Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

L'impotenza nell'amare profondamente una donna, anche dal punto di vista sessuale, in quest'ottica si configura come una difesa dalla paura inconscia di venirne fagocitati. 

Tale identificazione  della femminilità con il pericolo deriva spessissimo dal primo modello del femminile che si è incontrato nella vita, la madre. Quella dei futuri uomini afflitti da impotenza è stata o francamente fredda e castrante, oppure simbiotica, fusionale, iperprotettiva. In entrambi i casi ha fatto mancare al figlio la sensazione di poter appoggiare su una base solida e nel contempo di poter esplorare liberamente l'ambiente circostante. L'esperienza di avere delle radici non si è cioè saldata a quella della libertà. Al suo posto si è cementata una gabbia fatta di ansie, inibizioni, divieti e contatto fisico esagerato, soffocante. 

Uno degli effetti in età adulta  è lo sviluppo di una paura inconscia delle donne, che può portare a vari gradi di impotenza sessuale e relazionale. L'amore viene visto come una prigione e le donne come delle castratrici, da tenere alla larga. Gli uomini preda di tali meccanismi possono addirittura finire con il rifiutare in blocco la loro parte femminile, profonda, sensibile in virtù dell'esasperazione di atteggiamenti iper mascolini e da "macho" così da scongiurare il rischio di venir coinvolti emotivamente in un rapporto di intimità potenzialmente pericoloso. 

Frequentemente problematiche della sfera narcisistica sono riconducibili a queste dinamiche. Il narciso, freddo e distante emotivamente, tenta di proteggersi dalla divorazione che attribuisce al femminile. Si spiega così la sua disinvoltura apparente nel sesso, che si poggia  in realtà  su un netto  rifiuto della donna, trattata per lo più come un oggetto narcisistico, utilizzato per appagare i suoi bisogni sessuali ed il suo ego. Il lasciarsi andare ad un'intimità coinvolgente è del tutto impossibile. Quando capita che stia nascendo un'intesa un po' più profonda con una femmina, ecco che  compare sulla scena l'impotenza a rimetterla a distanza. La sessualità rimane così ad un livello molto infantile, auto erotico, è contrassegnata da una grande immaturità perché esclude il rapporto con l'altro, riducendolo ad oggetto. Il focus non è mai sulla partner ma su se stessi. Quando riesce ad avere rapporti il narciso è focalizzato sul suo eros, sulle sue fantasie, non riuscendo ad amare in senso adulto. 

L'impotenza sessuale e relazionale la possiamo vedere non solo sul piano della difficoltà a sintonizzarsi su un livello di intimità, caratterizzato da un mutuo scambio arricchente e non castrante la libertà dei singoli.  A volte la osserviamo anche all'interno di relazioni all'insegna della fusionalità, che ricalcano il modello della relazione disturbata con la madre. Le individualità in questi casi si annullano: l'uomo può annidarsi  come un bambino bisognoso nella partner, ridotta così al rango di madre e non più di femmina di un uomo. 

Purtroppo molti uomini non arrivano alla consapevolezza piena di tali problematiche anche a causa della pazienza e della tolleranza delle loro partner, che per molti anni accettano e soffrono in silenzio in nome dell'amore. Spesso si creano degli incastri perfetti,  in cui i problemi dell'uno si intersecano a quelli dell'altro, in una specularità difficile da sciogliere, frustrante ma resistente al cambiamento. Un lavoro psicoterapeutico può riuscire nella misura in cui scatta nel singolo un vero desiderio di scardinare l'equilibrio patologico in cui si è assestato, magari dopo l'ennesima rottura o insuccesso amoroso. 

Altri articoli sull'amore

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Tradimento e fedeltà in amore

Le cause alla base di un tradimento non sono mai sempre le stesse in tutti i casi, così come le conseguenze che ingenera all'interno della relazione di coppia. Non solo, nessuno se ne può ritenere del tutto immune, si tratta di un evento che può colpire anche i rapporti più solidi, le unioni meglio riuscite.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961