Stima e amore

In cosa si distingue questo tipo di venerazione da una infatuazione idealizzante? I due piani infatti, quello del godimento della pienezza della vita dell'Altro e quello dell'idealizzazione, vanno tenuti rigorosamente distinti.

In psicoanalisi definiamo narcisistico un amore basato sulla ricerca nell'Altro delle qualità che ci mancano per rinsaldare un'immagine ideale di noi stessi. Questo tipo di amore assomiglia più a un accecamento, nella misura in cui non ci fa vedere l'Altro per quello che è ma si concentra selettivamente sulle sue caratteristiche desiderabili, lasciando in ombra quelle che potrebbero risultare discordanti con il quadro ideale che se ne vuole percepire.


Ad esempio un uomo potrebbe essere attratto da una donna per il suo carattere forte e deciso, non percependo magari una quota di aggressività o di egocentrismo che vi si cela dietro. Oppure potrebbe essere attratto dalla sua avvenenza, e scoprire poi nell'intimità dei dettagli del suo corpo che non corrispondono allo stereotipo di bellezza che stava inseguendo. In tutti questi casi, nel momento in cui la conoscenza si approfondisce e dunque balzano agli occhi i "difetti" prima invisibili, immancabilmente arriva la delusione. Il deluso, se non metabolizza le ragioni alla base del suo malcontento, avverte allora l' impulso a cambiare partner. Si dirige verso il nuovo non perché travolto da un vero incontro d'amore, ma semplicemente perché animato dalla brama di sostituire il giocattolo rotto con uno nuovo e più splendente.

Cosa comporta al contrario il vero incontro d'amore? Quello che stravolge le certezze invece che rinsaldarle? In  cosa differisce la stima di cui parlavamo dall'aspettativa di perfezione dell'Altro? Nell'ammirazione che proviamo quando amiamo non vi è alcuna cancellazione o rimozione delle parti in ombra dell'amato. E' come se fossimo in grado di vederlo come un tutt'uno, nella totalità del suo essere. Lo amiamo in quanto Altro, in quanto essere unico e irriproducibile nel suo modo di sentire e vivere nel mondo. Lo adoriamo sia nella sua debolezza, nelle sue manie, nei suoi difetti che nella sua forza e vitalità. Ne accogliamo generosamente le contraddizioni, senza tentare di forzarle all'interno di schemi che sono i nostri piuttosto che i suoi.
Tutto ciò ha a che fare con una gratuita' che esula dal possesso. Quello che si contempla è al fondo la libertà dell'Altro, al di là di qualsiasi spinta appropriativa.

Certo, nell'amore esiste anche la forza del desiderio e della pulsione, che reclama imperiosamente il godimento del corpo. Ma nell'amore per l'Altro in quanto essere e non solo in quanto oggetto questa spinta famelica viene controbilanciata dalla purezza della gioia che l' Altro ci dona per il semplice fatto di esistere.

 

Altri articoli sull'amore

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961