Masochismo e amore

In psicoanalisi il termine masochismo indica precisamente questo godimento tratto dalla sofferenza, questa paradossale congiunzione di piacere e dolore, di vitalità e mortificazione. Lo possiamo incontrare sotto svariatissime forme, una delle quali appare per l'appunto la tendenza a legarsi affettivamente a partner francamente frustranti, freddi, mutevoli, narcisisticamente centrati su se stessi. Nonostante la devastazione psicologica che quasi invariabilmente ne deriva, appare complicatissimo staccarsene, come se una forza più ostinata della volontà e della razionalizzazione impedisse di concentrarsi sul proprio bene e di difendersi attraverso una presa di distanza.

Generalmente il sesso femminile è più esposto al rischio di scivolare in situazioni simili, proprio perché vi intervengono dei meccanismi che da un certo punto di vista sono propri della femminilità. La donna infatti tende ad attribuire nella sua vita un posto primario al desiderare piuttosto che all'avere. Dunque l'uomo che sfugge, che tratta male, che si sottrae paradossalmente tiene vivo il desiderio, proprio in quanto non lo soddisfa mai. Se il maschio davanti ad una donna bizzarra dopo un entusiasmo iniziale prontamente si stufa, perde interesse ( perché non appaga il suo bisogno di sicurezza e "comodità"), la donna invece è più portata a complicarsi la vita in nome del desiderio.

Naturalmente non tutte le donne finiscono nella trappola del masochismo. Se la maggioranza sulle prime resta attratta da ciò che sfugge, che appare misterioso e di difficile codifica, solo una parte cadrà vittima del meccanismo masochistico del "ti salverò a tutti i costi". Esistono poi delle eccezioni, ovvero uomini che, in virtù di una loro vicinanza psicologica al modello femminile (pur mantenendo tutta la loro virilità) sono sedotti dalla complessità e dunque possono arrivare anche ad accettare umiliazioni e sofferenze pur di non perdere la persona agognata.

In ogni caso chi tollera e poi di fatto più o meno inconsciamente ricerca il dolore in amore risponde ad un preciso identikit. Di solito ha avuto un genitore, un padre o una madre, affettivamente ambivalente. Il suo primo oggetto d'amore è stato cioè qualcuno che elargiva gratificazioni in dosi "omeopatiche" e in maniera del tutto arbitraria e capricciosa. Spesso accadeva anche che fosse proprio lui a prendersi cura del genitore, in un ribaltamento di ruoli. In questo modo nella sua mente si era venuta a creare una potente e difficilmente districabile associazione fra amore e sofferenza. E' come se inconsapevolmente si desse per scontato che amare significa soffrire, ricevere poco e immolarsi per l'altro.

Il brivido del primo amore, quello per la madre o per il padre, il masochista lo rivive in età adulta solo così. Un lavoro psicoterapeutico può allora portare a scoprire e disvelare questi meccanismi, in un processo sicuramente difficoltoso che però nel tempo permette di mitigarne la fatale spinta alla ripetizione.

Altri articoli sull'amore

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

Le relazioni “usa e getta”

Accade in amicizia, accade in amore. Nel mondo attuale degli “amori liquidi” sentirsi oggetto di una modalità relazionale “usa e getta” non è affatto ben tollerato, anzi, costituisce ancora una delle cause principali di sofferenza emotiva.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

Solitudine femminile

Sempre più donne nel contesto contemporaneo si trovano confrontate con la solitudine, non semplicemente quella subita. Pur non mancando di corteggiatori, decidono di non scendere a compromessi, in nome dell'amore con la A maiuscola. Non innamorandosi mai veramente, non incontrando mai la persona che sentono essere "giusta" per loro, scelgono di vivere la loro vita rinunciando ai vantaggi economici e sociali associati ad una relazione con un uomo.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961