Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

In cosa si distingue questo tipo di venerazione da una infatuazione idealizzante? I due piani infatti, quello del godimento della pienezza della vita dell'Altro e quello dell'idealizzazione, vanno tenuti rigorosamente distinti.

In psicoanalisi definiamo narcisistico un amore basato sulla ricerca nell'Altro delle qualità che ci mancano per rinsaldare un'immagine ideale di noi stessi. Questo tipo di amore assomiglia più a un accecamento, nella misura in cui non ci fa vedere l'Altro per quello che è ma si concentra selettivamente sulle sue caratteristiche desiderabili, lasciando in ombra quelle che potrebbero risultare discordanti con il quadro ideale che se ne vuole percepire.


Ad esempio un uomo potrebbe essere attratto da una donna per il suo carattere forte e deciso, non percependo magari una quota di aggressività o di egocentrismo che vi si cela dietro. Oppure potrebbe essere attratto dalla sua avvenenza, e scoprire poi nell'intimità dei dettagli del suo corpo che non corrispondono allo stereotipo di bellezza che stava inseguendo. In tutti questi casi, nel momento in cui la conoscenza si approfondisce e dunque balzano agli occhi i "difetti" prima invisibili, immancabilmente arriva la delusione. Il deluso, se non metabolizza le ragioni alla base del suo malcontento, avverte allora l' impulso a cambiare partner. Si dirige verso il nuovo non perché travolto da un vero incontro d'amore, ma semplicemente perché animato dalla brama di sostituire il giocattolo rotto con uno nuovo e più splendente.

Cosa comporta al contrario il vero incontro d'amore? Quello che stravolge le certezze invece che rinsaldarle? In  cosa differisce la stima di cui parlavamo dall'aspettativa di perfezione dell'Altro? Nell'ammirazione che proviamo quando amiamo non vi è alcuna cancellazione o rimozione delle parti in ombra dell'amato. E' come se fossimo in grado di vederlo come un tutt'uno, nella totalità del suo essere. Lo amiamo in quanto Altro, in quanto essere unico e irriproducibile nel suo modo di sentire e vivere nel mondo. Lo adoriamo sia nella sua debolezza, nelle sue manie, nei suoi difetti che nella sua forza e vitalità. Ne accogliamo generosamente le contraddizioni, senza tentare di forzarle all'interno di schemi che sono i nostri piuttosto che i suoi.
Tutto ciò ha a che fare con una gratuita' che esula dal possesso. Quello che si contempla è al fondo la libertà dell'Altro, al di là di qualsiasi spinta appropriativa.

Certo, nell'amore esiste anche la forza del desiderio e della pulsione, che reclama imperiosamente il godimento del corpo. Ma nell'amore per l'Altro in quanto essere e non solo in quanto oggetto questa spinta famelica viene controbilanciata dalla purezza della gioia che l' Altro ci dona per il semplice fatto di esistere.

 

Altri articoli sull'amore

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961