Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Perché alcune persone non riescono ad amare, a lasciarsi cioè andare in una relazione di vera intimità con l'altro? Cosa impedisce loro di farsi prendere, trascinare via, spossessare delle proprie certezze? Cosa li fa permanere tenacemente attaccati al controllo e alla forza del loro IO?

Essere coinvolti in un rapporto di vera vicinanza con l'altro significa gettare la maschera, mostrarsi con le proprie debolezze, eccentricità, volubilità, limiti. Questa situazione può essere vissuta come molto pericolosa da parte di chi nell' infanzia, in rapporto alle figure genitoriali, non ha potuto beneficiare dell'amore incondizionato, quello che accoglie l'altro per quello che è, debolezze incluse. In qualche maniera ha sperimentato la sensazione di dover apparire in un certo modo per ottenere l' affetto e l'approvazione dell' altro, finendo per nascondere i propri veri sentimenti.

Tale negazione del proprio vissuto emotivo può così riproporsi in età adulta come meccanismo di difesa nei confronti delle sensazioni evocate dalla vicinanza di una persona che attrae molto. I bisogni di dipendenza vengono risvegliati ma insieme a loro risorge la paura, il timore che non trovino accoglienza e risonanza. Così vengono ricacciati indietro, magari bollati come dipendenza tout court, come un infantilismo da cui prendere le distanze.

A volte addirittura questo meccanismo inconscio può rovesciarsi sulla persona oggetto di desiderio. Viene denigrata, l'attenzione si concentra selettivamente sui suoi difetti per giustificare il fatto che la si tenga a distanza. Chi non è stato amato proprio a partire dalle sue imperfezioni e si è sforzato per tutta la vita di dimostrare il suo valore finisce per non tollerare nemmeno i limiti e la stessa vitalità dell'altro. Quest'ultima infatti può ricordargli quanto lui deve aver rinunciato alla spontaneità e al godimento della vita per sembrare perfetto e senza macchie.

Un percorso psicoterapeutico può fare molto per superare questa paura, nella misura in cui permette di guardarla in faccia, riconoscerla e piano piano lasciarsela alle spalle, al di lá dei suoi mascheramenti difensivi. Chiaramente la principale spinta al cambiamento proviene dal soggetto stesso, nella misura in cui si accorge con dolore della ripetizione di un certo copione all' interno di tutte le sue più rilevanti esperienze amorose. Solo questo suo rendersi conto che c'è qualcosa che non va in lui e non nell'oggetto può aprire la strada ad un lavoro in profondo su se stesso, in un clima di fiducia incondizionata garantito dalla posizione di fondo non giudicante del terapeuta.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.