Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Definire cos’è l’amore si profila dunque come un compito arduo, se non impossibile, data la varietà di sembianze che può assumere.

Generalmente le due macro categorie in cui classicamente viene ricondotto sono l’amore fraterno e quello passionale. L’affetto e il desiderio. L’uno non esclude l’altro, anzi, nella più piena realizzazione amorosa queste due correnti, tenerezza e passionalità, dovrebbero sovrapporsi, dando origine ad uno stato di convergenza fra amore per l’individualità del partner e sensualità.

Spesso tuttavia nelle nostre vite ci capita di incappare in relazioni fortemente sbilanciate verso uno di questi poli a discapito dell’altro. Posto che è difficile vivere una condizione che non sia almeno un po’ colorata anche da quella opposta (è raro in una coppia un amore solo fraterno o solo puramente passionale), è vero però che frequentemente è possibile rintracciare la tonalità dominante del rapporto.

Ciò che risulta a volte sorprendente è come questa dominante non necessariamente sia presente fin dall’inizio; anzi, a volte capita che una relazione che parte all’insegna della passionalità si rovesci nel fraterno, più raro il viceversa, anche se non mancano casi di lento e progressivo sviluppo di un’affinità sessuale a partire da una base fraterna.

Sembra dunque esistere un’enigmatica spinta alla disgiunzione dell’amore. Ma si tratta davvero di un mistero? O è possibile darsi una spiegazione?

Un’idea condivisa ma errata è quella che destina la passione ad un’inesorabile caduta e deterioramento dovuti al tempo e all’abitudine. Certo la passione, in quanto fuoco, non può ardere gargliardamente in eterno, ovviamente subisce delle battute d’arresto, delle impennate, è esposta a una sua ciclicità che non ne determina tuttavia a priori lo spegnimento assoluto. Ciò che davvero è in gioco non è una legge di natura che incide la data di scadenza su un rapporto, bensì una difficoltà tutta umana e dunque ben poco “naturale” a tollerare la diversità e le debolezze del partner mano a mano che la relazione si approfondisce e l’idealizzazione accecante degli esordi progressivamente si stempera. Inoltre accade spesso che l’approfondimento su un piano di intimità personale e l’insorgenza di elementi di quotidianità per molti si traduca in una familiarizzazione che di per se stessa inibisce la sessualità, come una sorta di tabù che si innesca tra ex estranei, diventati ormai veri e propri familiari.

Come iniziare dunque una relazione all’insegna della passione e dell’autentica curiosità verso l’altro senza cadere nell’abbaglio dell’idealizzazione e nella caduta della delusione? Come sfuggire dal determinismo della familiarità che opprime la freschezza dello scambio sessuale? Attraverso un lavoro terapeutico si può intraprendere la difficile via del gettar luce sull’oscurità e tortuosità di questi territori della psiche.

Altri articoli sull'amore

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Solitudine femminile

Sempre più donne nel contesto contemporaneo si trovano confrontate con la solitudine, non semplicemente quella subita. Pur non mancando di corteggiatori, decidono di non scendere a compromessi, in nome dell'amore con la A maiuscola. Non innamorandosi mai veramente, non incontrando mai la persona che sentono essere "giusta" per loro, scelgono di vivere la loro vita rinunciando ai vantaggi economici e sociali associati ad una relazione con un uomo.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961