Analisi e riconoscimento

Cosa cercano le persone quando si rivolgono ad un terapeuta? Cosa vogliono, cosa si aspettano?

Se da una parte è impossibile rispondere con una generalizzazione nella misura in cui ogni domanda è unica e particolare, dall’altra si può cogliere sullo sfondo di tutte le situazioni una costante, ovvero il bisogno di riconoscimento.

L’accoglienza

Chiunque varchi la porta di un qualsiasi terapeuta, al di là dell’attesa di un sollievo dai sintomi, è animato dal profondo desiderio di sentirsi visto, capito, ascoltato, colto. L’accoglienza si profila allora come condizione minimale affinché possa essere portato avanti qualsiasi lavoro di indagine psichica. Essa permette di far abbassare le difese e dunque di agganciare il cuore del problema al di là delle maschere, dei pudori e delle reticenze con cui abbiamo a che fare nelle relazioni comuni.

Nella stanza d’analisi le consuete sovrastrutture sociali crollano se il terapeuta sa tollerare gli effetti di tale venir meno. Accogliere permette non solo di far emergere parole “vere”, contenuti ricchi di senso autentico per la persona che parla, ma slatentizza anche reazioni emotive “forti”, d’amore e di odio, tendenzialmente tenute a bada nella vita di tutti i giorni.

Queste vengono infatti dirette sulla persona dell’analista, bersaglio apparente perché in realtà rivolte sempre a qualcun altro. Meccanismi regressivi e transferali trasformano le sedute da apparenti conversazioni in poltrona a veri e propri viaggi nel tempo, in cui il passato non solo si riattualizza nel racconto ma anche nel qui ed ora delle emozioni in gioco.

Il vedersi da sé

Dunque riconoscere qualcuno, permettergli di “aprirsi”, rispondere di sì a tale domanda inconscia, genera le condizioni per un lavoro che potrà essere più o meno intellettualizzato a seconda delle caratteristiche e della personalità del paziente ma che in ogni caso toccherà corde profonde, aprendo la via a visioni inedite di sè e del proprio contesto.

Potremmo dire che l’accoglienza (e la conseguente tolleranza di ciò che emergerà) da parte del terapeuta è l’ingresso da cui transitare per procedere nella scoperta di sè da parte del paziente. Questi chiede aiuto domandando di essere riconosciuto, non di venir definito dall’altro. Chiede cioè di essere messo nelle condizioni di vedersi da solo. Il fatto che abbia perso il contatto con la parte più vera del proprio essere non significa che si aspetti davvero che sia l’altro a dirgli chi è. Anche quando lo fa esplicitamente, cioè quando chiede all’altro una formula che lo rappresenti, sta solo tentando di accorciare il cammino, che sa di dover fare da solo.

L’attesa e l’ignoranza

L’analista non deve vedere il paziente al posto suo, non deve eccedere con le interpretazioni. Una regola aurea é quella di interpretare al momento giusto, quando l’altro in qualche maniera ci è già arrivato. La conoscenza non va scavata a forza, ma attesa, come un fenomeno naturale che non può non accadere, come la pioggia d’autunno o lo scioglimento dei ghiacci in primavera.

I così detti “ errori” delle analisi di Freud sono imputabili al fondo in un eccesso di zelo interpretativo, che finisce col chiudere l’inconscio anziché lasciarlo dischiudersi. Inevitabilmente l’interpretazione implica un giudizio e giudicare é esattamente il rovescio di accogliere.

Come analisti il nostro compito principale, al di là dell’aggiornamento, dei riferimenti ai sacri testi ecc... è l’allenamento a combattere stereotipi e pregiudizi, a combattere cioè la nostra stessa formazione. Come diceva Bion essa produce nell’incontro con il paziente un vero e proprio fastidioso “rumore di fondo” che da un lato inibisce e ostacola l’ascolto pieno, dall’altro inchioda l’analizzante in uno spazio circoscritto della nostra biblioteca, impedendo a lui e a noi l’esperienza della sorpresa, della gioia, della soddisfazione di accostarne la verità.

In parole povere un analista é chiamato giorno dopo giorno a coltivare umiltà e ignoranza. È da loro che trae la forza di “sopportare” lo scatenarsi dei venti di tempesta in seduta, così come la fiducia dell’inesorabile ritorno del sole.

Aiuto psicoterapeutico

Altri articoli sull'amore

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Leggi l'articolo

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Solitudine femminile

Sempre più donne nel contesto contemporaneo si trovano confrontate con la solitudine, non semplicemente quella subita. Pur non mancando di corteggiatori, decidono di non scendere a compromessi, in nome dell'amore con la A maiuscola. Non innamorandosi mai veramente, non incontrando mai la persona che sentono essere "giusta" per loro, scelgono di vivere la loro vita rinunciando ai vantaggi economici e sociali associati ad una relazione con un uomo.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961