Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Qualcosa, che prima ci sosteneva e copriva con uno smalto brillante tutte le cose, improvvisamente viene meno, lasciandoci svuotati e privi di energie di fronte alla desolazione in cui ora sembra sprofondare il nostro mondo.

Di fatto, con la dipartita dell’oggetto amato, se ne va anche una parte di noi, quella irraggiata dalla luce del suo riconoscimento, del suo sì alla nostra vita. Quando speriamo di essere desiderati, quando siamo amati, visti, voluti, quando sperimentiamo la sensazione di unicità per l’altro il nostro essere esulta e si trasforma, al pari di una pietra un po’ grigia che, baciata dai raggi del sole, diventa lucido specchio a sua volta.

L’eclissi d’amore ci riporta dunque al nostro statuto primitivo di pietrisco inutile e incolore. Cos’è in effetti un essere umano senza lo sguardo amorevole del simile? Puro corpo, pura materia senza senso. Ecco perché si soffre così tanto, perchè capita di sentirsi così annientati. Dopo aver goduto le gioie del paradiso in terra ecco aprirsi il deserto dei ghiacci.

Come si esce dal baratro di questa mortificazione? Posto che non esiste un decalogo delle mosse giuste, dopo questa prima fase di profondo avvilimento la vita torna a fluire se siamo in grado di accettare ciò che ci è successo. Se cioè riusciamo a venire a patti con il nostro essere anche povere cose, povere pietre spoglie, misere e fragili. Integrandole come parti inaggirabili di noi, senza odiarle e rifiutarle, potremo conviverci e attenuare così il senso di disperazione suscitato dalla perdita.

A volte questo lavoro di metabolizzazione è complicato dal risveglio di antichi vissuti di svalorizzazione sperimentati in epoche più remote, magari nella nostra infanzia o adolescenza. Più precocemete siamo stati colpiti da lacerazioni e perdite, maggiori difficoltà avremo nel fronteggiare il riproporsi di tali situazioni da adulti.

In ogni caso, dato che la sofferenza origina da un’emorragia d’amore derivante dalla rottura di un legame, una strategia terapeutica efficace sarà quella di aprirsi quanto più possibile a legami di un certo spessore, che comportano cioè franco dialogo e comprensione. Classico è il confronto con un caro amico, con una persona non giudicante e pronta a offrire conforto.

L’incontro con un terapeuta può essere un’altra possibilità, non alternativa a quello con un amico né sullo stesso asse. Il terapeuta infatti, se non è mai del tutto esente da una parola di conforto, lo si chiama se si vuole fare un lavoro di altro tipo, più incentrato nella ricerca delle cause che determinano certi sintomi, il protrarsi del sentimento di prostrazione oltre il periodo considerato “normale”, l’incistarsi della condizione di mortificazione esistenziale in uno stato ansioso o depressivo.

Altri articoli sull'amore

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

Amore incondizionato

Amore incondizionato significa letteralmente amore senza condizioni. È la forma più alta dell'amore, nella misura in cui rispetta la libertà dell'amato senza soffocarlo e senza scadere al rovescio in disinteresse. "Ti amo a condizione che tu faccia questo, che tu sia così come vorrei" è invece un'assunzione non verbalizzata ma implicita all'interno di moltissime relazioni, siano esse fra genitori e figli o di coppia. Si tratta di una modalità profondamente nevrotizzante, perché inchioda il partner a sforzarsi di essere ciò che non è, ad un "dover essere" che schiaccia la sua autenticità e le sue possibilità di realizzazione piena.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961