

Perché tale esperienza è così miracolosa e così rara, tanto che si può passare una vita intera senza viverla o nemmeno poterla immaginare?

Potremmo dire che ci sono in gioco almeno due fattori. Il primo è dato dalla casualità dell’incontro, dalla fortuna, dal destino, da qualcosa che (apparentemente) non dipende da noi.
Il secondo ha invece a che fare con la nostra disponibilità ad accogliere l’incontro, a renderlo possibile o impossibile.

Ed è a questo secondo livello che agiscono i meccanismi propriamente nevrotici indagati dalla psicoanalisi fin dalla sua nascita. La nevrosi come baluardo nei confronti della sessualità e più precisamente del desiderio inconscio.

Domanda d’amore e desiderio

Jacques Lacan ci spiega come domanda d’amore e desiderio frequentino due territori diversi. Se l’amore infatti tiene conto della soggettività della persona, riconoscendola, dandole valore e unicità, il desiderio in purezza invece riduce l’altro a livello di oggetto. Non solo, se nell’amore vale la reciprocità, ovvero la parola di approvazione dell’altro conta, il desiderio è “condizione assoluta”, ovvero non si preoccupa minimamente del volere dell’altro, è anarchico, non può essere suscitato nè spento a comando.

Il fatto dunque che il desiderio (non solo quello sessuale ma anche quello verso tutte le attività che implicano una quota di sublimazione) pur venendo originariamente reperito nel luogo dell’Altro tolga poi di mezzo l’Altro mette in difficoltà gli esseri umani.

Le nevrosi diciamo più “classiche” si articolano attorno a questo rifiuto verso la potenza oggettificante e spersonalizzante del desiderio inconscio, che si fa beffe del controllo e di tutti i buoni valori e sentimenti umani. Per questo nelle relazioni d’amore essa finisce per essere svilita, non riconosciuta, tagliata fuori. Venendo così ad essere escluse dalla vita dimensioni importanti, vive, pulsionali, in favore di toni più sfumati, tiepidi, rassicuranti e gestibili dall’Io (che implicano però l’avvento di una sintomaticità più o meno marcata).

L’impasse nei due sessi

Sul versante femminile la nevrosi anteporrà la domanda d’amore al desiderio, nel tentativo di schivare la minaccia di degradazione dell’essere femminile a puro oggetto di consumo da parte dell’uomo. Il desiderio viene in tal modo ammansito, addomesticato, desessualizzato, deviato, idealizzato, vissuto per procura, in ogni caso ricondotto su binari non propri, quelli della reciprocità, dei buoni sentimenti, dell’amore inteso come affettività, cura e riconoscimento.

Il desiderio, così azzittito, torna a disturbare gli idilli, assumendo le forme dell’insoddisfazione continua e perenne, dell’immaginazione utopica di un altrove irraggiungibile, di un’irrequietezza senza riposo. Una mancanza divorante appare sullo sfondo di rapporti apparentemente “perfetti”, che ad un certo punto può slatentizzarsi e portare ad atti che, se non elaborati nel loro senso più profondo, vengono ripetuti ciecamente senza che nulla cambi nella posizione difensiva tenuta in rapporto al desiderio.

Per quanto riguarda l’uomo il problema non sta tanto nell’oggettificazione dell’altro, cosa insita nella sua sessualità, ma nel fatto che la condizione assoluta del suo desiderio inevitabilmente lo confronta con il disubbidire all’Altro. L’uomo che sviluppa una nevrosi ossessiva ha bisogno dell’approvazione, del si dell’Altro al proprio desiderio. Quando questa non c’è, per i motivi più svariati, opta per la rinuncia a ciò che desidera davvero, pur di tenersi buono l’Altro, pur di vivere nella tranquillità.

Anche per lui però la pace sperata non si verifica. Sotto la pressione del desiderio soffocato, finisce per sviluppare un’aggressività incontrollabile proprio verso quell’Altro a cui ha ubbidito, nelle cui braccia rassicuranti si è rifugiato per vigliaccheria, per paura di rischiare. Tale aggressività, se elaborata, può portare a qualche cambiamento sostanziale, altrimenti come per la controparte femminile le sue ribellioni possono esaurirsi in ripetizioni all’interno dello stesso cerchio, che non si spezza mai in una ripetizione infinita (che costituisce proprio il cuore della sua nevrosi).

Nella nevrosi vediamo così agganciate in due movimenti difesa e crollo della difesa stessa, movimenti che tuttavia si susseguono dentro lo stesso recinto. Infatti il secondo atto, quello di ribellione, raramente si costituisce come squisitamente liberatorio ma resta sotto il giogo della logica che lo ha prodotto.

Spesso non bastano nemmeno lunghe psicoanalisi per disarticolare tali meccanismi, anche perché col cambiamento interferiscono pure molteplici tornaconti secondari a cui le persone non vogliono rinunciare. A volte però fortunatamente ci pensa la vita a riservare sorprese in grado di erodere più o meno lentamente i muri eretti contro di lei.

Rapporto uomo donna

Altri articoli sull'amore

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

Donne che amano troppo

“Donne che amano troppo”, titolo di un famoso best seller americano degli anni ottanta, è stato ed è ancora (soprattutto fra le non più giovanissime) una sorta di mantra relativo alla sofferenza femminile in campo amoroso.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961