Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

In cosa si distingue questo tipo di venerazione da una infatuazione idealizzante? I due piani infatti, quello del godimento della pienezza della vita dell'Altro e quello dell'idealizzazione, vanno tenuti rigorosamente distinti.

In psicoanalisi definiamo narcisistico un amore basato sulla ricerca nell'Altro delle qualità che ci mancano per rinsaldare un'immagine ideale di noi stessi. Questo tipo di amore assomiglia più a un accecamento, nella misura in cui non ci fa vedere l'Altro per quello che è ma si concentra selettivamente sulle sue caratteristiche desiderabili, lasciando in ombra quelle che potrebbero risultare discordanti con il quadro ideale che se ne vuole percepire.


Ad esempio un uomo potrebbe essere attratto da una donna per il suo carattere forte e deciso, non percependo magari una quota di aggressività o di egocentrismo che vi si cela dietro. Oppure potrebbe essere attratto dalla sua avvenenza, e scoprire poi nell'intimità dei dettagli del suo corpo che non corrispondono allo stereotipo di bellezza che stava inseguendo. In tutti questi casi, nel momento in cui la conoscenza si approfondisce e dunque balzano agli occhi i "difetti" prima invisibili, immancabilmente arriva la delusione. Il deluso, se non metabolizza le ragioni alla base del suo malcontento, avverte allora l' impulso a cambiare partner. Si dirige verso il nuovo non perché travolto da un vero incontro d'amore, ma semplicemente perché animato dalla brama di sostituire il giocattolo rotto con uno nuovo e più splendente.

Cosa comporta al contrario il vero incontro d'amore? Quello che stravolge le certezze invece che rinsaldarle? In  cosa differisce la stima di cui parlavamo dall'aspettativa di perfezione dell'Altro? Nell'ammirazione che proviamo quando amiamo non vi è alcuna cancellazione o rimozione delle parti in ombra dell'amato. E' come se fossimo in grado di vederlo come un tutt'uno, nella totalità del suo essere. Lo amiamo in quanto Altro, in quanto essere unico e irriproducibile nel suo modo di sentire e vivere nel mondo. Lo adoriamo sia nella sua debolezza, nelle sue manie, nei suoi difetti che nella sua forza e vitalità. Ne accogliamo generosamente le contraddizioni, senza tentare di forzarle all'interno di schemi che sono i nostri piuttosto che i suoi.
Tutto ciò ha a che fare con una gratuita' che esula dal possesso. Quello che si contempla è al fondo la libertà dell'Altro, al di là di qualsiasi spinta appropriativa.

Certo, nell'amore esiste anche la forza del desiderio e della pulsione, che reclama imperiosamente il godimento del corpo. Ma nell'amore per l'Altro in quanto essere e non solo in quanto oggetto questa spinta famelica viene controbilanciata dalla purezza della gioia che l' Altro ci dona per il semplice fatto di esistere.

 

Altri articoli sull'amore

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

Amore incondizionato

Amore incondizionato significa letteralmente amore senza condizioni. È la forma più alta dell'amore, nella misura in cui rispetta la libertà dell'amato senza soffocarlo e senza scadere al rovescio in disinteresse. "Ti amo a condizione che tu faccia questo, che tu sia così come vorrei" è invece un'assunzione non verbalizzata ma implicita all'interno di moltissime relazioni, siano esse fra genitori e figli o di coppia. Si tratta di una modalità profondamente nevrotizzante, perché inchioda il partner a sforzarsi di essere ciò che non è, ad un "dover essere" che schiaccia la sua autenticità e le sue possibilità di realizzazione piena.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961