Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

Cosa accade in questi casi? L'incontro reale con l'altro, con la sua diversità non riassorbibile nell'uno della compenetrazione reciproca, produce caduta, disillusione, rottura. Ciò non necessariamente dopo pochi anni. A volte anche dopo un lungo periodo di intesa, mai messo profondamente alla prova da eventi o situazioni destabilizzanti.

Ciò che rende queste unioni al fondo fragili e precarie, nonostante la loro solidità apparente e la tenuta frequentemente protratta nel tempo, è l'equivoco di base su cui sono nate. "Eravamo uguali", "volevamo le stesse cose", "era una persona tranquilla come me" sono alcune delle lamentazioni riportate nel tempo della crisi, rivelatrici di un'opacità di visione nei confronti dell'altro e della coppia stessa.

Non solo le peculiarità più "scabrose" del partner vengono "rimosse". La scotomizzazione è più radicale, perché scaturisce dall'illusione adolescenziale di un'intesa magica e telepatica con l'altro, di una fusione senza strappi, senza delusioni, senza adattamenti reciproci, senza incomprensioni.

Il linguaggio e la comunicazione sono utilizzati massicciamente nel senso dell'accordo e dell'uniformità di pensiero, raramente per dissentire francamente in un confronto maturo ed aperto verso l'opinione altrui. Il dissenso viene interpretato come critica, come elemento minacciante l'omogeneità e dunque trattato o mediante la sua soppressione o con una litigiosità continua quanto sterile.

In psicoanalisi definiamo tali unioni come "speculari", entrambi i partner vedono nell'altro l'immagine ideale di se stessi, come in uno specchio. Il senso dell' "uno" (alla base di ogni coppia, di ogni unione che sia tale) viene qui inconsciamente interpretato come abolizione tout court delle differenze, in una confusività che porta o alla fusionalità senza strappi o al conflitto superficiale e perenne per tentare di negare l'aprirsi delle divergenze che lo stare insieme inevitabilmente comporta.

La lacerazione di tale illusione può irrompere a causa di un lutto, di un problema economico, di una malattia, di un problema di un figlio, di un mutamento esistenziale. Di una situazione cioè che fa drammaticamente e inequivocabilmente venire alla luce la differenza con l'altro, il limite dell'altro, rompendo nel reale il guscio chiuso del gioco di aspettative che irrigidivano i ruoli e la visione reciproca fra partner.

Se ne può uscire senza ricorrere al tradimento o alla separazione? Sono davvero inevitabili le rotture? Posto che ogni situazione ha le sue peculiarità e necessita di un'analisi particolare, una possibile via d'uscita può avvenire se entrambi decidono di mettersi in discussione singolarmente, affrontando un percorso esistenziale (che può essere una psicoterapia ma anche altro) che li porti a vedere la trappola in cui sono caduti, aprendosi ad una comunicazione franca ed autentica con il compagno.

Solo a partire da una visione nitida dell'altro per quello che è e della propria posizione nella relazione è possibile scegliere liberamente il da farsi, se restare accettando la sfida del confronto con la spigolosità non livellabile dell'altro o andare via, per un nuovo inizio a partire da un radicale cambiamento nelle premesse.

Stadio dello specchio

Altri articoli sull'amore

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961