L’amore è una supplenza?

L’espressione è volutamente provocatoria e paradossale: naturalmente si sa che i rapporti sessuali hanno luogo, ma l’affermazione vuole mettere l’accento non tanto su quest’ovvio dato di realtà, quanto sul termine rapporto. Non esiste rapporto fra uomo e donna nella sessualità?

Secondo Jacques Lacan a rigore no. Nella misura in cui non c’è simmetria di intenti. L’uomo è catturato dal pezzo di corpo della donna, la riduce a oggetto del suo godimento, per altro strettamente legato all’organo fallico. Viceversa la donna, anche nella sessualità, cerca il segno d’amore da parte dell’uomo, faticando nel tollerare la sua riduzione a oggetto. Inoltre il suo godimento è meno strettamente associato all’organo e si sparpaglia su tutto il corpo, facendole sperimentate un piacere in un certo senso mistico, un abbandono che coinvolge tutto il suo essere.

Abbiamo dunque due esseri che nella sessualità cercano cose diverse. Uno il pezzo, l’altro il segno.

L’amore appare allora come il solo connettore che permette di superare quest’incomunicabilità strutturale, di supplire a ciò che manca. Un uomo che ama una donna non smette di vederla come un oggetto nella sessualità, ma questo oggetto diventa particolare, prezioso, miracolosamente unico. Pertanto la soggettività della donna è riabilitata e i due a questo punto possono muoversi su un terreno comune: per la partner femminile diventa tollerabile godere della posizione di oggetto, mentre l’uomo per questa via può accedere a un “ altro godimento”, altro perché non totalmente schiavizzato e subordinato all’organo ma legato allo scambio amoroso, alla carezza, alla pelle, alla perdita di se stessi, al lasciarsi andare.

La disimmetria fra i sessi riassunta nell’aforisma “non esiste rapporto sessuale” può quindi venir ricomposta solo dall’amore. Ma l’amore non è la condizione che mette definitivamente al riparo da questa disarmonia, nella misura in cui esso si può dissociare dal desiderio. La più frequente degenerazione della vita amorosa, già descritta da Sigmund Freud nei primi del novecento, risiede infatti nella disgiunzione fra amore e godimento. Soprattutto per ciò che riguarda il genere maschile, anche se oggi osserviamo un dilagare del fenomeno anche nelle donne. Da una parte abbiamo la donna amata, debolmente desiderata proprio in virtù di tale carica affettiva che maternalizza il rapporto, dall’altra quella oggetto di passione ma non d’amore, non di tenerezza. In questi casi l’analisi può aiutare nel gettare luce sulla causalità inconscia che determina tale sbinamento, producendo a volte modificazioni sorprendenti, tali da predisporre verso un vero e proprio incontro d’amore.

Altri articoli sull'amore

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961