Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Cosa accade in questi casi? L'incontro reale con l'altro, con la sua diversità non riassorbibile nell'uno della compenetrazione reciproca, produce caduta, disillusione, rottura. Ciò non necessariamente dopo pochi anni. A volte anche dopo un lungo periodo di intesa, mai messo profondamente alla prova da eventi o situazioni destabilizzanti.

Ciò che rende queste unioni al fondo fragili e precarie, nonostante la loro solidità apparente e la tenuta frequentemente protratta nel tempo, è l'equivoco di base su cui sono nate. "Eravamo uguali", "volevamo le stesse cose", "era una persona tranquilla come me" sono alcune delle lamentazioni riportate nel tempo della crisi, rivelatrici di un'opacità di visione nei confronti dell'altro e della coppia stessa.

Non solo le peculiarità più "scabrose" del partner vengono "rimosse". La scotomizzazione è più radicale, perché scaturisce dall'illusione adolescenziale di un'intesa magica e telepatica con l'altro, di una fusione senza strappi, senza delusioni, senza adattamenti reciproci, senza incomprensioni.

Il linguaggio e la comunicazione sono utilizzati massicciamente nel senso dell'accordo e dell'uniformità di pensiero, raramente per dissentire francamente in un confronto maturo ed aperto verso l'opinione altrui. Il dissenso viene interpretato come critica, come elemento minacciante l'omogeneità e dunque trattato o mediante la sua soppressione o con una litigiosità continua quanto sterile.

In psicoanalisi definiamo tali unioni come "speculari", entrambi i partner vedono nell'altro l'immagine ideale di se stessi, come in uno specchio. Il senso dell' "uno" (alla base di ogni coppia, di ogni unione che sia tale) viene qui inconsciamente interpretato come abolizione tout court delle differenze, in una confusività che porta o alla fusionalità senza strappi o al conflitto superficiale e perenne per tentare di negare l'aprirsi delle divergenze che lo stare insieme inevitabilmente comporta.

La lacerazione di tale illusione può irrompere a causa di un lutto, di un problema economico, di una malattia, di un problema di un figlio, di un mutamento esistenziale. Di una situazione cioè che fa drammaticamente e inequivocabilmente venire alla luce la differenza con l'altro, il limite dell'altro, rompendo nel reale il guscio chiuso del gioco di aspettative che irrigidivano i ruoli e la visione reciproca fra partner.

Se ne può uscire senza ricorrere al tradimento o alla separazione? Sono davvero inevitabili le rotture? Posto che ogni situazione ha le sue peculiarità e necessita di un'analisi particolare, una possibile via d'uscita può avvenire se entrambi decidono di mettersi in discussione singolarmente, affrontando un percorso esistenziale (che può essere una psicoterapia ma anche altro) che li porti a vedere la trappola in cui sono caduti, aprendosi ad una comunicazione franca ed autentica con il compagno.

Solo a partire da una visione nitida dell'altro per quello che è e della propria posizione nella relazione è possibile scegliere liberamente il da farsi, se restare accettando la sfida del confronto con la spigolosità non livellabile dell'altro o andare via, per un nuovo inizio a partire da un radicale cambiamento nelle premesse.

Tags: Stadio dello specchio

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.