Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Definire cos’è l’amore si profila dunque come un compito arduo, se non impossibile, data la varietà di sembianze che può assumere.

Generalmente le due macro categorie in cui classicamente viene ricondotto sono l’amore fraterno e quello passionale. L’affetto e il desiderio. L’uno non esclude l’altro, anzi, nella più piena realizzazione amorosa queste due correnti, tenerezza e passionalità, dovrebbero sovrapporsi, dando origine ad uno stato di convergenza fra amore per l’individualità del partner e sensualità.

Spesso tuttavia nelle nostre vite ci capita di incappare in relazioni fortemente sbilanciate verso uno di questi poli a discapito dell’altro. Posto che è difficile vivere una condizione che non sia almeno un po’ colorata anche da quella opposta (è raro in una coppia un amore solo fraterno o solo puramente passionale), è vero però che frequentemente è possibile rintracciare la tonalità dominante del rapporto.

Ciò che risulta a volte sorprendente è come questa dominante non necessariamente sia presente fin dall’inizio; anzi, a volte capita che una relazione che parte all’insegna della passionalità si rovesci nel fraterno, più raro il viceversa, anche se non mancano casi di lento e progressivo sviluppo di un’affinità sessuale a partire da una base fraterna.

Sembra dunque esistere un’enigmatica spinta alla disgiunzione dell’amore. Ma si tratta davvero di un mistero? O è possibile darsi una spiegazione?

Un’idea condivisa ma errata è quella che destina la passione ad un’inesorabile caduta e deterioramento dovuti al tempo e all’abitudine. Certo la passione, in quanto fuoco, non può ardere gargliardamente in eterno, ovviamente subisce delle battute d’arresto, delle impennate, è esposta a una sua ciclicità che non ne determina tuttavia a priori lo spegnimento assoluto. Ciò che davvero è in gioco non è una legge di natura che incide la data di scadenza su un rapporto, bensì una difficoltà tutta umana e dunque ben poco “naturale” a tollerare la diversità e le debolezze del partner mano a mano che la relazione si approfondisce e l’idealizzazione accecante degli esordi progressivamente si stempera. Inoltre accade spesso che l’approfondimento su un piano di intimità personale e l’insorgenza di elementi di quotidianità per molti si traduca in una familiarizzazione che di per se stessa inibisce la sessualità, come una sorta di tabù che si innesca tra ex estranei, diventati ormai veri e propri familiari.

Come iniziare dunque una relazione all’insegna della passione e dell’autentica curiosità verso l’altro senza cadere nell’abbaglio dell’idealizzazione e nella caduta della delusione? Come sfuggire dal determinismo della familiarità che opprime la freschezza dello scambio sessuale? Attraverso un lavoro terapeutico si può intraprendere la difficile via del gettar luce sull’oscurità e tortuosità di questi territori della psiche.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.