L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

L’espressione è volutamente provocatoria e paradossale: naturalmente si sa che i rapporti sessuali hanno luogo, ma l’affermazione vuole mettere l’accento non tanto su quest’ovvio dato di realtà, quanto sul termine rapporto. Non esiste rapporto fra uomo e donna nella sessualità?

Secondo Jacques Lacan a rigore no. Nella misura in cui non c’è simmetria di intenti. L’uomo è catturato dal pezzo di corpo della donna, la riduce a oggetto del suo godimento, per altro strettamente legato all’organo fallico. Viceversa la donna, anche nella sessualità, cerca il segno d’amore da parte dell’uomo, faticando nel tollerare la sua riduzione a oggetto. Inoltre il suo godimento è meno strettamente associato all’organo e si sparpaglia su tutto il corpo, facendole sperimentate un piacere in un certo senso mistico, un abbandono che coinvolge tutto il suo essere.

Abbiamo dunque due esseri che nella sessualità cercano cose diverse. Uno il pezzo, l’altro il segno.

L’amore appare allora come il solo connettore che permette di superare quest’incomunicabilità strutturale, di supplire a ciò che manca. Un uomo che ama una donna non smette di vederla come un oggetto nella sessualità, ma questo oggetto diventa particolare, prezioso, miracolosamente unico. Pertanto la soggettività della donna è riabilitata e i due a questo punto possono muoversi su un terreno comune: per la partner femminile diventa tollerabile godere della posizione di oggetto, mentre l’uomo per questa via può accedere a un “ altro godimento”, altro perché non totalmente schiavizzato e subordinato all’organo ma legato allo scambio amoroso, alla carezza, alla pelle, alla perdita di se stessi, al lasciarsi andare.

La disimmetria fra i sessi riassunta nell’aforisma “non esiste rapporto sessuale” può quindi venir ricomposta solo dall’amore. Ma l’amore non è la condizione che mette definitivamente al riparo da questa disarmonia, nella misura in cui esso si può dissociare dal desiderio. La più frequente degenerazione della vita amorosa, già descritta da Sigmund Freud nei primi del novecento, risiede infatti nella disgiunzione fra amore e godimento. Soprattutto per ciò che riguarda il genere maschile, anche se oggi osserviamo un dilagare del fenomeno anche nelle donne. Da una parte abbiamo la donna amata, debolmente desiderata proprio in virtù di tale carica affettiva che maternalizza il rapporto, dall’altra quella oggetto di passione ma non d’amore, non di tenerezza. In questi casi l’analisi può aiutare nel gettare luce sulla causalità inconscia che determina tale sbinamento, producendo a volte modificazioni sorprendenti, tali da predisporre verso un vero e proprio incontro d’amore.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.