L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Cerchi uno psicologo psicoterapeuta a Milano? Contatta la dott.ssa Sibilla Ulivi

I tre tempi del circuito infernale del desiderio 

Tale dinamica si svolge in tre tempi. Durante la prima fase questi uomini oppongono una sorta di muro nei confronti del desiderio delle loro compagne. Sono inavvicinabili, freddi, distanti, magari proprio dopo un periodo iniziale, quello del corteggiamento e dell'innamoramento, in cui apparivano al contrario estremamente coinvolgenti. Il tratto ossessivo e narcisistico lo si vede nel loro astrarsi dalla relazione per venire assorbiti nei propri pensieri. Cosa che di fatto taglia fuori la partner, la esclude da ogni condivisione e considerazione, facendola sentire trasparente ed inopportuna. Ciò ha un effetto mortificante sulla sua spinta desiderante, che via via va incontro ad un progressivo affievolimento. Ci sono donne, spesso affettivamente equilibrate, che abbastanza velocemente trovano la forza di sottrarsi da tale circuito, perché frustrate e deluse. Altre invece, in virtù di una loro fragilità, vi rimangono impigliate fino all'esasperazione.

Durante il secondo tempo è lo stesso desiderio dell'uomo verso la sua donna a venire meno. Distruggere il desiderio dell' Altro comporta infatti conseguentemente un effetto di annientamento anche sul desiderio stesso di colui che esercita il sadismo verso il suo oggetto d'amore. Questa è la ricaduta masochistica dell'operato dell'ossessivo, che finisce per essere vittima proprio della sua stessa aridità affettiva. La sua spinta vitale viene sabotata dall'interno, dall'ostinazione cieca che ha nel concentrarsi solo su di sè e sui suoi bisogni.

Il terzo tempo è caratterizzato infine da un un forte senso di colpa da parte sua per ciò che ha causato, cogliendosi come l'agente che ha determinato l'appiattimento del rapporto. Tale vissuto sulle prime ha un effetto vitalizzante, ma la sua durata è breve. Vengono compiute delle azioni riparatorie finalizzate ad un recupero, che però cessano nel momento in cui nell'altra persona si riattiva il desiderio. Allora risorge nuovamente la spinta a prenderne le distanze, che si traduce in un ritorno al primo tempo di chiusura e di ripiegamento narcisistico (durante il quale si ripresentano puntualmente maltrattamenti e umiliazioni). Quando invece la compagna si allontana definitivamente, il senso di colpa e la prostrazione per essere stati abbandonati giungono ad un'intensità fortissima, che può portare ad idealizzare la donna perduta e a tentare in modo angosciato di riconquistarla.

La difficoltà ad amare incondizionatamente e la terapia 

Questi soggetti hanno una grandissima paura del legame basato sul desiderio e non sul mero bisogno. Sono capaci di slanci solo nei primi tempi della relazione, quando a predominare è l'appagamento dei bisogni di natura sessuale con tutto l'effetto euforizzante e di ritorno narcisistico che questo ha sui loro Ego.

Nel momento in cui il rapporto si fa più impegnativo ed emerge dunque la dimensione dell'esserci per l'altro, del donarsi, del desiderare su un piano profondo, dell'amare, del "dare all' Altro ciò che non si ha", del venire a patti con le mancanze proprie ed altrui, ecco che si tirano indietro, angosciati, minacciati dal timore di venire depauperati di qualcosa.

Un percorso psicoanalitico può aiutarli, a patto però che siano disposti a mettersi davvero in gioco, anche in una relazione di transfert con il loro analista.

Allora potranno prendere coscienza che non è l'oggetto d'amore insufficiente, ma che sono loro stessi a sabotare tutti i rapporti significativi della loro vita. Se tale visione viene assunta profondamente, essa porta inevitabilmente ad aprire il discorso su se stessi e sulle proprie ferite, suturate difensivamente attraverso la compattezza narcisistica. 

La conseguente accettazione nei confronti delle proprie debolezze porterà una nuova tolleranza verso il limite dell'altro. 

 

e

Narcisismo patologico

Altri articoli sull'amore

Donne che amano troppo

“Donne che amano troppo”, titolo di un famoso best seller americano degli anni ottanta, è stato ed è ancora (soprattutto fra le non più giovanissime) una sorta di mantra relativo alla sofferenza femminile in campo amoroso.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961