Masochismo e amore

In psicoanalisi il termine masochismo indica precisamente questo godimento tratto dalla sofferenza, questa paradossale congiunzione di piacere e dolore, di vitalità e mortificazione. Lo possiamo incontrare sotto svariatissime forme, una delle quali appare per l'appunto la tendenza a legarsi affettivamente a partner francamente frustranti, freddi, mutevoli, narcisisticamente centrati su se stessi. Nonostante la devastazione psicologica che quasi invariabilmente ne deriva, appare complicatissimo staccarsene, come se una forza più ostinata della volontà e della razionalizzazione impedisse di concentrarsi sul proprio bene e di difendersi attraverso una presa di distanza.

Generalmente il sesso femminile è più esposto al rischio di scivolare in situazioni simili, proprio perché vi intervengono dei meccanismi che da un certo punto di vista sono propri della femminilità. La donna infatti tende ad attribuire nella sua vita un posto primario al desiderare piuttosto che all'avere. Dunque l'uomo che sfugge, che tratta male, che si sottrae paradossalmente tiene vivo il desiderio, proprio in quanto non lo soddisfa mai. Se il maschio davanti ad una donna bizzarra dopo un entusiasmo iniziale prontamente si stufa, perde interesse ( perché non appaga il suo bisogno di sicurezza e "comodità"), la donna invece è più portata a complicarsi la vita in nome del desiderio.

Naturalmente non tutte le donne finiscono nella trappola del masochismo. Se la maggioranza sulle prime resta attratta da ciò che sfugge, che appare misterioso e di difficile codifica, solo una parte cadrà vittima del meccanismo masochistico del "ti salverò a tutti i costi". Esistono poi delle eccezioni, ovvero uomini che, in virtù di una loro vicinanza psicologica al modello femminile (pur mantenendo tutta la loro virilità) sono sedotti dalla complessità e dunque possono arrivare anche ad accettare umiliazioni e sofferenze pur di non perdere la persona agognata.

In ogni caso chi tollera e poi di fatto più o meno inconsciamente ricerca il dolore in amore risponde ad un preciso identikit. Di solito ha avuto un genitore, un padre o una madre, affettivamente ambivalente. Il suo primo oggetto d'amore è stato cioè qualcuno che elargiva gratificazioni in dosi "omeopatiche" e in maniera del tutto arbitraria e capricciosa. Spesso accadeva anche che fosse proprio lui a prendersi cura del genitore, in un ribaltamento di ruoli. In questo modo nella sua mente si era venuta a creare una potente e difficilmente districabile associazione fra amore e sofferenza. E' come se inconsapevolmente si desse per scontato che amare significa soffrire, ricevere poco e immolarsi per l'altro.

Il brivido del primo amore, quello per la madre o per il padre, il masochista lo rivive in età adulta solo così. Un lavoro psicoterapeutico può allora portare a scoprire e disvelare questi meccanismi, in un processo sicuramente difficoltoso che però nel tempo permette di mitigarne la fatale spinta alla ripetizione.

Altri articoli sull'amore

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961