Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Cosa accade in questi casi? L'incontro reale con l'altro, con la sua diversità non riassorbibile nell'uno della compenetrazione reciproca, produce caduta, disillusione, rottura. Ciò non necessariamente dopo pochi anni. A volte anche dopo un lungo periodo di intesa, mai messo profondamente alla prova da eventi o situazioni destabilizzanti.

Ciò che rende queste unioni al fondo fragili e precarie, nonostante la loro solidità apparente e la tenuta frequentemente protratta nel tempo, è l'equivoco di base su cui sono nate. "Eravamo uguali", "volevamo le stesse cose", "era una persona tranquilla come me" sono alcune delle lamentazioni riportate nel tempo della crisi, rivelatrici di un'opacità di visione nei confronti dell'altro e della coppia stessa.

Non solo le peculiarità più "scabrose" del partner vengono "rimosse". La scotomizzazione è più radicale, perché scaturisce dall'illusione adolescenziale di un'intesa magica e telepatica con l'altro, di una fusione senza strappi, senza delusioni, senza adattamenti reciproci, senza incomprensioni.

Il linguaggio e la comunicazione sono utilizzati massicciamente nel senso dell'accordo e dell'uniformità di pensiero, raramente per dissentire francamente in un confronto maturo ed aperto verso l'opinione altrui. Il dissenso viene interpretato come critica, come elemento minacciante l'omogeneità e dunque trattato o mediante la sua soppressione o con una litigiosità continua quanto sterile.

In psicoanalisi definiamo tali unioni come "speculari", entrambi i partner vedono nell'altro l'immagine ideale di se stessi, come in uno specchio. Il senso dell' "uno" (alla base di ogni coppia, di ogni unione che sia tale) viene qui inconsciamente interpretato come abolizione tout court delle differenze, in una confusività che porta o alla fusionalità senza strappi o al conflitto superficiale e perenne per tentare di negare l'aprirsi delle divergenze che lo stare insieme inevitabilmente comporta.

La lacerazione di tale illusione può irrompere a causa di un lutto, di un problema economico, di una malattia, di un problema di un figlio, di un mutamento esistenziale. Di una situazione cioè che fa drammaticamente e inequivocabilmente venire alla luce la differenza con l'altro, il limite dell'altro, rompendo nel reale il guscio chiuso del gioco di aspettative che irrigidivano i ruoli e la visione reciproca fra partner.

Se ne può uscire senza ricorrere al tradimento o alla separazione? Sono davvero inevitabili le rotture? Posto che ogni situazione ha le sue peculiarità e necessita di un'analisi particolare, una possibile via d'uscita può avvenire se entrambi decidono di mettersi in discussione singolarmente, affrontando un percorso esistenziale (che può essere una psicoterapia ma anche altro) che li porti a vedere la trappola in cui sono caduti, aprendosi ad una comunicazione franca ed autentica con il compagno.

Solo a partire da una visione nitida dell'altro per quello che è e della propria posizione nella relazione è possibile scegliere liberamente il da farsi, se restare accettando la sfida del confronto con la spigolosità non livellabile dell'altro o andare via, per un nuovo inizio a partire da un radicale cambiamento nelle premesse.

Stadio dello specchio

Altri articoli sull'amore

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961